„Finché non prenderai coscienza l'inconscio governerà la tua vita.
E tu lo chiamerai destino.“

Carl Gustav Jung photo
Carl Gustav Jung126
psichiatra, psicoanalista e antropologo svizzero 1875 - 1961
Pubblicità

Citazioni simili

Karl Kraus photo
Carl Gustav Jung photo
Pubblicità
Jane Roberts photo
Daisetsu Teitarō Suzuki photo
Carl Gustav Jung photo

„La mia vita è la storia di un'autorealizzazione dell'inconscio.“

—  Carl Gustav Jung psichiatra, psicoanalista e antropologo svizzero 1875 - 1961
Ricordi, sogni, riflessioni, da Ricordi, sogni, riflessioni

Tom Cruise photo
Carl Gustav Jung photo
Peter Altenberg photo
Edouard Claparéde photo
Bernardo Bertolucci photo
Carl Gustav Jung photo
Italo Calvino photo
Karl Marx photo

„Non è la coscienza degli uomini che determina la loro vita, ma le condizioni della loro vita che ne determinano la coscienza.“

—  Karl Marx filosofo, economista, storico, sociologo e giornalista tedesco 1818 - 1883
Source: Dalla prefazione a Per la critica dell'economia politica.

Amélie Nothomb photo
Carl Gustav Jung photo

„Distinguo quindi fra l'Io e il Sé, in quanto lIo è solo il soggetto della mia coscienza, mentre il Sé è il soggetto della mia psiche totale, quindi anche quella inconscia […]. Nelle fantasie inconsce il Sé appare spesso come una personalità di grado superiore o ideale: così Faust in Goethe e Zarathustra in Nietzsche.“

—  Carl Gustav Jung, libro Tipi psicologici
Tipi psicologici (1921), Ma, nello studiare la filosofia delle Upanishad, in noi cresce l'impressione che il completamento di questo percorso non è proprio il più semplice dei compiti. La nostra arroganza occidentale verso queste intuizioni del pensiero indiano è un segno della nostra barbara natura, che non ha il più remoto sentore della sua straordinaria profondità e sorprendente accuratezza psicologica. Siamo ancora così ignoranti che abbiamo effettivamente bisogno di leggi dall'esterno, e di una tavola della legge o di un Padre sopra, per mostrarci ciò che è buono e ciò che è giusto fare. E dato che siamo ancora barbari, qualsiasi fiducia nella natura umana ci sembra un naturalismo pericoloso e immorale. Perché questo? Perché sotto la sottile patina della cultura barbara, la belva selvaggia è pronta all'agguato, giustificando ampiamente la sua paura. But, as we study the philosophy of the Upanishads, the impression grows on us that the attainment of this path is not exactly the simplest of tasks. Our Western superciliousness in the face of these Indian insights is a mark of our barbarian nature, which has not the remotest inkling of their extraordinary depth and astonishing psychological accuracy. We are still so uneducated that we actually need laws from without, and a task-master or Father above, to show us what is good and the right thing to do. And because we are still such barbarians, any trust in human nature seems to us a dangerous and unethical naturalism. Why is this? Because under the barbarian's thin veneer of culture the wild beast lurks in readiness, amply justifying his fear. Source: Citato in A Tribute to Hinduism http://www.hinduwisdom.info/quotes61_80.htm#Q79.

Zucchero photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“