„C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.“

Castelli di rabbia

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Alessandro Baricco photo
Alessandro Baricco459
scrittore e saggista italiano 1958

Citazioni simili

Alessandro Baricco photo
Stephen King photo
Fabrizio De André photo
Lucio Anneo Seneca photo
Alessandro Baricco photo
Raymond Chandler photo
George Hubert Wilkins photo

„Le medaglie hanno un solo valore. Provano che un uomo ha avuto occasione di servire il proprio Paese.“

—  George Hubert Wilkins esploratore australiano 1888 - 1958

citato in Selezione dal Reader's Digest, gennaio 1960, p. 118

Gaetano Afeltra photo

„La giovinezza è un fiore che spunta, bello proprio quando porta con sé gli umori del suolo.“

—  Gaetano Afeltra giornalista e scrittore italiano 1915 - 2005

Origine: Mordi la mela, ragazzo, p. 29

Alessandro Baricco photo

„Vecchio, benedetto, Pekisch, questo non me lo dovevi fare. Non me lo merito. Io mi chiamo Pehnt, e sono ancora quello che se ne stava sdraiato per terra a sentire la voce nei tubi, come se quella arrivasse davvero, e invece non arrivava. Non è mai arrivata. E io adesso sono qui. Ho una famiglia, ho un lavoro e la sera vado a letto presto. Il martedì vado a sentire i concerti che danno alla sala Trater e ascolto musiche che a Quinnipak non esistono: Mozart, Beethoven, Chopin. Sono normali eppure sono belle. Ho degli amici con cui gioco a carte, parlo di politica fumando il sigaro e la domenica vado in campagna. Amo mia moglie, che è una donna intelligente e bella. Mi piace tornare a casa e trovarla lì, qualsiasi cosa sia successa nel mondo quel giorno. Mi piace dormire vicino a lei e mi piace svegliarmi insieme a lei. Ho un figlio che amo anche se tutto fa supporre che farà l'assicuratore. Spero che lo farà bene e che sarà un uomo giusto. La sera vado a letto e mi addormento. E tu mi hai insegnato che questo vuol dire che sono in pace con me stesso. Non c'è altro. Questa è la mia vita. Io lo so che non ti piace ma io non voglio che tu me lo scriva. Perché voglio continuare ad andare a letto, la sera, ed addormentarmi. Ognuno ha il mondo che si merita. Io forse ho capito che il mio è questo qua. Ha di strano che è normale. Mai visto niente del genere, a Quinnipak. Ma forse proprio per questo, io qui ci sto bene. A Quinnipak si ha negli occhi l'infinito. Qui, quando proprio guardi lontano, guardi negli occhi di tuo figlio. Ed è diverso. Non so come fartelo capire, ma qui si vive al riparo. E non è cosa spregevole. È bello. E poi chi l'ha detto che si deve proprio vivere allo scoperto, sempre sporti sul cornicione delle cose, a cercare l'impossibile, a spiare tutte le scappatoie per sgusciare via dalla realtà. È proprio obbligatorio essere eccezionali? Io non so. Ma mi tengo stretta questa vita mia e non mi vergogno di niente: nemmeno delle mie soprascarpe. C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità. E io sono uno di quelli. Si guardava sempre l'infinito a Quinnipak, insieme a te. Ma qui non c'è l'infinito. E così guardiamo le cose, e questo ci basta. Ogni tanto, nei momenti più impensati, siamo felici. Andrò a letto, questa sera, e non mi addormenterò. Colpa tua, vecchio, maledetto Pekisch. Ti abbraccio. Dio sa quanto ti abbraccio. Pehnt, assicuratore.“

—  Alessandro Baricco, libro Castelli di rabbia

Castelli di rabbia

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Norbert Elias photo
Antonio Fogazzaro photo
Arthur Schopenhauer photo
Bill Hicks photo
Luigi Giussani photo
Alessandro Baricco photo
Carlos Ruiz Zafón photo
Umberto Saba photo
Fausto Cercignani photo
Timothy Radcliffe photo
Jean Cocteau photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“