„Far del male non è per nulla diverso dall'essere ingiusti.“

—  Platone, libro Critone

Socrate, cap. 10
Critone

Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Platone photo
Platone144
filosofo greco antico -427 - -347 a.C.

Citazioni simili

Socrate photo

„Far del male non è per nulla diverso dall'essere ingiusti.“

—  Socrate filosofo ateniese -470 - -399 a.C.

cap. 10
Platone, Critone

„Non c'è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali.“

—  Lorenzo Milani sacerdote, insegnante e scrittore italiano 1923 - 1967

da Lettera a una professoressa, Libreria editrice Fiorentina

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
John Locke photo
Giacomo Casanova photo
Anthony de Mello photo
Piero Calamandrei photo

„Al giudice occorre più coraggio ad essere giusto apparendo ingiusto, che ad essere ingiusto apparendo giusto.“

—  Piero Calamandrei politico italiano 1889 - 1956

citato in Piero Pajardi, Per questi motivi... Vita e passioni dedi un giudice, Jaca Book, Milano, 1986, p. 7. ISBN 88-16-28016-6

Florence Nightingale photo
Javier Marías photo

„Nelle cose minori bisogna saper essere ingiusti.“

—  Javier Marías scrittore spagnolo 1951

Origine: Da Il tuo volto domani, 1. Febbre e lancia, traduzione di Glauco Felici, Enaudi ET Scrittori 1347.

Gigi D'Alessio photo

„Anche un sogno può far male.“

—  Gigi D'Alessio cantautore e produttore discografico italiano 1967

da Non c'è vita da buttare, n. 3
Quanti amori

Frida Kahlo photo
Anatole France photo
Tertulliano photo
Marcello Macchia photo
Platone photo
Socrate photo
Noam Chomsky photo
Povia photo

„L'amicizia dice tutto in faccia e non ha paura di far male per fare bene.“

—  Povia cantautore italiano 1972

da L'amicizia, n. 1
La storia continua... la tavola rotonda

Alessandro Baricco photo
Publilio Siro photo

„Premiare un avaro equivale ad incoraggiarlo a far del male!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Cum das avaro praemium, ut noceat rogas.

Publilio Siro photo

„Chi ha imparato a far male, se ne ricorda appena può.“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Quidquid nocere didicit, meminit cum potest.

Argomenti correlati