„Alza la coppa, capitano! Alzala alta al cielo, capitano, perché questa è la coppa di tutti gli italiani! Perché oggi grazie a voi abbiamo vinto tutti! Alzala alta perché oggi è più bello essere italiani!“

telecronaca al momento della consegna della coppa
Mondiali di calcio Germania 2006

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 01 Aprile 2021. Storia
Fabio Caressa photo
Fabio Caressa56
giornalista e conduttore televisivo italiano 1967

Citazioni simili

Giorgio Tosatti photo

„Alza la Coppa Dino, alzala perché il mondo la veda.“

—  Giorgio Tosatti giornalista italiano 1937 - 2007

citato anche in Corriere dello Sport, 12 luglio 1982
Tu chiamale, se vuoi, emozioni

Diego Armando Maradona photo
Bruno Pizzul photo
Federico Luzzi photo

„Sono un ragazzo fortunato: n. 167 del mondo con cinque italiani davanti e mi hanno regalato la vetrina della Coppa Davis!“

—  Federico Luzzi tennista italiano 1980 - 2008

Origine: Nel 2001 Luzzi poté esordire in Coppa Davis contro la Finlandia grazie anche allo "sciopero anti-Fit" dei migliori tennisti italiani (citato in Ubaldo Scanagatta, La leucemia si porta via Luzzi http://www.ubitennis.com/2008/10/25/128196-leucemia_porta_luzzi.shtml, Ubitennis.com, 25 ottobre 2008).

Gualtiero Marchesi photo
Walt Whitman photo

„O capitano! Mio capitano!“

—  Walt Whitman poeta, scrittore e giornalista statunitense 1819 - 1892

Althea Gibson photo
Benito Mussolini photo

„Oggi non ci sono più italiani di ponente o di levante, del continente o delle isole: ci sono soltanto degli italiani.“

—  Benito Mussolini politico, giornalista e dittatore italiano 1883 - 1945

21 settembre 1938; da Opera omnia, vol. 29, p. 156

Carla Bruni photo
Damiano Cunego photo
Bill Bryson photo

„Se gli italiani possedessero l'etica del lavoro dei giapponesi, potrebbero essere i padroni del pianeta. Grazie al cielo non ce l'hanno.“

—  Bill Bryson giornalista e scrittore statunitense 1951

Origine: Una città o l'altra. Viaggi in Europa, p. 192

Paolo Maldini photo
Bruno Longhi photo

„Ecco Gianluca Vialli: il glorioso, il valoroso, il caparbio, l'indomito capitano, Gianluca Vialli, riceve le congratulazioni, la medaglia da parte dei dirigenti dell'UEFA, da Lennart Johansson, da… Aigner, Gerhard Aigner. Tutti i giocatori che passano in rassegna… vedete l'entusiasmo: tocca a Jugović, seconda Coppa dei Campioni per lui, Paulo Sousa, è la prima volta, Michele Padovano, che anche lui ha contribuito in modo importante alla vittoria dei suoi compagni, poi Conte che è stato costretto, purtroppo per lui, ad uscire anzitempo, il gladiatore, vale a dire Moreno Torricelli, Porrini, che non ce l'ha fatta a scendere in campo ma comunque è stato importante in questa edizione della Champions League, poi Fabrizio Ravanelli, il pararigori Peruzzi, Ciro Ferrara, che ha segnato il primo calcio di rigore, poi Rampulla, il portiere meno battuto della Champions League, ricordiamolo, e poi il momento di Alessandro Del Piero che aveva contribuito ad un inizio travolgente. E siamo al momento della Coppa dei Campioni, attenzione! La Coppa dei Campioni che viene consegnata al capitano… è festa! È festa! La bacia! Vialli alza al cielo di Roma, al cielo d'Italia la Coppa dei Campioni! Un trofeo che inseguiva dal 1992, unitamente a Vierchowod e Lombardo, e che la stessa Juventus inseguiva da undici anni, dopo la triste vittoriosa notte di Bruxelles. È Juventus, è la festa della Juventus!“

—  Bruno Longhi giornalista e musicista italiano 1947

Ajax-Juventus, 22 maggio 1996, consegna del trofeo

Haruki Murakami photo
Giorgio Scerbanenco photo

„Io mi vergogno di essere uomo, capitano! Io do le dimissioni da uomo!“

—  Giorgio Scerbanenco scrittore italiano 1911 - 1969

Origine: Uomini ragno, p. 52

Argomenti correlati