Frasi su troupe


 Pif foto
Pif 30
conduttore televisivo e scrittore italiano 1972
„Questo programma equivale per me al sabato sera di Raiuno. Curo tutto, anche il montaggio. Privilegio l'immediatezza più che la qualità dell'immagine. "Il testimone" fatto con una troupe sarebbe diverso. Cogli cose che altrimenti non succederebbero proprio. Metto rec e registro.“

Rino Tommasi foto
Rino Tommasi 72
giornalista e conduttore televisivo italiano 1934
„Barry MacKay è stato un campione che non si è mai preso sul serio. Da giocatore dilettante prima, da professionista della troupe Kramer poi, da commentatore per la NBC, da compagno di merende e di bevute fino agli ultimi giorni della sua vita non si è mai negato una battuta, un ricordo, una risata.“


Werner Herzog foto
Werner Herzog 29
regista, sceneggiatore e produttore cinematografico tedesco 1942
„Gli indios hanno attaccato alcuni della troupe [... ] io ho detto loro "per favore non fatelo, abbiamo bisogno di loro almeno finché arriviamo alla fine delle riprese.“

Volker Schlöndorff foto
Volker Schlöndorff 4
regista tedesco 1939
„Il regista è indubbiamente un artista solitario, talvolta un genio melanconico e incompreso, ma è in primo luogo un caposquadra. È giudicato soprattutto per la sua capacità di motivare la troupe. Il suo partner principale è il direttore della fotografia, perché da lui dipendono non solo la qualità dell'immagine, l'atmosfera del film e il ritmo delle riprese, ma anche il vostro rapporto con gli attori che sentono immediatamente se la vostra intesa funziona o no. (pp. 63-64)“

Arthur Ashe foto
Arthur Ashe 28
tennista statunitense 1943 – 1993
„[Su Wimbledon] Adesso che viaggiamo come una troupe di cani ammaestrati, venti volte il giro del mondo in un anno, è una cosa incredibile ritornare per 15 giorni in un luogo in cui tutto funziona con amore. Darei un anno di vita, magari una mano, pur di farcela [a vincere il torneo]. È un posto incredibile, un posto dove tutti dovremmo vestirci puliti, di bianco, se già non ci fosse quella regola.“

Lorenzo Mattotti foto
Lorenzo Mattotti 2
fumettista e illustratore italiano 1954
„Il cinema mi ha sempre accompagnato, è stato una miniera d'immagini e ha molto influenzato il mio modo di raccontare. Da giovane sognavo di fare il regista più che il disegnatore, ma non ne avevo le competenze e ho scelto il fumetto. Ci sono stati dei momenti in cui avrei potuto tuffarmi nel grande schermo, ma mi spaventa il rapporto con la troupe e gli attori. (dall'intervista di Andrea Fornasiero, FilmTV, 7 gennaio 2009, p. 6)“

„Agli esordi [Gary Cooper] viveva e lavorava, come lui stesso afferma "in un'agonia di insicurezza". Quello che nasce come un limite finisce per trasformarsi in una caratteristica fondamentale della sua recitazione, addirittura in uno stile. Non enfatizzare, limitare l'azione alla sua stretta funzionalità rende il suo agire quasi impercettibile agli occhi degli astanti (registi, attori, troupe) ma sraordinariamente efficace quando viene proiettato sullo schermo.“

Shigeru Miyamoto foto
Shigeru Miyamoto 16
autore di videogiochi giapponese 1952
„Se avete presente personaggi come Braccio di Ferro e i fumetti di una volta, ricorderete come spesso i personaggi assumano ruoli diversi, a seconda dell'episodio. Capita che in uno siano uomini d'affari e in un altro dei pirati. A seconda della storia raccontata, il loro ruolo cambiava. Quindi, in un certo senso, vedo i nostri personaggi nello stesso modo, e penso che possano ricoprire ruoli diversi in giochi diversi. Sono più come una grande famiglia, o come una troupe di attori.“


Wong Kar-wai foto
Wong Kar-wai 10
regista cinese 1958
„In realtà, penso continuamente a fare film. Ho sempre avuto voglia di riprese che fossero come il circo di una volta, permanentemente funzionanti: si succederebbero senza interruzione, come gli spettacoli di alcuni cinema o di alcune attrazioni da fiera. Si lavorerebbe in troupe e si girerebbe senza sosta. Sognavo di girare così dieci film in diciotto mesi, viaggiando. Perché, per me, l'ispirazione viene dai viaggi. [... ] Mi piace molto girare film. È per questo motivo che le mie riprese durano così a lungo: mi innamoro dei film e non voglio abbandonarli... (p. 142)“

Mario Soldati foto
Mario Soldati 64
scrittore e regista italiano 1906 – 1999
„Intorno a un film vediamo spesso occupati, dal mattino alla sera, con meraviglioso accanimento, ragazzi per natura pigri e oziosi, ragazzi che fino al giorno in cui entrarono a far parte di una troupe cinematografica avevano vissuto come potevano, ma non si erano mai rassegnati a lavorare. Al cinematografo soltanto si adattarono: perché nonostante la smisurata fatica [... ] il cinematografo non ha appunto nulla del lavoro, del dovere: è vario e complesso come la vita medesima. (p. 52)“

Jack Cardiff foto
Jack Cardiff 4
regista e direttore della fotografia inglese 1914 – 2009
„[Sul set di La regina d'Africa] Ci siamo presi tutti quella tremenda dissenteria, e Kate stava male come tutti gli altri. Bogey e Huston, ovviamente, sono sempre stati benissimo, e noi dicevamo scherzando che era perché bevevano soltanto whiskey e non avevano mai toccato l'acqua. Tutti gli altri della troupe sono stati male, e anche Kate, ma lei era molto coraggiosa, si metteva davanti alla macchina da presa e recitava come se niente fosse, magari pallidissima o con quel colorito verdognolo degli ammalati. A volte faceva mettere un secchio appena fuori della portata della cinepresa e tra una ripresa e l'altra andava a vomitare. A quel tempo, naturalmente, non sapevamo di star male per colpa dell'acqua. Oltretutto, tutti sapevamo che Kate usava bottiglie di acqua Evian per lavarsi i capelli, cosa che tutti consideravamo uno spreco esagerato. Se quell'acqua se la fosse bevuta, anziché usarla per lavarsi, non si sarebbe presa proprio niente. (da Justin Bowyer, Conversations With Jack Cardiff, Art, Light and Direction in Cinema; citato in Portala al cinema, p. 70)“

Michael Fassbender foto
Michael Fassbender 15
attore irlandese 1977
„Si aspetta che tutti diano tutto, non solo gli attori, ma anche la troupe e lui stesso. Lavorare con lui è sempre un'esperienza molto speciale e molto istruttiva.“


Giancarlo De Cataldo foto
Giancarlo De Cataldo 70
scrittore, drammaturgo e magistrato italiano 1956
„La stazione era sventrata. Le sirene ululavano. Militari e volontari, fianco a fianco con le mascherine al naso, scavavano le macerie in cerca di un segno di vita. Qualcuno piangeva, i più moltiplicavano gli sforzi per rimandare l'appuntamento con la rabbia e lo sgomento. Arrivarono le troupe televisive. Una folla di parenti angosciati assiepava i binari. Circolava una parola maledetta e rivelatrice: strage. Le lancette del grande orologio del piazzale Ovest erano ferme sulle 10 e 25. L'ora in cui il cuore dell'Italia aveva preso a sanguinare. (pp. 239-240)“

Pipolo 5
sceneggiatore, regista 1933 – 2006
„E' più difficile scrivere sceneggiature che fare il regista, perché il regista ha tutta una troupe che tifa per lui, invece, quando scrivi, sei solo.“

Antonio Dipollina foto
Antonio Dipollina 4
giornalista, critico televisivo e scrittore italiano 1960
„Un gruppo di lavoro sta girando una terrificante fiction dal titolo "Gli occhi del cuore" (perfetto, e ognuno faccia gli abbinamenti che vuole con la realtà). Dal regista in giù, sono tutti rassegnati al peggio e al brutto, vorrebbero girare ben altro ma la vita li ha portati lì. La speranza è nei due giovani stagisti della troupe, vessati e martoriati, che stanno chiaramente a simboleggiare lo sguardo innocente dei giovani di fronte ai disastri umani, sociali, lavorativi dei 40-50enni. Il taglio è comico (ma potrebbe esserlo di più, premendo il pedale, senza paura di togliere spazio a messaggi e senso dell' operazione) e si ride spesso, con sano umorismo da strip Usa gestito da autori che sono un' oasi di speranza nel panorama attuale.“

David Lynch foto
David Lynch 17
regista, sceneggiatore e produttore cinematografico stat... 1946
„Le idee arrivano nei modi più impensati. Basta tenere gli occhi aperti. Qualche volta sul set capitano dei piccoli incidenti che mettono in moto l'immaginazione. Durante le riprese dell'episodio pilota dei Segreti di Twin Peaks, nella nostra troupe c'era un arredatore di nome Frank Silva. Mai e poi mai sarebbe dovuto comparire nella serie. Mentre giravamo alcune scene nella casa di Laura Palmer, Frank stava spostando dei mobili nella camera da letto della ragazza. Io mi trovavo nell'ingresso, sotto un ventilatore a soffitto. Una donna disse: "Frank, non spostare il cassettone davanti alla porta in quel modo. Non chiuderti dentro." Ebbi così una visione di Frank nella stanza. Lo raggiunsi di corsa e gli domandai: "Sei un attore?". Rispose: "Guarda caso sì", perché a Los Angeles sono tutti attori. Forse al mondo lo sono tutti. Così dissi: "Frank, in questa scena ci sarai tu". Girammo tre panoramiche della camera, due senza e una con Frank accucciato e immobile ai piedi del letto. Non avevo idea però di cosa significasse o a che cosa servisse questa scena. Di sera scesi al piano inferiore, stavamo girando la scena in cui la madre di Laura Palmer è sdraiata sul divano. Annientata dal dolore e dalla disperazione. Improvvisamente, vede qualcosa con l'occhio della mente e scatta a sedere di colpo, urlando. Sean, il cineoperatore, doveva manovrare la cinepresa e seguire il volto della donna mentre si alzava all'improvviso. Mi parve che avesse fatto un ottimo lavoro. Così dissi: "Stop! Perfetto, stupendo!". Sean dissentì: "No, per niente". "Perché?" "C'era qualcuno riflesso nello specchio." "Chi?" "Frank." Sono incidenti che capitano e mettono in moto l'immaginazione. Da cosa nasce cosa e se lasci fare ne nascerà un'altra completamente diversa.“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 24 frasi