„Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri.“

—  Gesù

13, 34 – 35
Nuovo Testamento, Vangelo secondo Giovanni

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 24 Agosto 2020. Storia
Gesù photo
Gesù119
fondatore del Cristianesimo -7 - 30 a.C.

Citazioni simili

Luciano De Crescenzo photo
Gregorio Nazianzeno photo
Leo Buscaglia photo
Tito Brandsma photo
Marcel Proust photo
Hayden Christensen photo

„[Su Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith] La pellicola coniuga la morte di un'anima perdutasi e l'amore, che continua con la nascita dei due figli. Non c'è sangue, c'è piuttosto la lava rossa dell'inferno del Male, che arma gli uni contro gli altri.“

—  Hayden Christensen attore canadese 1981

Origine: Citato in Giovanna Grassi, «Star Wars, violento per amore» https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2005/maggio/07/Star_Wars_violento_per_amore_co_8_050507050.shtml, Corriere della sera, 7 maggio 2005.

Papa Francesco photo
Tito Brandsma photo
Daniel Pennac photo
Italo Calvino photo
George Orwell photo
Hans Urs Von Balthasar photo
Madre Teresa di Calcutta photo
Paramahansa Yogananda photo

„Il saggio avrà l'amore mentre gli altri avranno il desiderio.“

—  Lucio Afranio poeta comico romano -150 - -90 a.C.

citato in Apuleio, Sulla magia e in sua difesa, EDIPEM, 1973

Pietro Gorini photo

„L'amore è la continuazione dell'odio con altri mezzi.“

—  Pietro Gorini autore televisivo e scrittore italiano 1955

Origine: L'arte di odiare, p. 168

Dalai Lama photo
Frigyes Karinthy photo

„Oltre a ciò che tutti sanno di un cane pechinese | vi dico davvero che quello zero di vituccia evanescente nelle mie palme | è stato niente di più e niente di meno che il puro amore stesso, | è stato sì, davvero, quel certo amore che con devota estasi | ed in lotte strazianti brama e insegue l'anima assetata | perché vuole fiammeggiare come roveto, | perché vuol boccheggiare come i pesci di Francesco. | Eccolo, è qui, ingenuo e minuto, scintillante e trasparente | come un pizzico di radio attivo estratto da centinaia di quintali di pece. | Non ha niente, né cervello né cuore, è solo amore, | più non ci sono ragioni o istinti, c'è solo l'amore. | Non ha neppure vita più, nemmeno vuole vivere, solo amare vuole. | Amore senza anima, senza sensi, senza vita. | In verità vi dico che anche a noi uomini farebbe bene amare così. | Lo so, vorremmo amarci, amare gli uni e gli altri e non noi stessi, | gli uni e gli altri e non quell'io fastidioso al quale siamo legati a vita. | Sarebbe bello amare, amare un altro e non compiangere sempre noi stessi. | So che siete buoni, ragazzi, buoni sotto quelle larve sfigurate dalla cattiveria. | Attendi, è vero, mio assassino, attendi, è vero, la mia morte? | Sarebbe bello amare, sarebbe bello, ma tu ti tormenti mentre sai che vivo. | Tutti aspettate insieme con me il momento d'amarmi, | ma morire io devo perché voi possiate amarmi, ricordarmi con lacrime.“

—  Frigyes Karinthy scrittore, poeta e drammaturgo ungherese 1887 - 1938

da Tommy, Monologo ingenuo sul cuore di un cane
Origine: In Mario De Micheli e Eva Rossi, Poesia ungherese del Novecento, Schwarz editore, Milano, 1960, p. 94.

Argomenti correlati