„Se poi mi domandate in che consiste tanta bellezza, io vi risponderò come se mi aveste domandato: perché i poemi d'Omero sono belli? I poemi d'Omero son belli, perché sono belli, e se qualcuno volesse provarvelo con altri argomenti, ditegli che non capisce nulla e non avrete sbagliato.“

Origine: Napoli a occhio nudo, [Lettere a un amico], p. 48

Ultimo aggiornamento 04 Giugno 2020. Storia
Renato Fucini photo
Renato Fucini29
poeta e scrittore italiano 1843 - 1921
Modifica

Citazioni simili

Keira Knightley photo

„Essere belli è un'arma a doppio taglio. Non ho mai dato tanta importanza alla bellezza. Il tuo aspetto ti porta ad ottenere certi ruoli cinematografici, ma abbassa la tua credibilità nei confronti di altri. È così che funziona.“

—  Keira Knightley attrice britannica 1985

Origine: Da un'intervista rilasciata a Madame Figaro; citato in Keira Knightley: «La bellezza? Un'arma a doppio taglio» http://www.vanityfair.it/people/mondo/14/04/03/keira-knightley-bellezza-intervista-foto, Vanity fair.it, 3 aprile 2014.

Alain Mabanckou photo
George R. R. Martin photo
Attilio Momigliano photo
Giorgio Faletti photo
Fabio Volo photo
Mark Twain photo
Gianrico Carofiglio photo
Alessandro Baricco photo
Eugenio Corti photo
Jonathan Safran Foer photo
Agostino d'Ippona photo
Denis Diderot photo

„Bello è un termine che noi applichiamo a innumerevoli esseri; ma per quanta sia la differenza tra questi esseri, bisogna concludere o che noi facciamo una falsa applicazione del termine bello, o che in tutti questi esseri c'è una qualità di cui il termine bello è il segno.
Questa qualità non può rientrare nel numero di quelle che costituiscono la loro differenza specifica; poiché in questo caso non ci sarebbe che un solo essere bello, o tutt'al più una sola specie bella di esseri.
Ma fra le qualità comuni a tutti gli esseri che chiamiamo belli, quale sceglieremo per identificare la cosa di cui il termine bello è il segno? Quale? È evidente, mi sembra, che dovrà essere quella la cui presenza li rende tutti belli; la cui maggiore o minore intensità (se essa è suscettibile di maggiore o minore intensità) li rende più o meno belli; la cui assenza rende impossibile che siano belli; che non può cambiare natura senza che il bello cambi specie, e la cui qualità opposta renderebbe sgradevoli e brutti i più belli; in una parola, quella grazie alla quale la bellezza comincia, aumenta, varia all'infinito, declina e scompare. Ora, non c'è che la nozione di rapporti che abbia questa virtù.
Chiamo dunque bello fuori di me tutto ciò che contiene in sé qualcosa che possa risvegliare nel mio intelletto l'idea di rapporti; e bello per me tutto ciò che risveglia quest'idea.
Quando dico tutto, escludo però le qualità relative al gusto e all'odorato; benché queste qualità possano risvegliare in noi l'idea di rapporti, non si chiamano belli gli oggetti in cui esse risiedono, quando li si considera dal punto di vista di queste qualità. Diremo un cibo eccellente, un odore delizioso, ma non un bel cibo, un bell'odore. Dunque, quando diciamo questo è un bel pesce, questa è una bella rosa, consideriamo nella rosa e nel pesce qualità diverse da quelle relative ai sensi del gusto e dell'odorato.
Se faccio distinzione tra tutto ciò che contiene in sé qualcosa che possa risvegliare nel mio intelletto l'idea di rapporti, e tutto ciò che risveglia questa idea, è perché bisogna ben distinguere le forme che sono negli oggetti dalla nozione che io ne ho. Il mio intelletto non mette nulla nelle cose e non ne toglie nulla. Che io pensi o non pensi alla facciata del Louvre, tutte le parti che la compongono hanno ugualmente questa o quella forma e questa o quella rispondenza tra loro: che ci siano degli uomini o meno, essa è bella ugualmente, ma soltanto per possibili esseri costituiti di corpo e di spirito come noi; poiché per altri essa potrebbe non essere né bella né brutta, o anzi essere brutta. Ne consegue che, benché non ci sia un bello assoluto, ci sono due specie di bello per noi, un bello reale e un bello percepito.“

—  Denis Diderot filosofo, enciclopedista, scrittore e critico d'arte francese 1713 - 1784

2001, pp. 39-41
Trattato sul bello

Alain de Botton photo
John Keats photo
Annemarie Schwarzenbach photo
Giorgio Faletti photo

Argomenti correlati