Frasi su vassallo


Bernal Díaz del Castillo foto
Bernal Díaz del Castillo 4
esploratore spagnolo
„Passato un bivio, da cui si diparte una strada che va a Cuyacan, ci vennero incontro altri ambasciatori a darci il saluto del loro re: ci fermammo un poco e Cacamatzin, il signore di Iztapalapa, il signore di Tacuba e il signore Cuyuacan, ci precedettero per andare ad incontrare il gran Montezuma, che veniva in lettiga, accompagnato da grandi signori e da molti cacicchi suoi vassalli.“

Roger Federer foto
Roger Federer 352
tennista svizzero 1981
„Quanto a Federer, lodi e peana. Definitivamente schumacheriano, totalitario e imperturbabile nel correre da solo. Quindicesimo slam, record su record e tanti altri vassalli da spennare. Direte: ma lui che colpa ha? Nessuna, al di là di quella stitica frigidità passionale. Non è certo colpa sua se è troppo più forte degli altri, né – più ancora – se gli altri si accontentano di esserci. Preferendo, al morso, un imprecisato quanto sterile abbaiare. Senza mai smettere di scodinzolare al Padrone.“


Enzo Biagi foto
Enzo Biagi 222
giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano 1920 – 2007
„Nei cinque anni di governo del centrodestra, mai una volta Silvio Berlusconi si è fatto vedere in piazza il 25 aprile, mai una parola dedicata agli antifascisti, d'altra parte governare con gli eredi di Mussolini ha un prezzo che si deve pagare. Comunque, il Cavaliere, in piedi a Milano in piazza del Duomo, al fianco di partigiani come Ciampi, Boldrini e poi Tina Anselmi, Oscar Luigi Scalfaro, Massimo Rendina, Checco Berti Arnoaldi, Giovanni Pesce, Bruno Trentin, Giorgio Bocca, Pietro Ingrao, Rossana Rossanda, Giuliano Vassalli, e i compianti Luigi Pintor e Aldo Aniasi, sarebbe stato ridicolo nonostante il ruolo istituzionale. (p. 52)“

Angelo di Costanzo foto
Angelo di Costanzo 37
1507 – 1591
„Questo Pontefice chiamato Celestino V dimostrò quanta differenza sia dalla vita attiva alla contemplativa, perché essendo stato di tanta gran fama, ch'espose i Cardinali a crearlo Papa, si scoverse nell'altra tanto inetto, che i medesimi Cardinali si pentiro di averlo creato, ed egli stesso di avere accettato il Pontificato, e già non mostrava minor volontà di ritornare al suo eremo, che i Cardinali desideravano ch'egli il facesse, del che Re Carlo sentìa dispiacere grandissimo, perché quando fu creato se 'l tenne a grandissima ventura, essendo suo vassallo e di così santa vita, dal quale sperava ottenere quanto volea, e poiché vide che i Cardinali lo scoversero per uomo di poco valore, gli persuase che venìsse in Napoli per mantenerlo col fiato e col favor suo, ma non valse a ritenere la santa intenzione di Celestino, poiché tra pochi dì per ispirazione Divina, per la fiducia del Regno celeste, che gli fece vile il Regno terreno, o fosse, come dice Dante, per viltade, a mezzo Dicembre rinunziò il Papato in man de' Cardinali, e se ne ritornò al suo eremo. (p. 157-158)“

Eduard Gans foto
Eduard Gans 1
giurista e filosofo tedesco 1797 – 1839
„I sansimoniani [Louis de Rouvroy de Saint-Simon] hanno giustamente osservato che la schiavitù non è scomparsa; che, pur essendo formalmente abolita, materialmente essa continua a sussistere, nel modo più assoluto. Come nel passato c'è stata l'opposizione tra padrone e schiavo, poi tra patrizio e plebeo, e infine tra signore e vassallo, così ora assistiamo all'opposizione tra l'ozioso e l'operaio. Basta visitare le fabbriche per vedere centinaia di uomini e di done miseri e emaciati, che, al servizio e profitto di un solo uomo, sacrificano la salute e tutti i piaceri della vita in cambio di scarso cibo. Non è forse autentica schiavitù sfruttare l'uomo come una bestia, lasciandogli solo la libertà di morire di fame?
È forse impossibile destare in quei miseri proletari una scintilla di moralità ed elevarli fino a partecipare consapevolmente a ciò che adesso eseguono macchinalmente? L'idea che lo Stato debba provvedere ai bisogni della classe più numerosa e più povera penetra a fondo nel nostro tempo... La storia futura dovrà parlare più di una volta della lotta dei proletari contro le classi medie. (citato in Roger Garaudy, Karl Marx, traduzione di Marilena Feldbauer, Casa Editrice Sonzogno, Milano, 1974)“

Federigo Verdinois foto
Federigo Verdinois 14
giornalista, scrittore e traduttore italiano 1844 – 1927
„Ritiratosi fanciullo su quella vetta, la solitudine, l'aspra natura, gli studi severi, la monotonia della vita claustrale non lo staccarono dalla società degli uomini. Nobile di sangue, fu anche nobile di mente e di affetto. Frate, non volle assorgere con l'anima ad un arido cielo senza affetti e senza poesia; castellano, discese a vivere coi suoi vassalli e li guardò con occhio d'amico e di fratello. (da Profili letterari, Luigi Tosti, pp. 70-71)“

Alfred Bunn 1
imprenditore (imprenditore teatrale) 1796 – 1860
„Ho sognato che dimoravo in stanze di marmo. Con vassalli e servi al mio fianco, e di tutti quelli che si riunivano tra quelle pareti, io ero la speranza e l’orgoglio.“

John Milton foto
John Milton 58
scrittore e poeta inglese 1608 – 1674
„Oh, meglio Re nell'inferno che vassallo in cielo! (libro Il Paradiso perduto)“


Regina Isabella I di Castiglia 3
regnante 1451 – 1504
„Il Re non ha cugini, ma vassalli.“

Massimo Fini 76
giornalista, scrittore e drammaturgo italiano 1943
„Ora che il governo della Repubblica è caduto nel pieno arbitrio di pochi prepotenti, re e tetrarchi sono divenuti vassalli loro, a loro popoli e nazioni pagano i tributi; noi altri tutti, valorosi, valenti, nobili e plebei, non fummo che volgo, senza considerazione, senza autorità, schiavi di coloro cui faremmo paura sol che la democrazia esistesse davvero. (libro Senz'anima)“

Emilio De Marchi foto
Emilio De Marchi 37
scrittore italiano 1851 – 1901
„La penna é nella vita moderna ciò che la lancia fu nei secoli eroici: protegge, uccide, conquista. Chi non si addestra per tempo a maneggiar quest'arme, mal per lui! Il suo posto sarà tra i vassalli o i servi.“

John Milton foto
John Milton 58
scrittore e poeta inglese 1608 – 1674
„Ma qui signori,
Àrbitri di noi stessi almen saremo;
Perocchè non creò l'Onnipotente
Questo loco infernale, onde pentito
Poi ne lo invìdi e ne respinga. In tutta
Sicurtà regneremo; una corona
Degna è d'alti pensieri, ancor che splenda
Su questo abisso di dolori. Oh, meglio
Re nell'inferno che vassallo in cielo! (libro Il Paradiso perduto)“


Giovanni Leone foto
Giovanni Leone 5
6º Presidente della Repubblica Italiana 1908 – 2001
„Ricordo con precisione quel giorno; era una domenica, quando pronunziai alla presenza di Vassalli e dell'ex avvocato dello Stato, Manzari, la frase "Ho l'anima pronta e la penna a disposizione" per dire: io sono pronto a qualsiasi grazia purché mi sia proposta. Già in passato io mi ero molto occupato attraverso anche il Guardasigilli Bonifacio, il compianto Guardasigilli Bonifacio, il quale si attivò moltissimo alla ricerca di qualche detenuto che potesse essere oggetto di grazia perché si trovava al di fuori del giudicato.“

Vladímir Putin foto
Vladímir Putin 17
politico russo 1952
„Allo stesso tempo, vediamo tentativi di rilanciare il modello standardizzato di un mondo unipolare e di confondere le istituzioni di legge internazionale e di sovranità nazionale. Un tale mondo unipolare, standardizzato, non ha bisogno di Stati sovrani, ha bisogno di vassalli. Storicamente, questo rappresenta una negazione dell'identità e della diversità mondiale donataci da Dio. La Russia è d'accordo con quelli che credono che le decisioni debbano essere prese collettivamente e non nel buio al fine di servire gli interessi di alcuni Paesi o gruppi di Paesi. (dal discorso al Forum di Valdai, 19 settembre 2013)“

Gianfranco Fini foto
Gianfranco Fini 66
politico italiano 1952
„Se Berlusconi pensa di fare l'asso pigliatutto degli elettori di centro destra con una legge come la Vassallo è meglio che se lo tolga dalla testa perché una legge siffatta in Parlamento non passerà mai.“

Katherine Alice Applegate foto
Katherine Alice Applegate 25
scrittrice statunitense 1956
„«Io, Olaf Piedi-ferro, ho annunciato che guiderò questa spedizione e ho giurato che pagherò il riscatto preteso da Loki. Andate da Loki, il vostro padrone, e ditegli questo: lui vuole che noi distruggiamo gli adoratori del Sole, alleati con gli Hetwan. E noi lo faremo. Ma io non sono il vassallo di Loki. E non accetto intrusioni da parte delle sue schifose creature.» [disse Olaf]“