„Sono più le grandi fortune che i grandi ingegni.“

1923
Riflessioni e massime

Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Luc de Clapiers de Vauvenargues photo
Luc de Clapiers de Vauvenargues56
scrittore e saggista francese 1715 - 1747

Citazioni simili

Jean de La Bruyère photo

„Coi grandi ingegni non si può che guadagnare.“

—  Livio Pascoli

Conte Longavita, Atto I, p. 20
L'ipocondriaco o sia Il purgativo Le Roy

Lucio Anneo Seneca photo

„Una grande fortuna è una grande schiavitù.“

—  Lucio Anneo Seneca filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano -4 - 65 a.C.

da Ad Polybium consolatio, XXVI

Egidio di Assisi photo
Walther Rathenau photo
Honoré De Balzac photo

„Dietro ogni grande fortuna c'è un crimine.“

—  Honoré De Balzac scrittore, drammaturgo e critico letterario francese 1799 - 1850

Origine: Citato in Guido Vitiello, Prima dell'incipit http://lettura.corriere.it/prima-dellincipit/, Corrieredellasera.it.

Emil Cioran photo

„Per nostra grande fortuna gli altri ignorano il bene e il male che pensiamo di noi.“

—  Emil Cioran filosofo, scrittore e saggista rumeno 1911 - 1995

Quaderni 1957-1972

Silio Italico photo

„Rompi gl'indugi: poco dura il grande favore della fortuna.“

—  Silio Italico avvocato, politico e poeta romano 26 - 101

IV, 732

Ludovico Ariosto photo

„Fu il vincer sempre mai laudabil cosa | Vincasi o per fortuna o per ingegno.“

—  Ludovico Ariosto, libro Orlando furioso

XV, 1
Orlando furioso
Variante: Fu il vincer sempremai laudabil cosa,
Vincasi o per fortuna o per ingegno.

Bert Hellinger photo
Honoré De Balzac photo
Vincenzo Monti photo
Ferdinando Petruccelli della Gattina photo
François de La  Rochefoucauld photo

„Per essere grande bisogna mettere a frutto tutta la propria fortuna.“

—  François de La Rochefoucauld scrittore, filosofo e aforista francese 1613 - 1680

343
Massime, Riflessioni morali

Anton Pavlovič Čechov photo
Tito Lívio photo

„Tutti sanno che, sotto un buon condottiero, non ha grande valore la fortuna, ma sono a prevalere l'intelligenza e la razionalità.“

—  Tito Lívio, libro Ab Urbe condita libri

XXII, 25; 1997
Sciant homines bono imperatore haud magni fortunam momenti esse, mentem rationemque dominari.
Ab urbe condita, Libro XXI – Libro XXX

Corrado Alvaro photo

Argomenti correlati