„È difficile trovare il vero amore, quello facile, invece ,si trova sui marciapiedi di periferia.“

Modificato da Giuseppe Tobia. Ultimo aggiornamento 05 Aprile 2021. Storia

Citazioni simili

Giorgio Faletti photo
Nicolás Gómez Dávila photo
Epitteto photo
Gautama Buddha photo

„Facile a scorgere è l'errore altrui, difficile è, invece, il proprio.“

—  Gautama Buddha monaco buddhista, filosofo, mistico e asceta indiano, fondatore del Buddhismo -563 - -483 a.C.

252; 1994, p. 74
Dhammapada

Jennifer Aniston photo
François de La  Rochefoucauld photo

„La cosa che è più difficile trovare nelle avventure galanti è l'amore.“

—  François de La Rochefoucauld scrittore, filosofo e aforista francese 1613 - 1680

402
Massime, Riflessioni morali

Nick Cave photo
Tiziano Ferro photo
Vasco Rossi photo

„Come è facile scrivere difficile, e come è difficile scrivere facile!“

—  Libero Bovio poeta, scrittore e drammaturgo italiano 1883 - 1942

Origine: Don Liberato si spassa, p. 10

Aldo Palazzeschi photo
Gianna Nannini photo
Albert Einstein photo
Dionisio I di Siracusa photo

„È facile rinunciare al possesso di una grande fortuna nel momento in cui lo si desideri, difficile e impegnativo è invece prepararla e costruirla.“

—  Dionisio I di Siracusa -430 - -367 a.C.

citato in Tito Livio, XXIV, 22; 1997
Facile esse momento quo quis velit cedere possessione magnae fortunae; facere et parare eam difficile atque arduum esse.
Attribuite

Gautama Buddha photo

„Facili sono a farsi le cose non buone, dannose per noi stessi: ciò che, invece, è benefico, ciò che è buono, questo è davvero estremamente difficile a compiersi.“

—  Gautama Buddha monaco buddhista, filosofo, mistico e asceta indiano, fondatore del Buddhismo -563 - -483 a.C.

163; 1994, p. 66
Dhammapada

Tito Lívio photo

„È facile rinunciare al possesso di una grande fortuna nel momento in cui lo si desideri, difficile e impegnativo è invece prepararla e costruirla.“

—  Tito Lívio, libro Ab Urbe condita libri

Dionisio I di Siracusa: XXIV, 22; 1997
Facile esse momento quo quis velit cedere possessione magnae fortunae; facere et parare eam difficile atque arduum esse.
Ab urbe condita, Libro XXI – Libro XXX

Nassim Nicholas Taleb photo

Argomenti correlati