Frasi su schizofrenico


Gilles Deleuze 19
filosofo francese 1925 – 1995
„Qualcuno ci ha chiesto se avessimo mai visto uno schizofrenico; no, no, non l'abbiamo mai visto. (da "L'Anti Edipo", scritto con Félix Guattari)“

Franco Basaglia foto
Franco Basaglia 20
psichiatra e neurologo italiano 1924 – 1980
„Per me, che si parli di psicologo o di schizofrenico, di maniaco o di psichiatra è la medesima cosa: sono tanti i ruoli, all'interno di un manicomio, che non si sa più chi è il sano o il malato.“


Vittorino Andreoli foto
Vittorino Andreoli 77
psichiatra e scrittore italiano 1940
„La disperazione è follia. La follia, la percezione della impossibilità di vivere: esserci, ma come non esserci. La disperazione come esperienza di follia è incompatibile con la vita. Vede morte, progetta morte e ammazza sé e l'altro. La disperazione è una follia possibile all'uomo, a tutti gli uomini; è anzi una prospettiva dell'uomo, si lega al suo bisogno di stare con l'altro, al fatto che da solo non può vivere, perché la vita umana non è solitudine ma condivisione, appartenenza, attaccamento. L'uccidere è un attimo di disperazione infinito e insanabile, e allora il mondo appare inutile e dannoso e un individuo si percepisce come irriducibile al mondo, come un alieno, come un alienato. Un sentimento umano, possibile, compatibile alla normalità. L'ammazzare si lega alla follia della normalità, a quella capacità dell'uomo che, se entrato in crisi, invece che aiutarlo a vivere lo trasformano in morte e lo spingono ad uccidere e rovinarsi, uccidersi. Diversa è la follia dal punto di vista clinico, ma anche da quello giuridico (l'incapacità di intendere e di volere: un'infermità che è sopravvenuta impedendo alla macchina umana di funzionare). Io vedo la follia come un meccanismo che ricalca quello della disperazione, della sensazione di fine: l'incomprensibilità del mondo, il tirarsene fuori. Stare ancora sul pianeta senza saperlo. Vicino agli altri senza aver bisogno dell'altro. Perdendo persino il ricordo delle parole e del loro significato, rinunciando a comunicare. La schizofrenia ne è un esempio straordinario: essere nel mondo come il mondo finisse e come se l'essere non avesse alcun senso, poiché ogni significato si pone in una relazione. Lo schizofrenico è un'isola, una monade chiusa in una cella dell'esistere, in una prigione del mondo. In isolamento perché così può ancora respirare. La vita che più si avvicina alla morte. Insomma, la follia ha già a che fare con la morte, anche se non nella sua rappresentazione corporea, bensì in quella psicologica, la personalità, e in quella sociale, le relazioni. Vi sono tre morti: quella del corpo, la più emblematica e assoluta, quella psicologica, che permette al corpo di essere ancora attivo e di rivestirsi persino di eleganza, e poi la morte sociale: privati di ogni dimensione, come se fossimo diventati trasparenti e, pur dentro una moltitudine, nessuno ci vedesse. Il folle è un morto che cammina e che respira. Se uccide lo fa senza disperazione, forse per stizza, è un cadavere che uccide. La follia ha già superato la disperazione e per questo vive senza vivere, vive da morta e, se uccide, uccide già morta. (da Il lato oscuro, Rizzoli, 2002)“

Ronald Laing foto
Ronald Laing 38
psichiatra scozzese 1927 – 1989
„La fenomenologia esistenziale tenta di caratterizzare la natura dell'esperienza della persona del suo mondo e sé stesso. Non è propriamente un tentativo di definire particolari oggetti della sua esperienza come fissare tutte le esperienze particolari all'interno del contesto dell'intero essere-nel-suo-mondo. Le cose folli dette e fatte dallo schizofrenico resteranno essenzialmente un libro chiuso, se non si comprende il loro contesto esistenziale. Nel descrivere un modo di diventare matto, devo cercare di mostrare che vi è una transizione comprensibile dal sano modo schizoide di essere-nel-mondo verso un modo psicotico di essere-nel-mondo. Circoscrivendo i termini schizoide e schizofrenico per le condizioni rispettivamente di sano e psicotico, non userò, naturalmente, questi termini nel loro solito quadro clinico psichiatrico di riferimento, ma in modo fenomenologico ed esistenziale. (Cap. 1 : Fondamenti esistenziali-fenomenologici per la scienza delle persone)“

Gregory Bateson 14
antropologo, sociologo e psicologo britannico 1904 – 1980
„Quale struttura connette il granchio con l'aragosta, l'orchidea con la primula e tutti e quattro con me? E me con voi? E tutti e sei noi con l'ameba da una parte e con lo schizofrenico dall'altra?“

Wilhelm Reich foto
Wilhelm Reich 26
medico e psichiatra austriaco 1897 – 1957
„Ciò che caratterizza la schizofrenia, è l'esperienza di questo elemento vitale;... per quanto riguarda il loro sentimento della vita, il nevrotico e il perverso stanno allo schizofrenico come il bottegaio sordido al grande avventuriero. (citato in Gilles Deleuze e Félix Guattari, L'Anti-Edipo, Minuit, 1972. pp. 496, ISBN 2.7073.0067.5, trad. it. L'anti-Edipo, Capitalismo e schizofrenia, tr. Alessandro Fontana, Einaudi, Torino 1975-2002)“

Melissa Panarello foto
Melissa Panarello 46
scrittrice, personaggio televisivo e saggista italiana 1985
„Mi sono accorta di esserne innamorata una sera di fine estate. Una sera elettrica, in una Roma cagna più che mai, ripiegata su se stessa quasi a scusarsi di fare rumore, di essere troppo bella, troppo schizofrenica, troppo antica. Roma di imperatori e usurai, di politici e tassisti, di ragazze perse e di ragazze in minigonna e tacchi a spillo, Roma dei vini e Roma delle latterie, delle chiese e dei puttani.“

„Mi chiedo spesso se tutti quelli che usano il cellulare siano in effetti dei brillanti schizofrenici che hanno trovato un modo elegante e socialmente accettabile di parlare da soli.“


Aby Warburg foto
Aby Warburg 6
storico dell'arte e critico d'arte tedesco 1866 – 1929
„L'intera umanità è eternamente schizofrenica. Forse esiste un comportamento nei confronti delle immagini della memoria che può essere definito ontogeneticamente originario e primitivo, benché rimanga secondario. In uno stadio successivo l'immagine della memoria non scatena un movimento riflesso pratico immediato, sia esso di natura religiosa o aggressiva. Ma le immagini della memoria sono ormai consciamente immagazzinate sotto forma di raffigurazioni o segni. Tra queste due fasi si situa un modo di trattare l'impressione che possiamo definire come forma di pensiero simbolico. (p. XX)“

Daniel Goleman foto
Daniel Goleman 31
scrittore, psicologo 1946
„Un’altra peculiarità degli schizofrenici è una tolleranza per il dolore superiore al normale. (libro Menzogna, autoinganno, illusione)“

Bruce Campbell foto
Bruce Campbell 3
attore, regista e produttore cinematografico statunitense 1958
„Gli attori che sostengono di immedesimarsi con il personaggio che interpretano sono schizofrenici o bugiardi.“

Alain Touraine foto
Alain Touraine 5
sociologo francese 1925
„La televisione sarà la base dell'opinione pubblica. Essa ha creato un mondo schizofrenico dentro il quale l'individuo o la massa non hanno spazio.“


Jeffrey Jones foto
Jeffrey Jones 3
attore statunitense 1946
„Mio fratello era schizofrenico e io lo consideravo diversamente da come si considera un fratello.“

Ewan McGregor foto
Ewan McGregor 27
attore britannico 1971
„La cosa si è ingrandita troppo. E' diventata troppo, già troppo schizofrenica. Insomma credeva di essere davvero quel testa di cazzo di Maxwell Daemon. E Maxwell Daemon credeva di essere Dio. (Film Velvet Goldmine)“

Orhan Pamuk foto
Orhan Pamuk 42
scrittore e saggista turco 1952
„La differenza tra colui che ama immaginarsi continuamente Napoleone e colui che crede di essere Napoleone è la differenza tra il sognatore felice e lo schizofrenico infelice. (libro Istanbul)“

Emmy Rossum foto
Emmy Rossum 2
attrice e cantante statunitense 1986
„Clint Eastwood, il regista di Mystic River, è estremamente quieto. Dice sempre che non si può lavorare nel caos. Ronald Emmerich, invece, urla nel megafono e c'è un gran chiasso fra una ripresa e l'altra. Mi sembrava di essere diventata schizofrenica: Clint ed i suoi collaboratori sussurrano, e quando Clint deve dire qualcosa, lo fa stando vicino alla cinepresa, non come altri registi che stanno davanti al monitor.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 25 frasi