Frasi di Francis Herbert Bradley

Francis Herbert Bradley foto

12   0

Francis Herbert Bradley

Data di nascita: 30. Gennaio 1846
Data di morte: 18. Settembre 1924

Francis Herbert Bradley è stato un filosofo inglese, appartenente alla corrente idealista del neohegelismo inglese.

Quarto figlio del pastore evangelico Charles Bradley e della sua seconda moglie Emma Linton. Nella sua numerosa famiglia non mancarono veri talenti: il fratello, George Granville Bradley, ricoprì importanti cariche nelle istituzioni accademiche inglesi, Andrew Cecil Bradley, nato dal secondo matrimonio, fu, nel suo tempo, il più importante critico letterario di William Shakespeare. Nel 1856 Bradley frequentò il Cheltenham College sino al 1861 quando si trasferì al Marlborough College, diretto da suo fratello. Nei suoi studi inserì anche l'apprendimento del tedesco che, imparato sia pure in modo non approfondito, gli permise di leggere nella versione originale la Critica della ragion pura kantiana.

Nel 1862 corse il rischio di morire per una grave malattia e la sua salute malferma fu ulteriormente compromessa nel 1871 quando fu colpito da insufficienza renale. Queste condizioni di salute lo resero sempre più introverso e riservato e soggetto ad esaurimenti nervosi. Agli occhi del pubblico appariva avvolto in un'aura di mistero anche per le dediche delle sue opere a un personaggio sconosciuto identificato con le lettere E.R.

Nel 1870 ottenne una cattedra al Merton College dell'università di Oxford dove insegnò filosofia sino al termine della sua vita.

Le sue opere rivelano un atteggiamento religioso nonostante le sue critiche alla religiosità oppressiva del padre.

Ottenne numerosi riconoscimenti ufficiali sino al conferimento, per la prima volta a un filosofo, del prestigioso "Order of Merit" assegnatogli dal re Giorgio V del Regno Unito nel 1924. Morì nello stesso anno dopo pochi giorni di malattia; fu sepolto all'Holywell Cemetery di Oxford.


„L'uomo che ha smesso di avere paura ha smesso di provare interesse.“

„La nostra viva esperienza, fissata negli aforismi, irrigidita in freddi epigrammi. Il sangue del nostro cuore, mentre lo scriviamo, si trasforma in semplice inchiostro opaco.“


„Dove tutto è cattivo dovrebbe essere buono conoscere il peggio.“

„Il segreto della felicità è ammirare senza desiderare. E quella non è felicità.“

„Ci sono persone che, quando smettono di stupirci, smettono di interessarci.“

„Si dice che una ragazza con una bambola è una piccola mammina. È forse anche vero che la maggior parte della madri sono ancora bambine con giocattoli.“ ibidem, n. 23

„L'uomo che ha cessato di avere paura ha cessato di preoccuparsi.“ ibidem, n. 63

„Ci sono persone che non amano la nudità al punto che trovano qualcosa di indecente anche nella nuda verità.“ ibidem, n. 88


„La metafisica consiste nel trovare cattive ragioni di ciò che crediamo per istinto; ma anche trovare quelle ragioni è un istinto.“ libro Apparenza e realtà

„Eclettismo. Ogni verità è così vera che nessun'altra verità può essere falsa.“ da Aphorisms, n. 6, 1930

„La metafisica è l'arte di scoprire le ragioni non valide per le quali noi prevaliamo sull'istinto, ma cercare queste ragioni non è meno che un istinto.“ ibidem

„Il mondo è il migliore di tutti i mondi possibili, e tutto ciò che ne fa parte è un male necessario.“ da Appearance and Reality, prefazione, 1893

Autori simili