„Il Natale è poesia ma è anche una grande esperienza di precarietà, perché Gesù nasce in una situazione di assoluta precarietà. E in una società in cui questa condizione è una delle caratteristiche più forti, abbiamo bisogno del messaggio positivo che viene dal Natale precario di Gesù.“

Ultimo aggiornamento 13 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Vittorio Sgarbi photo

„Quindi buon Natale a tutti, che non siete nati il giorno in cui è nato Gesù Cristo, ma dovete a Gesù Cristo la vostra libertà, l'uguaglianza, l'indipendenza della donna, la bellezza… Tutto!“

—  Vittorio Sgarbi critico d'arte, politico e opinionista italiano 1952

da Virus, Rai2, 3 dicembre 2015
Da programmi televisivi
Origine: Video su il giornale.it http://www.ilgiornale.it/video/cronache/virus-lezione-sgarbi-crozza-1202348.html.

Clemente Rebora photo

„[…] Gesù Signore, dammi il tuo Natale | di fuoco interno nell'umano gelo […].“

—  Clemente Rebora presbitero e poeta italiano 1885 - 1957

da Avvicinandosi il Natale
Origine: Citato in "Dolce Amor, Cristo bello!" Clemente Rebora e l’incontro con Cristo 7 - Attraverso l'oscurità dolorosa l'incontro con l'Amato http://www.culturacattolica.it/?id=114&id_n=30560, CulturaCattolica.it, 13 luglio 2012.

Enzo Jannacci photo
Roberto Gervaso photo

„Il sole ci dà il senso della vita; la luna, della sua precarietà.“

—  Roberto Gervaso storico, scrittore, giornalista 1937

Origine: Aforismi, p. 67

Emily Dickinson photo
Carlo M. Cipolla photo
Alain Elkann photo
Lev Nikolajevič Tolstoj photo

„Lëva è andato a Mosca con Tanja. Ho molta pena per lui, pena per la sua precarietà spirituale.“

—  Lev Nikolajevič Tolstoj scrittore, drammaturgo, filosofo, pedagogista, esegeta ed attivista sociale russo 1828 - 1910

9 agosto 1894, p. 386

Peppino De Filippo photo
Gesualdo Bufalino photo
Maria Grazia Cucinotta photo
Giacomo Leopardi photo

„Forse, in qual forma, in quale | stato che sia, dentro covile o cuna, | è funesto a chi nasce il dì natale.“

—  Giacomo Leopardi poeta, filosofo e scrittore italiano 1798 - 1837

vv. 141-143
Variante: Stato che sia, dentro covile o cuna,
È funesto a chi nasce il dì natale.

Bertolt Brecht photo

„Oggi siamo seduti, alla vigilia | di Natale, noi gente misera, | in una gelida stanzetta, | il vento corre di fuori, | il vento entra. | Vieni, buon Signore Gesù, da noi, | volgi lo sguardo: | perché Tu ci sei davvero necessario.“

—  Bertolt Brecht drammaturgo, poeta e regista teatrale tedesco 1898 - 1956

Origine: Da Poesie 1918-1933; citato in Gianfranco Ravasi, L'incontro: ritrovarsi nella preghiera, Oscar Mondadori, Milano, 2014, p. 51. ISBN 978-88-04-63591-8

Emil Cioran photo
Emil Cioran photo
Aldous Huxley photo
Alda Merini photo

„Gesù è il più grande favolista di tutti i tempi.“

—  Alda Merini poetessa italiana 1931 - 2009

La vita facile

Renato Pozzetto photo

„Il Natale, quando arriva arriva!“

—  Renato Pozzetto attore italiano 1940

spot pubblicitario

Cristina Comencini photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“