Frasi su serial


Andy Warhol foto
Andy Warhol 89
pittore, scultore, regista, produttore cinematografico, ... 1928 – 1987
„Ai primi d'agosto del 1962 cominciai con le serigrafie. Volevo qualcosa di più forte, che comunicasse meglio l'effetto di un prodotto seriale. Con la serigrafia si prende una foto, la si sviluppa, la si trasferisce sulla seta mediante colla e poi la si inchiostra, cosicché i colori penetrano attraverso la trama salvo che nei punti dove c'è la colla. Ciò permette di ottenere più volte la stessa immagine, ma sempre con lievi differenze. Tutto così semplice, rapido, casuale: ero eccitatissimo. Poi Marilyn morì quello stesso mese, e mi venne l'idea di trarre delle serigrafie da quel suo bel viso, le mie prime Marilyn. (citato in Marilyn, p. 415)“

Diablo Cody foto
Diablo Cody 15
sceneggiatrice e scrittrice statunitense 1978
„La maggior parte delle ragazze che conoscevo odiavano le spogliarelliste con la ferocia solitamente riservata agli stupratori seriali. Usavano la parola «spogliarellista» come aggettivo per designare qualsiasi cosa fosse volgare, grossolana o di cattivo gusto. (p. 9)“


 Caparezza foto
Caparezza 313
cantautore e rapper italiano 1973
„Hai presente Kevin Spacey? | Bene, è lui Kaiser Souse nei Soliti Sospetti! | Serial killer di Seven? Kevin Spacey! | Cattivo di Superman? Kevin Spacey! | Perfetto Criminale? Kevin Spacey! (da Kevin Spacey n.° 11)“

Michael Moore foto
Michael Moore 37
regista statunitense 1954
„[su George W. Bush] È un bugiardo seriale. [... ] Ha mentito alla nazione sulle armi di distruzione di massa, sulle armi chimiche e biologiche in Iraq, sul fatto che Saddam Hussein avesse qualcosa a che fare con l'11 settembre eccetera eccetera eccetera. (p. 1)“

Bill Watterson foto
Bill Watterson 142
fumettista statunitense 1958
„Calvin: Perché la mia vita non è come questo serial? Perché non ho un mucchio di amici la cui unica occupazione è inventare avventure demenziali? Perché le mie conversazioni non sono infarcite di vittimismo spontaneo? Perché i miei amici non dimostrano una sentita sollecitudine quando ho dei problemi?
Hobbes: Perché non conosci pupe stratosferiche?
Calvin: Devo affidare la mia vita a qualche scrittore.“

Aldo Grasso foto
Aldo Grasso 66
giornalista, critico televisivo e docente italiano 1948
„Masterchef» conferma che il famigerato genere del reality sta attraversando una trasformazione interessante, vista all'opera anche con «Pechino Express»: si sperimenta oltre la diretta, oltre il televoto. Il raffinato lavoro di montaggio alla base di questi nuovi esempi permette di raccontare i concorrenti e le loro vicende in modo meno «grezzo», più pensato e interessante, dispiegando lungo le puntate una narrazione seriale anche complessa.“

„Purtroppo gli italiani hanno copiato l'America nelle cose meno valide (musica rock, bevande, fast food, moda banale, lingua monisillabica, serial televisivi), trascurando invece la loro tradizione più valida: che è quella della libertà e di una democrazia insieme laica e religiosa, che difende i diritti di tutti come punto di partenza, affinché siano i più dotati e volenterosi ad emergere per il bene comune. (citato in Libero, 3 giugno 2004)“

Donato Carrisi foto
Donato Carrisi 39
scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano 1973
„Li chiamiamo mostri perché li sentiamo lontani da noi, perché li vogliamo 'diversi'», diceva Goran nei suoi seminari. «Invece ci assomigliano in tutto e per tutto. Ma noi preferiamo rimuovere l'idea che un nostro simile sia capace di tanto. E questo per assolvere in parte la nostra natura. Gli antropologi la definiscono 'spersonalizzazione del reo' e costituisce spesso il maggior ostacolo all'identificazione di un serial killer. Perché un uomo ha dei punti deboli e può essere catturato. Un mostro no.» (pag. 27)“


„Henze, partito dalla dodecafonia, ha elaborato uno stile personale, sciolto da ogni rigore di sistema, che riunisce elementi di musica tonale e dodecafonica.
Con la sua opera «Koning Hirsch (Re Cervo), prima rappresentazione al'Opera di Berlino nel 1956, Henze ruppe apertamente con la dodecafonia, allora di moda in Germania, cercando di riscoprire una musica franca, non legata ad uno stile concentrato sugli elementi seriali della scuola viennese: weberiana e schönberghiana.“

Stefano Benni foto
Stefano Benni 143
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1947
„Idee politiche dell'incazzato. Quasi impossibili da stabilire. La sua ideologia ringhia e saltella su un ring che comprende razzismo e paternalismo, estetica nazista e repulisti staliniani, buonsenso e guerriglia, non nominando mai i nemici per nome ma chiamandoli appunto "quelli là" o vaporizzandoli in un vortice di insulti. Il suo odio indistinto è rivolto verso ogni forma di vita amministrativa, sociale e animale (ad esempio i cassieri degli sportelli e i ragazzi che vanno in discoteca, i cani che sporcano per strada). Perciò è difficile attribuirlo a uno schieramento politico, anche se ha i suoi amori, che sono per lo più beceri televisivi, tiranni del passato e chiunque abbia usato il mitra in maniera seriale.“

Felicity Huffman foto
Felicity Huffman 1
attrice statunitense 1962
„[Su Desperate Housewives] Il segreto del successo del serial credo si debba molto all'autore, Marc Cherry, che ha osato creare una satira dell'icona della famiglia senza però essere troppo crudele, distruttivo. Molte donne si riconoscono in Lynette, perché dice cose che non erano mai state dette prima, mostra "l'orrore della maternità" di cui non era permesso parlare. Non è la solita versione zuccherosa della madre, non ha paura di gridare che sta diventando pazza, che ha istinti omicidi eppure resta una madre normale. Trovo la maternità una prova estremamente difficile, stimolante, dura. E dico anche poco, a paragone della vera esperienza.“

Richard Ford foto
Richard Ford 14
scrittore statunitense 1944
„Insegnare è un gesto di non-abbandono seriale. (libro Canada)“


Sam Raimi foto
Sam Raimi 5
regista, produttore cinematografico e sceneggiatore stat... 1959
„Non mi piacciono i film sui serial killer: sono troppo reali e spiacevoli.“

Tess Gerritsen foto
Tess Gerritsen 4
scrittrice statunitense 1953
„Ho letto diversi libri di testo sulla psicologia dei serial killer, ma non ho consultato esperti in particolare. Ho sentito che la parte più importante per capire il personaggio è semplicemente quella di immaginare il mondo attraverso i suoi occhi. Se io sono un predatore, come faccio a guardare le altre persone? Come faccio ad analizzare una vittima? Come faccio a scegliere la mia preda? È tutta una questione di essere in grado di immergersi completamente nella personalità di qualcun altro. (ibidem)“

Chris O'Donnell foto
Chris O'Donnell 17
attore e produttore cinematografico statunitense 1970
„Callen: Chissà se i vicini sapevano di vivere accanto ad un cartello della droga.
- Sam: Perché i tuoi vicini sanno accanto a chi abitano?
- Callen: Certo che lo sanno. Sono uno scapolo d'oro!
- Sam: Un uomo tranquillo che vive solo? Classica descrizione di un serial killer! (Film NCIS: Los Angeles)“

Chris O'Donnell foto
Chris O'Donnell 17
attore e produttore cinematografico statunitense 1970
„Kensi: Ho ucciso un'altra pianta da interno. Sono 14 da luglio.
- Deeks: Aspetta. Tutto qui? È l'origine della tua scontrosità?
- Kensi: Era un cactus.
- Callen: Hai ucciso qualcosa che prospera nella Valle della Morte?
- Kensi: Sono tornata a prenderne un'altra, ma il venditore me lo ha impedito. Mi ha addirittura fatto una foto da mettere dietro la cassa.
- Sam: Hai una foto segnaletica al vivaio?
- Deeks: Per i crimini contro i cactus?
- Callen: È una serial killer di piante. (Film NCIS: Los Angeles)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 24 frasi