Frasi di Alcide Cervi

Alcide Cervi foto

2   4

Alcide Cervi

I sette fratelli Cervi, ossia Gelindo ; Antenore ; Aldo ; Ferdinando ; Agostino ; Ovidio ed Ettore , erano i figli di Alcide Cervi e di Genoveffa Cocconi e appartenevano a una famiglia di contadini con radicati sentimenti antifascisti. Dotati di forti convincimenti democratici, presero attivamente parte alla Resistenza e presi prigionieri, furono torturati e poi fucilati dai fascisti il 28 dicembre 1943 nel poligono di tiro di Reggio Emilia. La loro storia è stata raccontata, fra gli altri, dal padre Alcide Cervi.


„Dopo un raccolto ne viene un altro, andiamo avanti!“

„Mi hanno detto sempre così, nelle commemorazioni: tu sei una quercia che ha cresciuto sette rami, e quelli sono stati falciati, e la quercia non è morta. Va bene, la figura è bella e qualche volta piango, nelle commemorazioni. Ma guardate il seme. Perché la quercia morirà, e non sarà buona nemmeno per il fuoco. Se volete capire la mia famiglia, guardate il seme. Il nostro seme è l'ideale nella testa dell'uomo.“

Autori simili