Frasi su tazza


Alessandro Mannarino foto
Alessandro Mannarino 12
cantautore italiano 1979
„Quando io sono solo con te | sogno immerso in una tazza di tè. | Ma che caldo qua dentro! | Ma che bello il momento! | Quando sono con te | non so più chi sono perché | crolla il pavimento | e mi sciolgo qui dentro. (da Me so' mbriacato, n. 2)“

Rick Riordan foto
Rick Riordan 35
scrittore statunitense 1964
„Adoro le riunioni di famiglia. Così intime, con le ghirlande natalizie appese al caminetto, una bella tazza di tè e un detective di Scotland Yard che non vede l’ora di arrestarti. (libro The Kane Chronicles - 1. La piramide rossa)“


Ugo Tognazzi foto
Ugo Tognazzi 29
attore italiano 1922 – 1990
„Una buona tazza di cioccolata verso le undici apre lo stomaco per il pranzo. (Film La grande abbuffata)“

Vladímir Putin foto
Vladímir Putin 17
politico russo 1952
„[Parlando dei guerriglieri ceceni, il 24 settembre 1999] Noi perseguiteremo dappertutto terroristi, e quando li troveremo, mi perdoni l'espressione, li butteremo dritti nella tazza del cesso. (da мочить в сортире, giornale russo; citato in Sebastian Smith, Grozny gangsters hold sway in a wasteland created by Russia, Times, 11 dicembre 2004)“

Bruce Lee foto
Bruce Lee 67
attore, artista marziale e filosofo statunitense 1940 – 1973
„[Recitando alcune righe che aveva scritto per il suo breve ruolo nella serie TV Longstreet] Non essere un'unica forma, adattala e costruiscila su te stesso e lasciala crescere: sii come l'acqua. Libera la tua mente, sii informe, senza limiti come l'acqua. Se metti l'acqua in una tazza, lei diventa una tazza. Se la metti in una bottiglia, lei diventa una bottiglia. Se la metti in una teiera, lei diventa la teiera. L'acqua può fluire, o può distruggere. Sii acqua, amico mio.“

Marcel Proust foto
Marcel Proust 229
scrittore, saggista e critico letterario francese 1871 – 1922
„Ma non è possibile che una scultura, una musica che dà un'emozione che sentiamo più elevata, più pura, più vera, non corrisponda a una certa realtà spirituale; altrimenti, la vita non avrebbe alcun senso. Così, nulla somigliava più d'una bella frase di Vinteuil a quel piacere particolare che avevo provato talvolta nella mia vita, per esempio davanti ai campanili di Martinville, a certi alberi d'una strada di Balbec o, più semplicemente, all'inizio di quest'opera, bevendo una certa tazza di tè. (1990, p. 1904)“

Stefan Zweig foto
Stefan Zweig 80
scrittore, giornalista e drammaturgo austriaco 1881 – 1942
„Il miglior centro di cultura per ogni novità rimaneva tuttavia il caffè. Per capire questo, bisogna ricordare che il caffè viennese rappresenta un'istituzione speciale, non paragonabile a nessun'altra al mondo. Esso è in fondo una specie di club democratico, accessibile a tutti in cambio di un'economica tazza di caffè, dove ogni cliente, versando quel modestissimo obolo, ha il diritto di starsene per ore a discutere, a scrivere, a giocare alle carte, ricevendo la posta e divorando soprattutto un illimitato numero di giornali e di riviste. Nei migliori caffè viennesi c'erano tutte le gazzette della città e non queste soltanto, ma quelle della Germania intera, nonché le francesi, le inglesi, le italiane e le americane, ed inoltre tutte le riviste letterarie ed artistiche di qualche importanza, dal Mercure de Pratice alla Neue Rundschau, dallo Studio al Burlington Magazine. (p.50)“

Asclepiade di Samo 3
poeta greco antico -320
„Spia dell'amore è il vino. | Una tazza dopo l'altra, convinsero Nicàgora | che negava d'amarmi. | Pianse allora e piegò il capo nel sonno | con lo sguardo imbronciato, | e la corona gli pendeva da un lato. (XII, 135; traduzione di Salvatore Quasimodo)“


Rino Gaetano foto
Rino Gaetano 207
cantautore italiano 1950 – 1981
„[Durante il programma televisivo A Gino Paoli del 19/8/1977] L'effendi è quel signore che consuma abitualmente una tazza di petrolio alle cinque del pomeriggio. [fonte 9]“

Raymond Radiguet foto
Raymond Radiguet 32
scrittore e poeta francese 1903 – 1923
„Stéphane Mallarmé
Un ventaglio, volatrice che | Fu delizia delle immiti estati, | D'un fresco colpo d'ala ha sfiorato | l'uccello della tazza di tè.
Mallarmé
Un évent qui fut l'oiselle | Exquise des rudes étés | Effleure fraîchement de l'aile
L'oiseau peint sur la tasse à thé.“

Emily Dickinson foto
Emily Dickinson 60
scrittrice e poetessa inglese 1830 – 1886
„Portami il tramonto in una tazza | conta le anfore del mattino | le gocce di rugiada. | Dimmi fin dove arriva il mattino – | quando dorme colui che tesse | d'azzurro gli spazi. || Scrivimi quante sono le note | nell'estasi del nuovo pettirosso | tra i rami stupefatti – quanti passetti | fa la tartaruga – | Quante coppe di rugiada beve | l'ape viziosa. (Bring me the sunset in a cup, vv. 1-12; 1992)“

Ronald Laing foto
Ronald Laing 38
psichiatra scozzese 1927 – 1989
„Il fratello minore di mio padre, zio Jack [... ] era solito venire a casa nostra. Bussava e veniva fatto entrare, senza che lui dicesse una sola parola. Si toglieva giacca e berretto, lasciandosi addosso solo il panciotto; non si rimboccava mai le maniche della camicia. Mia madre spingeva la mobilia contro la parete e lasciava in fretta la stanza. Io andavo a mettermi dietro le tende. Allora lui e mio padre ci davan dentro. Non so quante volte si siano presi a cazzoti. Sarà stato più di una trentina di volte. Ogni cazzottata terminava quando zio Jack era a terra sul pavimento, non riusciva a rialzarsi e dava in escandescenze. Mia madre se ne dispiaceva molto; talvolta gli dava una tazza di tè, e lui delle volte mi dava mezza corona prima di andarsene. (p. 7)“


„Siate consapevoli delle forme. Guardatevi intorno e cercate un oggetto, uno qualsiasi. Esaminatelo bene e determinatene la forma. Scoprirete che la maggior parte degli oggetti sono composti da una combinazione di forme, e questa è una distinzione importante. Una tazza non è semplicemente un cerchio; è composta certamente da cerchi e archi, ma a seconda del design, potrebbe racchiudere altre forme che la distinguono. (p. 156)“

Roberto Bolaño foto
Roberto Bolaño 41
scrittore e poeta cileno 1953 – 2003
„Sebbene ognuna lavorasse una media di quindici ore al giorno riuscivano ancora a trovare il tempo, di notte, per farsi qualche bicchiere alla luce di una lampada a butano, sedute sulle sedie di plastica davanti alla tenda mentre scacciavano le zanzare e chiacchieravano delle loro cose. Fondamentalmente di come sono fetenti gli esseri umani. La merda, malleabile, quasi un linguaggio che cercavano invano di sviscerare, era presente in tutte quelle conversazioni notturne. Da loro venni a sapere che la gente cagava nelle docce, per terra, ai lati della tazza e sul bordo di queste, operazione di meticoloso equilibrio, non esente da un certo virtuosismo semplice e profondo. Con la merda scrivevano sulle porte e con la merda sporcavano i lavandini. Merda prima cagata e poi trasportata verso luoghi simbolici e vistosi: lo specchio, la bombola antincendio, i rubinetti; merda ammassata e poi manipolata per formare figure di animali (giraffe, elefanti, Topolini), stemmi del calcio, organi del corpo (occhi, cuori, peni).“

Aharon Appelfeld foto
Aharon Appelfeld 13
scrittore israeliano 1932
„La letteratura dice: guardiamo questa particolare persona. Diamole un nome, un luogo. Offriamole una tazza di caffè... la forza della letteratura risiede nella capacità di creare un'intimità. Quel genere di intimità che ci tocca personalmente. (citato in Daniela Padoan, Come una rana d'inverno. Conversazioni con tre donne sopravvissute ad Auschwitz, Bompiani, 2004)“

„Mi ricordo che nel 1840, essendo a Presinge, egli si faceva svegliare ogni mattina, alle cinque, dal suo cameriere, e a qualunque ora avanzata della notte si fosse coricato, scuoteva il sonno, e, avendo sorbito una tazza di caffè, con un bicchiere d'acqua, si metteva all'opera. Quest'opera consisteva nella lettura della Storia d'Inghilterra di lord Mahon, autore esatto e scrupoloso, ma scialbo e senza interesse. Ricordo quale repulsione invincibile m'ispirava il solo aspetto di questi volumi. Ma Camillo di Cavour aveva risoluto d'imparare l'inglese, e, al fine di questo studio avesse nello stesso tempo per risultato di fargli conoscere la storia d'Inghilterra, consacrava senza stancarsi le sue mattinate a tradurre un libro noioso, scritto in una lingua ch'egli ignorava. Più tardi trovandomi con lui nella terra di Leri, partivo allo spuntar del giorno per la caccia. Non m'è accaduto una sola volta di partire senza che Cavour mi salutasse con uno di quegli auguri che fanno la disperazione del cacciatore, e benché non avesse alcuna intenzione di andare a tirare le beccaccine, era sempre in piedi dall'alba, esaminando i conti, visitando le stalle, fissando i particolari di qualche miglioramento, sorvegliando lo sballaggio di qualche nuova macchina e occupando i momenti perduti per qualsiasi altro con la lettura di un libro sostanzioso italiano, francese e inglese, di agricoltura, d'economia politica e di storia. (citato in Cavour, l'uomo e l'opera)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 55 frasi