„Sa-ti pierzi un parinte, asta poate fi considerata o nenorocire. Sa-i pierzi pe amandoi, e curata neglijenta“

City of Bones

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Argomenti
asta
Cassandra Clare photo
Cassandra Clare212
scrittrice statunitense 1973

Citazioni simili

Rino Gaetano photo
Rino Gaetano photo
Orson Welles photo
Cecelia Ahern photo
Daniel Ciofani photo

„Sono anni che faccio il fantacalcio e per la prima volta ho potuto fare l'asta su di me. […] Quando ho fatto il primo gol contro il Carpi è stato bellissimo perché mi ero schierato e ho beneficiato del gol. Sono tornato nello spogliatoio ed ho detto ai miei compagni: "Comprarsi, schierarsi al fantacalcio e fare gol non ha prezzo."“

—  Daniel Ciofani calciatore italiano 1985

Origine: Dall'intervista di Bruno Majorano, Daniel Ciofani e il fantacalcio: "In panchina per scaramanzia, ma ho vinto con Higuain!" http://gianlucadimarzio.com/news-cat/d-ciofani-e-il-fantacalcio-cosi-mi-sono-preso-e-lasciato-in-panchina-ma-ho-vinto-con-moras/, GianlucaDiMarzio.com, 2 dicembre 2015.

Björn Borg photo

„Ho deciso che non venderò mai trofei e racchette e per questo le ho ritirate dall'asta. Ho capito che questi oggetti mi legano troppo alle mie vittorie; ero solo stufo di vedere troppi trofei in casa, avrebbero fatto felice un super-fan del tennis.“

—  Björn Borg tennista svedese 1956

Origine: Dichiarazione rilasciata dopo aver inizialmente deciso di vendere all'asta i suoi trofei e i suoi cimeli per via di problemi economici.
Origine: Citato in Federer vince, Borg vende http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Tennis/Primo_Piano/2007/07_Luglio/13/borg.shtml, Gazzetta dello Sport, 13 luglio 2007.

Gianni Brera photo
Raffaella Fico photo
Diablo Cody photo
Piercamillo Davigo photo
Claudio Rendina photo
Torquato Tasso photo
Filippo Tortu photo
Stefano Benni photo
Suzanne Collins photo
Emiliano Viviano photo
Washington Irving photo
Primo Levi photo

„Odio il punto esclamativo, questo gran pennacchio su una testa tanto piccola, questa spada di Damocle sospesa su una pulce, questo gran spiedo per un passero, questo palo per impalare il buon senso, questo stuzzicadenti pel trastullo delle bocche vuote, questo punteruolo da ciabattini, questa siringa da morfinomani, questa asta della bestemmia, questo pugnalettaccio dell'enfasi, questa daga dell'iperbole, quest'alabarda della retorica. Quando, come s'usa nei nostri tempi scamiciati, ne vedo due o tre in fila sul finir d'un periodo, che sembrano gli stecchi sul didietro di un'oca spennata, chiudo il libro perché lo sento bugiardo. Adesso v'è anche chi te l'accoppia con l'interrogativo, che par di veder Arlecchino appoggiato a Pulcinella. Tanto odio questa romantica lacrimuccia nera quando la vedo sgocciolare sulla povera candida pagina, che in essa mi immagino di scoprire or la causa or l'effetto, certo il chiaro simbolo di tutti i mali delle nostre lettere, arti e costumi. E se potessi far leggi, bandirei il punto esclamativo dalla calligrafia, dalle tipografie, dalle macchine da scrivere, dall'alfabeto Morse, con la speranza che a non vederlo più gli italiani se ne dimenticassero anche nel parlare e nel pensare, e pian piano espellessero dal loro sangue questo microbo aguzzo il quale dove arriva fa imputridire i cervelli e la ragione e rimbambisce gli adulti, accieca i veggenti, instupidisce i savi, indiavola i santi… Il punto esclamativo è il servo scemo dell'interiezione.“

—  Ugo Ojetti scrittore, critico d'arte e giornalista italiano 1871 - 1946

Cose viste

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“