„Tu salti presto dalla corba al vaglio; già parlavi di torta, or parli d'aglio.“

Origine: Proverbj, motti e sentenze ad uso ed istruzione del popolo, p. 235

Ultimo aggiornamento 04 Giugno 2020. Storia
Argomenti
vaglio
Cristoforo Poggiali photo
Cristoforo Poggiali52
bibliotecario, erudito ed ecclesiastico italiano 1721 - 1811
Modifica

Citazioni simili

Indro Montanelli photo

„Le mie idee sono sempre al vaglio dell'esperienza e l'esperienza mi impone di rivederle continuamente.“

—  Indro Montanelli giornalista italiano 1909 - 2001

Origine: Da un'intervista del 1971, tratta da III B, Facciamo l'appello di Enzo Biagi; anche in Indro Montanelli, gli anni della televisione http://www.rai.it/dl/Rai5/programma.html?ContentItem-f04f3982-e954-471e-8242-78f92423550d, puntata 7, di Nevio Casadio, Rai Premium, 2013.

Giuseppe Lazzati photo
Papa Giovanni Paolo II photo
George Steiner photo
Virginia Woolf photo
Luigi Tansillo photo
Mauro Leonardi photo
Pietro Aretino photo
Michele Loporcaro photo
Andrea Perrucci photo

„[Dichiarazione programmatica dell'intento 'prescrittivo' della opera teorica sulla commedia dell'arte] Io però se prendo a dar norma d'arte rappresentativa, mi protesto di quella voler scrivere, che chiamò Tullio: "Imitatio vitae, speculum consuetudinis, imago veritatis"; e che serva ad morum salubrem expurgationem, come autenticò lo Stagirita, che vaglia ad erudire le menti, a far detestare i vizii, & ad abbracciare le virtù, con portare sulle scene, gli esempi dell'enormità punite, e dell'azioni gloriose premiate.“

—  Andrea Perrucci drammaturgo, librettista e gesuita italiano 1651 - 1704

Dell'arte rappresentativa, premeditata e all'improvviso
Origine: La frase completa, frequentemente citata, è "Comoedia est imitatio vitae, speculum consuetudinis, imago veritatis" ("la commedia è imitazione della vita, specchio dei costumi e immagine dela realtà"). La frase, per noi perduta, è generalmente attribuita a Cicerone (De re publica, IV.11) anche se non vi è certezza sull'appartenenza a quest'ultima opera. L'attribuzione a Cicerone è fatta da Elio Donato (De Comoedia et Tragoedia, edizione Wessner, I.22.) il cui testo era facilmente fruibile nel Rinascimento perché incorporato come prefazione a Terentii Comoedia, un'edizione delle commedie di Terenzio del 1546.

Giovannino Guareschi photo
Franco Fochi photo
Mauro Leonardi photo
Jan Assmann photo
Gian Enrico Rusconi photo
Robert M. Pirsig photo

Argomenti correlati