„O mio Signore Gesù, io sono pronto a venire dietro di te anche in carcere, anche alla morte, e immolare la mia vita per amor tuo, per te che hai sacrificato la tua vita per noi.“

Vita di sant'Antonio

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 14 Giugno 2020. Storia
Antonio di Padova photo
Antonio di Padova21
religioso e presbitero portoghese 1195 - 1231

Citazioni simili

Pietro apostolo photo

„Signore, con te sono pronto ad andare in prigione e alla morte.“

—  Pietro apostolo apostolo di Gesù e primo papa della chiesa cattolica -1 - 67 a.C.

Vangelo secondo Luca

Pietro apostolo photo
Cirillo di Alessandria photo
Lalla Romano photo

„Ama il prossimo tuo come te stesso: ama la tua morte come la tua vita.“

—  Lalla Romano poetessa, scrittrice e giornalista italiana 1906 - 2001

Minima Mortalia

Bruce Springsteen photo
Patrizia Valduga photo
Gesù photo

„Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo.“

—  Gesù fondatore del Cristianesimo -7 - 30 a.C.

17, 3
Nuovo Testamento, Vangelo secondo Giovanni

Christoph Schönborn photo

„Nella resurrezione [Gesù] lascia dietro di sé tutto quello che appartiene alla morte.“

—  Christoph Schönborn cardinale e arcivescovo cattolico austriaco 1945

Dio inviò suo figlio: cristologia

Thalía photo
Camillo Sbarbaro photo
Edward Morgan Forster photo
Alessandro Baricco photo

„Addio, Dann. Addio, piccolo signor Rail, che mi hai insegnato la vita. Avevi ragione tu: non siamo morti. Non è possibile morire vicino a te. Perfino Mormy ha aspettato che tu fossi lontano per farlo. Adesso sono io che vado lontano. E non sarà vicino a te che morirò. Addio, mio piccolo signore, che sognavi i treni e sapevi dov'era l'infinito. Tutto quel che c'era io l'ho visto, guardando te. E sono stata ovunque, stando con te. È una cosa che non riuscirò a spiegare mai a nessuno. Ma è così. Me la porterò dietro, e sarà il mio segreto più bello. Addio, Dann. Non pensarmi mai, se non ridendo. Addio.“

—  Alessandro Baricco, libro Castelli di rabbia

Castelli di rabbia
Variante: E' Jun. E' Jun che se ne va. Ha un libro, in mano, che la sta portando lontano. Addio, Dann. Addio, piccolo signor Rail, che mi hai insegnato la vita. Avevi ragione tu: non siamo morti. Non è possibile morire vicino a te. Perfino Mormy ha aspettato che tu fossi lontano per farlo. Adesso sono io che vado lontano. E non sarà vicino a te che morirò. Addio, mio piccolo signore, che sognavi i treni e sapevi dov'era l'infinito. Tutto quel che c'era io l'ho visto, guardando te. E sono stata ovunque, stando con te. E' una cosa che non riuscirò a spiegare mai a nessuno. Ma è così. Me la porterò dietro, e sarà il mio segreto più bello. Addio, Dann.

Juliette Binoche photo
Robert Jordan photo

„Il Signore delle Tenebre comanda la morte e può dare vita nella morte o morte nella vita, a suo piacimento.“

—  Robert Jordan scrittore statunitense 1948 - 2007

Howel Gode: capitolo 32
La ruota del tempo. L'occhio del mondo

Papa Giovanni Paolo II photo

„Lunga vita a te, Africa!“

—  Papa Giovanni Paolo II 264° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1920 - 2005

Jakov Borisovic Knjažnin photo
Marco Olmo photo
Richard Wagner photo

Argomenti correlati