Frasi su nottata


Suso Cecchi D'Amico foto
Suso Cecchi D'Amico 49
sceneggiatrice italiana 1914 – 2010
„All'epoca nessuno scriveva una sceneggiatura [... ] senza fare almeno una nottata. [... ] La verità è che non c'era alcuna necessità di queste nottate, ma sarebbe sembrato brutto non farne almeno una. Tutti facevano largo uso di simpamina. Io la provai una volta, ma non mi fece nessun effetto. (pp. 25-26)“

Edoardo Bennato foto
Edoardo Bennato 71
cantautore, chitarrista e armonicista italiano 1946
„E la nottata non passa mai | Bella, appariscente, invidiata, invadente | Volgare, indecente, violenta, incandescente | Ma è la mia città. (La mia città)“


Angelo Branduardi foto
Angelo Branduardi 23
cantautore, violinista e chitarrista italiano 1950
„Momo volevo davvero farlo, sapevo che sarei riuscito benissimo. In realtà la colonna sonora doveva farla Giorgio Moroder, e quindi avevo pochissime possibilità di riuscita, poi è stato proprio Hohannes Schaaf a scegliere me, e a preferirmi. Io ho detto grazie e mi sono messo a lavorare in maniera pazzesca, quasi un anno, un lavoro enorme: pensa, su un'ora e quarantacinque di film ci sono cinquantacinque minuti di musica. E lì, come si dice, ho fatto le nottate, ho veramente cercato di dare il massimo. (citato in Cercando l'oro)“

Jonathan Safran Foer foto
Jonathan Safran Foer 162
scrittore statunitense 1977
„E questo è vivere vicino a una cascata, Safran. Ogni vedova si sveglia ogni mattina, forse dopo anni di un lutto puro e inossidabile, per rendersi conto di aver trascorso una bella nottata di sonno, e di poter far colazione, e di non sentire il fanstasma del marito ininterrottamente, ma solo a tratti. Al suo dolore subentra un'utile tristezza. Ogni genitore che ha perso un figlio troverà il modo di tornare a ridere. Il timbro si sbiadisce. La lama si smussa. Il dolore si affievolisce. Ogni amore è scolpito nella perdita.“

Diablo Cody foto
Diablo Cody 15
sceneggiatrice e scrittrice statunitense 1978
„Il mio modesto successo in ufficio non sigificava niente per me; non era indice del mio valore come persona. Al contrario, una sola nottata di spogliarello ben riuscita poteva portare la mia autostima a quote da Kilimanjaro. Quella era l'approvazione che contava, la garanzia che il marchio «Io» era pronto per la vendita. Nessun direttore finanziario sarebbe stato in grado di attribuire un prezzo alla mia intelligenza o alla mia etica del lavoro, ma sapevo con esattezza quanto valeva ogni singolo grammo del mio corpo in una qualsiasi serata sul banco della salumeria delle ragazze. Quel dato concreto era rassicurante; molto più del falso apprezzamento aziendale che avevo riscosso in passato. (p. 149-150)“

Giovanni Scafoglio foto
Giovanni Scafoglio 18
giornalista, musicista e critico musicale italiano 1970
„La Napoli di oggi è una città stanca, ma di quella stanchezza che non precede rabbia e voglia di cambiare le cose. Che è stanca piuttosto di attendere che passi la nottata. (dall'intervista a Il Mattino, 3 marzo 2011)“

Andrea Camilleri foto
Andrea Camilleri 124
scrittore, sceneggiatore e regista italiano 1925
„La nottata era proprio tinta, botte di vento arraggiate si alternavano a rapide passate d’acqua tanto malintenzionate che parevano volessero infilzare i tetti. (libro Gli arancini di Montalbano)“

Jeff Foxworthy foto
Jeff Foxworthy 3
attore, doppiatore e comico statunitense 1958
„Il problema del programma dell'autista designato è che non si tratta di un compito desiderabile, ma se mai vieni incastrato a farlo almeno divertiti. Al termine della nottata scaricali nella casa sbagliata.“


Daniela Volontè 29
scrittore 1973
„Ci sono due tipologie di pensieri che possono vorticare nella testa di una persona a quest’ora (e dopo una nottata insonne): quelli che si protendono nei progetti o nelle aspettative del futuro e quelli che si perdono nei ricordi del passato. I secondi sono sicuramente i più scomodi. Inoltre più tenti di tenerli lontano e più ti si fissano nella testa, ritornando continuamente, nonostante il tuo sforzo mentale di deviarli, costringendoti a pensare a tutt’altro. (libro Ricordami che sono felice)“

Giuseppe Ungaretti foto
Giuseppe Ungaretti 37
poeta italiano 1888 – 1970
„Un'intera nottata | buttato vicino | a un compagno | massacrato | con la sua bocca | digrignata | volta al plenilunio | con la congestione | delle sue mani | penetrata | nel silenzio | ho scritto | lettere piene d'amore || Non sono mai stato | tanto | attaccato alla vita (Veglia, Cima Quattro, 23 dicembre 1915; p. 25)“

Elena Ferrante 43
pseudonimo di una scrittrice 1943
„Ogni cosa del mondo era in bilico, puro rischio, e chi non accettava di rischiare deperiva in un angolo, senza confidenza con la vita. Capii all'improvviso perché non avevo avuto Nino, perché lo aveva avuto Lila. Non ero capace di affidarmi a sentimenti veri. Non sapevo farmi trascinare oltre i limiti. Non possedevo quella potenza emotiva che aveva spinto Lila a fare di tutto per godersi quella giornata e quella nottata. Restavo indietro, in attesa. Lei invece si prendeva le cose, le voleva davvero, se ne appassionava, giocava al tutto o niente, e non temeva il disprezzo, lo scherno, gli sputi, le mazzate. Lei insomma s'era meritata Nino perché riteneva che amarlo significasse provare ad averlo, non aspettare che lui la volesse. (volume secondo)“

William Faulkner foto
William Faulkner 32
scrittore, sceneggiatore e poeta statunitense 1897 – 1962
„Fuori, nell'aria fresca del mattino, Horace prese a respirare profondo. «Si riempia i polmoni» disse. «Una nottata in quel posto basterebbe a far venire il delirium tremens a chiunque. L'idea di tre persone adulte... Mio Dio, certe volte mi convinco che siamo tutti bambini, eccetto i bambini. ma oggi sarà l'ultimo giorno. A mezzogiorno uscirà libero: se ne rende conto?» (cap. 27, p. 258)“

Suzanne Collins foto
Suzanne Collins 75
scrittrice e sceneggiatrice statunitense 1962
„Peeta, com'è che non capisco mai quando hai un incubo? – chiedo. -Non lo so. Non credo di urlare o di agitarmi o roba simile. Mi sveglio soltanto, paralizzato dalla paura. -Dovresti svegliarmi – dco, pensando che in una brutta nottata posso interrompere il suo sonno anche due o tre volte. E che per calmarmi ci vuole un bel po'. -Non è necessario. Nei miei incubi di solito ho paura di perdere te – confessa. -E sto bene quando mi accorgo che ci sei. (Katniss e Peeta)“