„Ogni volta che chiudo i miei occhi | è come un paradiso oscuro | nessuno è comparabile a te | ho paura che tu | non aspetterai dall'altra parte.“

Born to Die

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Lana del Rey photo
Lana del Rey19
cantante statunitense 1985

Citazioni simili

Francesco De Gregori photo

„Ogni volta | che la pioggia scende, | chiudo i miei occhi e ascolto. | Riesco a sentire il suono malinconico | del cielo quando piange.“

—  Enya cantante e musicista irlandese 1961

da It's In The Rain, n. 3
A Day Without Rain, Amarantine

Thomas Adams photo
Rayden photo

„Ti penso così forte che | se chiudi gli occhi mi senti vicino a te.“

—  Rayden rapper e beatmaker italiano 1985

da Impressa, n. 4
L'Uomo Senza Qualità

Ursula K. Le Guin photo
Ville Valo photo
Bruce Springsteen photo

„Voglio potarti dall'altra parte della città, dove il paradiso non è troppo affollato“

—  Bruce Springsteen musicista e cantautore statunitense 1949

The Wild, the Innocent & the E Street Shuffle

Alice Sebold photo
Rābiʿa al-ʿAdawiyya photo
Gianna Nannini photo
Kurt Cobain photo
Marco Aurelio photo
Alessandra Mussolini photo
Louis-ferdinand Céline photo
Nicholas Sparks photo
Khalil Gibran photo
Frida Kahlo photo
Alan Seeger photo

„Forse accadrà che [la morte] mi prenda per mano | E mi conduca alla sua oscura terra | E mi chiuda gli occhi e mi tolga il respiro … || Ma ho un appuntamento con la Morte | A mezzanotte in una città in fiamme, | Quando la primavera ritornerà quest'anno a nord | Ed io, fedele alla parola data, | Non mancherò all'appuntamento.“

—  Alan Seeger poeta statunitense 1888 - 1916

It may be he shall take my hand | And lead me into his dark land | And close my eyes and quench my breath ... || But I've a rendezvous with Death | At midnight in some flaming town, | When springs trips north again this year, | And I to my pledged word am true, | I shall not fail this rendezvous.
Origine: Questa era la poesia preferita da John Fitzgerald Kennedy, secondo quanto riferisce il suo biografo Arthur M. Schlesinger Jr. (I mille giorni di John F. Kennedy, Rizzoli editore, Milano, 1966, pag. 120)

Argomenti correlati