„Mi avevano chiesto un parere e io glielo avevo dato. Ma la maggior parte delle volte non lo volevano davvero. Quello che volevano da me era che convalidassi decisioni che avevano già preso o convenzioni già maturate.“

American Sniper

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Chris Kyle photo
Chris Kyle23
militare statunitense 1974 - 2013

Citazioni simili

Gesù photo
Lisandro photo
Cormac McCarthy photo
Lee Child photo
Plutarco photo
Gianna Nannini photo
Toninho Cerezo photo

„Cerezo: A Sgenuva me trovu benissimu.
Giornalista di Italia 1: Vedo che ha anche già preso un bell'accento genovese!“

—  Toninho Cerezo allenatore di calcio e ex calciatore brasiliano 1955

Origine: citato in AA. VV., Quelli che il baciccia, Fratelli Frilli Editori, Genova 2002.

Ambrose Bierce photo

„Riconsiderare (v. tr.). Cercare una giustificazione per una decisione già presa.“

—  Ambrose Bierce scrittore, giornalista e aforista statunitense 1842 - 1914

1988, p. 154
Dizionario del diavolo

Gustave Flaubert photo
Etty Hillesum photo
Henrik Ibsen photo
Oscar Pistorius photo
Gigi D'Alessio photo

„E si perderà | per un bacio dato già | quella voglia di giocare con le bambole.“

—  Gigi D'Alessio cantautore e produttore discografico italiano 1967

da Il cammino dell'età, n. 1
Il cammino dell'età

Flavio Claudio Giuliano photo

„Mosè ha dato della differenza delle lingue una ragione superlativamente favolosa. Dice che i figli degli uomini, riunitisi, volevano fabbricare una città e, in essa, una gran torre; ma Dio dichiarò: qui bisogna scendere e confondere le loro lingue.“

—  Flavio Claudio Giuliano imperatore romano 331 - 363

E, perché nessuno creda che io voglia darla ad intendere, leggiamo nel testo stesso di Mosè, quel che segue: «E dissero: "Orsù; fabbrichiamoci una città ed una torre, la cui cupola giunga fino al cielo; e facciamoci un nome prima di essere dispersi su tutta la faccia della terra". E scese il Signore a vedere la città e la torre, che i figli degli uomini edificavano. E disse il Signore: "Ecco, essi sono un medesimo popolo, e una medesima lingua hanno tutti; e questo cominciarono a fare; ed ora non resteranno dal compiere tutto ciò che hanno cominciato. Dunque: discendiamo là, e confondiamo la loro lingua, affinché non capisca l'uno la parola dell'altro". E li disperseil Signore Iddio su tutta la faccia della terra, ed essi cessarono di fabbricare la città e la torre».
Poi volete che a questo crediamo; ma voi non credete a ciò che dice Omero degli Aloadi, che tre montagne meditavano di porre l'una sull'altra, «onde fosse ascendibile il cielo». Per me io dico che questo racconto è ugualmente favoloso che quello. Ma voi, che il primo accogliete, per qual ragione, in nome di Dio, respingete la favola di Omero? Poiché questo - credo - uomini ignoranti non lo capiscono: che, se anche tutte le genti che popolano la terra avessero la medesima voce e la medesima lingua, fabbricare una torre che arrivi fino al cielo non potrebbero affatto, quand'anche facessero mattoni di tutta quanta la terra. Mattoni ce ne vorrebbero infiniti di grandezza pari a tutta intera la terra per arrivare al solo cerchio della luna. Ammettiamo pure che tutte le genti si siano riunite parlando una stessa lingua ed abbiano ridotto in mattoni e cavato le pietre di tutta la terra; come potranno arrivare fino al cielo, se anche la loro opera dovesse stendersi più sottile di un filo allungato? In conclusione: voi che stimate vera una favola così evidentemente falsa, e pretendete che Dio abbia avuto paura della unità di voce degli uomini e per questo sia disceso a confonderne le lingue, oserete ancora menare vanto della vostra conoscenza di Dio?
Contro i galilei

Filisto photo
Sun Tzu photo
Luca Ward photo
Albert Einstein photo
Cecelia Ahern photo

Argomenti correlati