„Le cose che vanno, non torneranno mai | tra quelle che hai perso, qualcosa troverai.“

—  Fabrizio Moro, da Melodia di giugno, n.° 6
Argomenti
giugno, melodia
Fabrizio Moro photo
Fabrizio Moro45
cantautore e chitarrista italiano 1975
Pubblicità

Citazioni simili

Charles de Gaulle photo

„La Francia ha perso una battaglia ma non ha perso la guerra.“

—  Charles de Gaulle generale e politico francese 1890 - 1970
primo appello alla Francia da Londra, 18 giugno 1940

Vittorio Sgarbi photo
Pubblicità
Umberto Bossi photo
Barbara d'Urso photo
Julian Lennon photo
Tiziano Ferro photo

„Mi piacerebbe moltissimo fare qualcosa con Elisa, ha una voce incredibile. E in Italia è una numero uno.“

—  Tiziano Ferro cantautore italiano 1980
da Tiziano Ferro, sogno un duetto con Elisa di AGI, Kataweb, 11 giugno 2007

 Mina photo
Pubblicità
Roberto Castelli photo
Margaret Thatcher photo
Roy Dupuis photo
Claudio Baglioni photo
Pubblicità
Giuseppe Ungaretti photo

„Chiuso fra cose mortali || (Anche il cielo stellato finirà) || Perché bramo Dio?“

—  Giuseppe Ungaretti poeta italiano 1888 - 1970
Dannazione, Mariano, 29 giugno 1916; p. 35

Mario Natangelo photo
Emily Dickinson photo
Enrico Brizzi photo

„«Alex, non ti capita mai di pensare come la nostra storia sia assolutamente folle e fuori da tutti i canoni, e di come la gente non la capisca e di come nessuno la potrà mai capire?»
«Se è per questo, ci penso praticamente tutti i giorni. Anzi, spesso mi domando quanto ne capisco io»
«Un sacco di gente mi chiede perché non stiamo insieme e… non so, è strano, a pensarci bene. Effettivamente, visti dal di fuori dobbiamo dare l'idea di due che stanno insieme.»
«Io non sto con te perché… perché va bene così, perché giugno è fantastico, e sapere che c'è l'America che arriva, e allora dirsi tutto perché tra una settimana è troppo tardi, è magnifico. Qualcosa mi manca, e lo sai. Io vorrei baciarti e tutto il resto, ma non tanto per il gesto in sé… Davvero. E’ difficile… E’ come mettere le basi per addomesticarti un po’ di più. Farai più fatica a dimenticarti di me, così. Resteremo più attaccati ogni cosa in più che faremo. Io ho paura, per l'anno prossimo. Bacerò cento ragazze, andrò a letto con gente di cui non m'importa, ma non sarà come uscire con te e non dirsi niente per tutto il pomeriggio. Io so già che l'anno prossimo farò le cose più facili, più banali. E con te è tutto così trasparente e da ragazzini… Se penso che non ti ho mai baciata, Aidi…»
«Lo sai, bisogna sempre fare solo Quello Che Ci Si Sente.»
«Certo, dicevo così. Dicevo Quello Che Mi Sento.»
«E cosa ti senti, ancora?»
«Sento che questo giugno, questo scoprirsi ogni giorno di più, e ogni pezzo di me che scopro trovarne uno nuovo di te, e ogni pezzo di me che ti regalo trovarne in cambio uno che tu mi lasci nel calzino di lana di fianco al camino mentre dormo, è bello. A me non era mai successo. E vedere crescere Aidi e Alex, ogni giorno, ogni mattina di sole, che per il resto della gente non vuol dire niente di particolare, è sovvertire tutti i pronostici, è ridere di fronte all'Uomo con le Previsioni Sicure, quello che era certo che la Danimarca avrebbe preso una vagonata di gol e sarebbe stata eliminata nelle qualificazioni e invece si è qualificata e agli Europei giocherà con squadre molto più forti, e l'Uomo con le Previsioni Sicure non si raccapezza. La Gente capisce solo quando le cose sono già successe, mai mentre accadono. E per noi due è lo stesso. La Gente che non capisce come sia possibile, visto che l'Uomo dei Sondaggi aveva negato categoricamente che due come noi potessero avere una pazza storia del genere.»
«Fantastico. E la Danimarca come gioca?»
«Bene. Si vede che si divertono.»
«Alex», aveva detto lei, stringendogli le mani con una strana intensità che l'aveva turbato. «Io voglio che la Danimarca vinca.»“

—  Enrico Brizzi scrittore italiano 1974
Jack Frusciante Has Left the Band: A Love Story- with Rock 'n' Roll