Frasi su vite


 Socrate foto
Socrate 83
filosofo ateniese -469 – -399 a.C.
„Sai dove si vende il pesce?» «Si, al mercato.» «E sai dove gli uomini diventano virtuosi?» «No.» «Allora seguimi» (citato in Diogene Laerzio, Vite dei filosofi)“

Kazuo Ishiguro foto
Kazuo Ishiguro 25
scrittore giapponese 1954
„Non mi era mai passato per la mente che le nostre vite, che fino a quel momento erano rimaste tanto strettamente intrecciate fra di loro, potessero disfarsi e separarsi per una cosa come quella. [... ] Se allora l'avessimo capito – chissà – forse ci saremmo tenuti più stretti l'uno all'altra.“


Kazuo Ishiguro foto
Kazuo Ishiguro 25
scrittore giapponese 1954
„Avete costruito le vostre vite su quello che vi abbiamo dato. Non sareste quello che siete oggi se non vi avessimo protetto. Non vi sareste immersi nelle lezioni, non vi sareste persi nell'arte e nella scrittura. Cosa avreste fatto, se aveste saputo cosa attendeva ciascuno di voi? Ci avreste detto che era tutto inutile... e come avremmo potuto controbattere?.“

Charles Bukowski foto
Charles Bukowski 280
poeta e scrittore statunitense 1920 – 1994
„Alcune persone non impazziscono mai. Che vite davvero orribili devono condurre.“

Cassandra Clare foto
Cassandra Clare 136
scrittrice statunitense 1973
„Io per te farei quasi tutto – rispose piano lui. – Per te morirei. E lo sai. Ma uccidere un'altra persona, un innocente? E se fossero molte vite innocenti? O magari il mondo intero? È davvero amore dire a qualcuno che, se dovessi scegliere tra lui e qualsiasi altra vita sul pianeta, sceglieresti lui? È che... non so. Ma esiste poi un tipo di amore che si possa definire morale?
– L'amore non è morale o immorale – disse Clary. – È amore e basta.– Lo so. Ma i gesti che compiamo in nome dell'amore, quelli sì, sono morali o immorali.“

Noyz Narcos foto
Noyz Narcos 129
rapper, beatmaker e writer italiano 1979
„Il regno del male dilaga prendendosi vite innocenti, agghiaccianti pensieri violenti degli adolescenti (da Il dramma, in Truceboys EP, 2000)“

Francesco Guccini foto
Francesco Guccini 241
cantautore italiano 1940
„E ancora non sai come potrai | trovare lungo i muri un' esperienza; | sapere vorrai, ma ti troverai | due anni dopo al punto di partenza. | E senti ancora quelle voci di mezzi amori e mezze vite accanto; | non sai però se sono vere o sono dentro all' anima soltanto. (Due anni dopo)“

Vasco Rossi foto
Vasco Rossi 241
cantautore italiano 1952
„Voglio una vita spericolata | di quelle vite fatte | fatte cosi... (da Vita spericolata, n.° 4)“


George R. R. Martin foto
George R. R. Martin 52
autore di fantascienza statunitense 1948
„Chi legge vive mille vite prima di morire" disse Jojen. "Chi non legge mai, ne vive una sola.“

Publio Virgilio Marone foto
Publio Virgilio Marone 130
poeta romano -70 – -19 a.C.
„Per la morte non c'è spazio, ma le vite volano e si aggiungono alle stelle nell'alto cielo. (IV, 226-7)“

Fabio Caressa foto
Fabio Caressa 54
giornalista e conduttore televisivo italiano 1967
„Intorno a loro territori ostili. Fieri nella piana del Campo Nuovo attendono. Gli sguardi scrutano la conquista. Il rumore dei nemici ha annunciato il loro arrivo. Salde le gambe sostengono il coraggio. Oggi è il giorno segnato nel destino delle loro vite. Quella che volge al crepuscolo, deve essere la sera della gloria. [Barcellona-Inter, 28 aprile 2010]“

Gue Pequeno foto
Gue Pequeno 90
rapper italiano 1980
„Le vie del signore sono finite, ho 7 peccati non 7 vite. (da Tornare Indietro)“


Chris Kyle foto
Chris Kyle 22
militare statunitense 1974 – 2013
„I miei colpi salvarono diversi soldati, le cui vite valevano chiaramente di più dell'anima perversa di quella donna. Posso stare davanti a Dio con la coscienza pulita di colui che ha assolto il proprio compito.“

Tom Regan foto
Tom Regan 53
filosofo statunitense 1938
„Le gabbie dei visoni, che ospitano le madri con i loro piccoli, possono contenere fino a otto animali. Se si eccettuano le tracce lasciate dal loro passaggio, i visoni in libertà, che vivono su territori che possono raggiungere i quattro chilometri in lunghezza, vengono avvistati raramente. I visoni sono animali notturni che trascorrono la maggior parte del tempo in acqua: la loro reputazione di ottimi nuotatori è in effetti ben meritata. I visoni rinchiusi in gabbia sono come pesci fuor d'acqua. Per la maggior parte del giorno camminano avanti e indietro ininterrottamente entro i confini delle loro vite mutilate, confini definiti dal loro andirivieni ripetuto all'infinito all'interno di un mondo di reti metalliche.
[... ] Imprigionati in un ambiente artificiale e privati della possibilità di esprimere il loro naturale desiderio di muoversi e nuotare, i visoni d'allevamento (ma vale lo stesso per tutti gli animali da pelliccia posti nelle medesime condizioni) manifestano segni di nevrosi (nel migliore dei casi) e di psicosi (nel peggiore). (pp. 166-167)“

Charles Bukowski foto
Charles Bukowski 280
poeta e scrittore statunitense 1920 – 1994
„La maggior parte della gente non è preparata alla morte, alla propria o a quella di chicchesia. Ne sono scioccati, terrorizzati. È come una grossa sorpresa. Che diavolo, non dovrebbe esserlo. Io mi porto la morte nel taschino. A volte la tiro fuori e le parlo: "Ciao bella, come va? Quand'è che vieni a prendermi? Sono pronto".
Nella morte non c'è niente di triste, non più di quanto ce ne sia nello sbocciare di un fiore. La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita, la pisciano via. La cagano fuori. Muti idioti. Troppo presi a scopare, film, soldi, famiglia, scopare. Hanno la testa piena di ovatta. Mandano giù Dio senza pensare, mandano giù la patria senza pensare. Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta. Sono brutti, parlano male, camminano male. Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire. (12/9/91, 11:19 PM; 2000, p. 13)“

John Steinbeck foto
John Steinbeck 75
scrittore statunitense 1902 – 1968
„Come facciamo a vivere senza le nostre vite? Come sapremo di essere noi senza il nostro passato? (libro Furore)“