„La diffidenza costituisce forse il maggior attentato alla società e così alla gioia di un convivere, convergere. Ma vi ci si rifugia spesso per sfuggire alla tristezza di una confidenza che si riveli malriposta, tradita.“

Origine: Ingegneria della felicità, p. 35

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 04 Giugno 2020. Storia
Silvio Ceccato photo
Silvio Ceccato14
filosofo e linguista italiano 1914 - 1997

Citazioni simili

Antoine Rivaroli photo

„Si è più spesso ingannati dalla diffidenza che dalla fiducia.“

—  Antoine Rivaroli scrittore, giornalista e aforista francese 1753 - 1801

citato in Umberto Eco, Sulla letteratura, Bompiani, 2003

Charles Darwin photo

„Genera più spesso confidenza l'ignoranza di quanto non faccia la conoscenza.“

—  Charles Darwin naturalista britannico che formulò la teoria dell'evoluzione 1809 - 1882

Lorenzo Scupoli photo
Giovan Francesco Paolo di Gondi photo

„Ci si lascia imbrogliare più spesso per troppa diffidenza che per troppa fiducia.“

—  Giovan Francesco Paolo di Gondi, libro Memorie

Memorie
Origine: Citato in Elena Spagnol, Citazioni, Garzanti, 2003.

Emilio Lussu photo

„Tristezza e gioia sono emozioni della stessa natura.“

—  Emilio Lussu, libro Un anno sull'Altipiano

cap. XXIII
Un anno sull'Altipiano

Papa Benedetto XVI photo
Giovanni Papini photo

„La tristezza del discendere è il prezzo pattuito della gioia del salire.“

—  Giovanni Papini, libro Storia di Cristo

Origine: Storia di Cristo, p. 178

Martín Lutero photo

„Lo spirito di tristezza viene dal diavolo, che ci invidia la gioia.“

—  Martín Lutero teologo tedesco 1483 - 1546

Origine: Breviario, p. 107

Léon Bloy photo

„Ho pensato spesso che il più pericoloso attentato che si possa fare all'anima è il peccato di omissione.“

—  Léon Bloy scrittore, saggista e poeta francese 1846 - 1917

La tristezza di non essere santi

Milan Kundera photo
Nicholas Sparks photo
Pietro Verri photo
Roland Barthes photo
Matteo Ricci photo
Max Gazzé photo
Italo Svevo photo
Ferdinando Camon photo
Albert Einstein photo

„La signora Curie è molto intelligente ma fredda come un'aringa, intendendo con ciò che è assolutamente priva di sentimenti di gioia e di tristezza. Forse l'unico modo in cui esprime i propri sentimenti è quando si scaglia contro le cose che non le piacciono.“

—  Albert Einstein scienziato tedesco 1879 - 1955

Origine: Da una lettera a Elsa Löwenthal, 11? agosto 1913; riportato in Collected Papers of Albert Einstein, volume 5, The Swiss Years: Corrispondance, 1902-1914, a cura di Martin Klein, A.J. Kox e Robert Schulmann, Princeton University Press, Princeton, 1993, doc. 465.
Origine: Pensieri di un uomo curioso, p. 47

Argomenti correlati