„Sta Napule, riggina d' 'e ssirene, | ca cchiù 'a guardammo e cchiù 'a vulimmo bbene. | 'A tengo sana sana dinto 'e vvene, | 'a porto dinto 'o core, ch'aggia fa'? | Napule, si' comme 'o zzucchero, | terra d'ammore – che rarità!“

—  Totò

da Zuoccole, tammorre e femmene
Poesie, A livella

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Totò photo
Totò27
attore, commediografo, paroliere, poeta e sceneggiatore ita… 1898 - 1967

Citazioni simili

Ernesto Murolo photo
Totò photo
Giuseppe Fiorelli photo
Ernesto Murolo photo
Totò photo

„Ll'ammore è comme fosse nu malanno | ca, all'intrasatta, schioppa dint' 'o core | senza n'avvertimento, senza affanno, | e te po' ffa' murì senza dulore.“

—  Totò attore, commediografo, paroliere, poeta e sceneggiatore italiano 1898 - 1967

da Ll'ammore
Poesie, A livella

Raffaele Viviani photo

„A vede' sti trezze' d'oro, | ca 'ncuietate' so' d' 'o viento, | pe' stu core è nu turmiento, | comm' 'o stisse a sceria''!… | Comme tu, spremmenno forte, | 'nzieme a 'e panne 'o 'nturcigliasse' | e, schiattannolo 'e putassa', | me l'hê fatto avvelená!“

—  Raffaele Viviani poeta, commediografo e compositore italiano 1888 - 1950

Lavannare'!...
Poesie
Origine: Trecce.
Origine: Agitate.
Origine: Strofinare, lavare.
Origine: Attorcigliassi.
Origine: Lisciva caustica.
Origine: Lavandaia.

Salvatore Di Giacomo photo

„E menato ncopp' 'o lietto | guardo, guardo nnanze a me… | Tengo 'o sole de rimpetto | dint' 'o core tengo a tte.“

—  Salvatore Di Giacomo poeta, drammaturgo e saggista italiano 1860 - 1934

(da Cuntrora, Voce luntane, Tutte le poesie, Newton Compton editori, 1991)
E buttato sul letto | guardo, guardo davanti a me... | Tengo il sole dirimpetto | dentro al cuore tengo a te.
Poesie

Renato Zero photo
Samantha Cristoforetti photo
John Ronald Reuel Tolkien photo
Pino Daniele photo

„A vita è 'nu muorzo ca nisciuno te fa dà | 'ncoppa a chello ca tene.“

—  Pino Daniele cantautore e musicista italiano 1955 - 2015

da Viento 'e terra, n. 4
Vai mo<nowiki>'</nowiki>

Ignazio Buttitta photo

„Comu ti chianciu | ora ca ti persi | Sicilia sfurtunata, | ca veniri nun pozzu | a vidiri la genti | di la me' terra; | e li centu paisi, | e li milli jardini, | e l'occhi lustri | di la picciuttanza; […].“

—  Ignazio Buttitta poeta italiano 1899 - 1997

da Sicilia luntana
Come ti piango, | ora che ti ho perso, | Sicilia sfortunata, | visto che non posso venire | a vedere la gente | della mia terra; | e i cento paesi, e i mille giardini, e gli occhi lucidi della giovinezza; [...].
Origine: In Prime e nuovissime, a cura di Marta Puglisi, Gruppo editoriale Forma, Torino 1983.

Franco Califano photo
Jacopone da Todi photo
Vincenzo Gioberti photo
Giovanni Boccaccio photo

Argomenti correlati