Frasi su scheda


Haruki Murakami foto
Haruki Murakami 168
scrittore, traduttore e saggista giapponese 1949
„Tutti perdiamo continuamente tante cose importanti. Occasioni preziose, possibilità, emozioni irripetibili. Vivere significa anche questo. Ma ognuno di noi nella propria testa – sì, io immagino che sia nella testa – ha una piccola stanza dove può conservare tutte queste cose in forma di ricordi. Un po' come le sale della biblioteca, con tanti scaffali. E per poterci orientare con sicurezza nel nostro spirito, dobbiamo tenere in ordine l'archivio di quella stanza: continuare a redigere schede, fare pulizie, rinfrescare l'aria, cambiare l'acqua ai fiori. In altre parole, tu vivrai per sempre nella tua biblioteca personale.“

Luciano Moggi foto
Luciano Moggi 45
dirigente sportivo italiano 1937
„Schede svizzere? Le schede svizzere sono state un'idea della società Juventus e non mia. Le schede venivano tenute nella sede e non dal sottoscritto. Perché sono state acquistate? Sapevamo di essere spiati da Telecom e per questa ragione è nata l'idea di usare queste schede.“


Alfredo Accatino foto
Alfredo Accatino 113
autore televisivo e sceneggiatore italiano 1960
„Era una strana ragazza. Ho letto la sua scheda personale. Alla voce hobby ha scritto "autopsie.“

Arthur Schlesinger Jr. foto
Arthur Schlesinger Jr. 9
storico e saggista statunitense 1917 – 2007
„Se l'elettorato è bene informato, perché c'è libertà di parola e di dibattito, il consenso espresso con le schede non rappresenta una somma, ma il risultato di opinioni illuminate.“

Paolo Burini 188
scrittore, comico 1986
„La mia scheda della videoteca 24 ore su 24 si è spezzata a metà. Ho provato a usarla lo stesso: dal distributore è uscita una videocassetta spezzata a metà.“

 Caparezza foto
Caparezza 313
cantautore e rapper italiano 1973
„Il Ragno sa bene che si va al podere con schede firmate da prede incollate alle tele, ci sa fare! la vespa gli concede l'alveare: "Abbiate fede, le cose stanno per cambiare!“ da Gli insetti del podere, n.° 4)

Henry Furst 14
giornalista, scrittore e regista teatrale statunitense 1893 – 1967
„Il sistema democratico è come il cielo di Lombardia: tanto bello quando è bello; funziona tanto bene quando funziona.“ da Schede sparse, p. 372

Henry Furst 14
giornalista, scrittore e regista teatrale statunitense 1893 – 1967
„Gli elementi della felicità sono dati a tutti sotto forme diverse. Beato colui che sa combinarli, misero colui che resta inerme e disperato davanti alle vuote convenzioni degli uomini.“ da Schede sparse, p. 378


Henry Furst 14
giornalista, scrittore e regista teatrale statunitense 1893 – 1967
„I due filosofi sono immortali, e ciascuno dei due ha i suoi pregi. Preferiamo sceglierci Aristotele come guida nella vita, e Platone come ispiratore dei nostri sogni. Ma sarebbe una triste vita quella in cui fossimo costretti a rinunciare all'uno o all'altro.“ da Schede sparse, p. 379

Umberto Bossi foto
Umberto Bossi 113
politico italiano 1941
„Se necessario, per fermare i romani che hanno stampato queste schede elettorali che sono una vera porcata, e non permettono di votare in semplicità e chiarezza, potremmo anche imbracciare i fucili.“ citato ne Il Corriere della sera, 6 aprile 2008

Walter Fontana 105
umorista, sceneggiatore e scrittore italiano 1957
„Pravettoni: ripercorriamo la sua battaglia per diventare sindaco di Milano. Primo turno: ottiene 700000 voti, ma sono tutti su una sola scheda, la sua! Questo capitolo lo estromette dal ballottaggio, cui comunque Pravettoni si ripresenta perché non sa cosa significa 'estromette'. Ottiene altri 700000 voti, stavolta su schede diverse, che vengono però giudicate nulle perché ricavate da buoni sconto della Carter & Carter, la multinazionale i cui bilanci sono esposti al Museo Criminale di New York.“

José Saramago foto
José Saramago 228
scrittore, critico letterario e poeta portoghese 1928 – 2008
„... ma il comune, questo, è della città e non la città del comune, spero di essere stato sufficientemente chiaro, signor ministro, Talmente chiaro che le farò una domanda, A sua disposizione signor ministro, Ha votato scheda bianca, Come, prego, non ho sentito bene, Le ho domandato se ha votato scheda bianca, le ho domandato se era in bianco la scheda che ha depositato nell'urna, Non si sa mai, signor ministro, non si sa mai, Quando sarà tutto finito, spero di avere con lei una lunga conversazione, Ai suoi ordini, signor ministro, Buonasera, Buonasera, Avrei voglia di venir lì a darle una tirata di orecchio, Non ho più l'età, signor ministro, Se un giorno dovesse essere ministro dell'interno, saprà che per le tirate di orecchio e altri rimproveri non c'è mai stato limite di età, Che non la senta il diavolo, signor ministro, Il diavolo ha un udito talmente buono che non ha bisogno che gli dicano le cose a voce alta, Che dio ci aiuti, allora, Non vale la pena, è sordo dalla nascita.“


Robert M. Pirsig foto
Robert M. Pirsig 60
scrittore e filosofo statunitense 1928
„Sulla cuccetta del pilota, i contenitori con gli appunti per il libro a cui stava lavorando erano stati spinti da una parte dalla valigia di Lila. Uno dei quattro, anzi, era proprio sul bordo, a un pelo dal rovesciarsi. Ci mancava solo che tremila schede 10x15 finissero sparpagliate sul pavimento.
Andò a regolare la molla fermaschede e spinse i contenitori al sicuro verso il fondo della cuccetta. Poi tornò a sedere. Sarebbe stato meno grave perdere la barca, che quelle schede. Ne aveva circa undicimila. Il risultato di quasi quattro anni di continue classificazioni e riclassificazioni. Era quasi impazzito nel cercare di dare loro un ordine e più volte era stato sul punto di rinunciare.
Riguardavano quella che lui chiamava «Metafisica della Qualità» o «Metafisica del Valore» o, più brevemente, «MQ».“
p. 34

„[Steve Jobs] Dava giudizi, che era poi il suo miglior talento: sulle tastiere, sul design della scatola, sul logo, su quali parti comprare, sulla progettazione delle schede, sulla connessione delle parti, i venditori da selezionare... sul metodo d'assemblaggio, quello di distribuzione, insomma su ogni cosa.“ da Hackers – Gli eroi della rivoluzione Informatica

Leonardo Sciascia foto
Leonardo Sciascia 123
scrittore e saggista italiano 1921 – 1989
„Il 18 aprile del 1948, nel sonno dell'alba, Calogero Schirò vide Stalin. Era un sogno dentro un sogno, Calogero stava sognando un gran mucchio di schede elettorali, ne aveva firmate un migliaio la sera prima poiché il partito l'aveva designato scrutinatore; vedeva tutte quelle schede e a un certo punto sulle schede una mano pesante che usciva dalla manica di una giubba militare di quelle all'antica. Nel sogno pensò 'ora sto sognando, questo è Stalin' e alzo gli occhi a guardare Stalin in faccia. Aveva una faccia scura, Calogero pensò 'è incazzato, c'è qualcosa che va per traverso' e subito fece un esame di coscienza per sé e per la sezione di Regalpetra, trovò piccole macule, il vice che in municipio aveva fregato un po' di zucchero Unrra e non era stato espulso, il segretario dei minatori che prendeva soldi per il disbrigo di certe pratiche: cominciò a sentirsi inquieto. Stalin parlò con marcato accento napoletano, disse "Calì, in queste elezioni abbiamo da perdere, non c'è niente da fare, i preti hanno la prima mano".“ Incipit del racconto La morte di Stalin, Opere – 1956.1971, p. 225

Gianfranco Miglio foto
Gianfranco Miglio 37
giurista, politologo e politico italiano 1918 – 2001
„La storia insegna che i prìncipi di tutti i tempi non hanno mai perso l'occasione di impiccare gli oppositori parlamentari, e questi ultimi di tagliare la testa al principe; né occorre molto ingegno per scorgere la stessa vicenda nelle esperienze politiche dei nostri giorni. La conflittualità 'totale' è l'essenza stessa della politica, e sonnecchia anche nel profondo dei più sofisticati e 'garantisti' fra i sistemi istituzionali.“ da Utopia e realtà nella Costituzione. Tre schede ed una considerazione generale in AA. VV., La Costituzione italiana. Il disegno originario e la realtà attuale, Milano, Giuffré 1980, pp. 249-262