Frasi sull'amore

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema amore.

Argomenti correlati

Un totale di 5579 frasi sull'amore, il filtro:


Isabel Allende foto
Alessia Gazzola foto
Pubblicità
Vasco Rossi foto
Martin Luther King foto
Noyz Narcos foto
Adolf Hitler foto
Francesco d'Assisi foto
Pubblicità
Francesco d'Assisi foto
Charles Bukowski foto
Claudio Baglioni foto
Lucio Battisti foto

„Ah, l'amore, questo folle sentimento…“

— Lucio Battisti compositore, cantautore e produttore discografico italiano 1943 - 1998
da Questo folle sentimento

Pubblicità
Fabio Volo foto

„L'amore per sé è il ponte necessario per arrivare all'altro.“

— Fabio Volo attore, scrittore e conduttore radiofonico italiano 1972

Fabio Volo foto
Giovanni Testori foto

„Sull'atroce morte di Pasolini s'è scritto tutto; ma sulle ragioni per cui egli non ha potuto non andarle incontro, penso quasi nulla. Cosa lo spingeva, la sera o la notte, a volere e a cercare quegli incontri? La risposta è complessa, ma può agglomerarsi, credo, in un solo nodo e in un solo nome: la coscienza e l'angoscia dell'essere diviso, dell'essere soltanto una parte di un'unità che, dal momento del concepimento, non è più esistita; insomma, la coscienza e l'angoscia dell'essere nati e della solitudine che fatalmente ne deriva. La solitudine, questa cagna orrenda e famelica che ci portiamo addosso da quando diventiamo cellula individua e vivente e che pare privilegiare coloro che, con un aggettivo turpe e razzista, si ha l'abitudine di chiamare "diversi". Allora, quando il lavoro è finito (e, magari, sembra averci ammazzati per non lasciarci più spazio altro che per il sonno e magari neppure per quello); quando ci si alza dai tavoli delle cene perché gli amici non bastano più; quando non basta più nemmeno la figura della madre (con cui, magari, s'è ingaggiata, scientemente o incoscientemente, una silenziosa lotta o intrico d'odio e d'amore) e si resta lì, soli, prigionieri senza scampo, dentro la notte che è negra come il grembo da cui veniamo e come il nulla verso cui andiamo, comincia a crescere dentro di noi un bisogno infinito e disperante di trovare un appoggio, un riscontro; di trovare un "qualcuno"; quel "qualcuno" che ci illuda, fosse pure per un solo momento, di poter distruggere e annientare quella solitudine; di poter ricomporre quell'unità lacerata e perduta.“

— Giovanni Testori scrittore, drammaturgo e storico dell'arte italiano 1923 - 1993
da A rischio della vita, L'Espresso, 9 novembre 1975

Khalil Gibran foto
Avanti