„So che tutto ciò che so non è Dio, e che tutto ciò che io posso concepire non ha con Lui somiglianza.“

Origine: Citato in AA.VV., Il libro della filosofia, traduzione di Daniele Ballarini e Anna Carbone, Gribaudo, 2018, p. 96. ISBN 9788858014165

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia
Argomenti
somiglianza, dio
Nicola Cusano photo
Nicola Cusano11
cardinale, teologo e filosofo tedesco 1401 - 1464
Modifica

Citazioni simili

Carl Gustav Jung photo
Chiara Amirante photo
Stephen King photo
Fernando Pessoa photo

„Che cosa so io di più di Dio che Dio stesso?“

—  Fernando Pessoa poeta, scrittore e aforista portoghese 1888 - 1935

da Fantasie di interludio, p. 201
Poesie, Gli eteronimi, Alberto Caeiro: Poemi completi

René Magritte photo
Umberto Galimberti photo
Rita Levi-Montalcini photo

„Sono atea: non so cosa si intende per credere in Dio.“

—  Rita Levi-Montalcini neurologa e senatrice a vita italiana 1909 - 2012

p. 129

Giorgio Gaber photo
Adolf Hitler photo
Fulton J. Sheen photo
Vasilij Semënovič Grossman photo
Bill Watterson photo
Gilbert Keith Chesterton photo
Emil Cioran photo
Giuliana di Norwich photo
Giovanni Lindo Ferretti photo

„Senza andare nello specifico, posso affermare che è presente una somiglianza strutturale con Il sesto senso.“

—  James Berardinelli 1967

In Fight Club lo stravolgimento finale non è lo scopo finale del film ed è integrato in modo più efficace con l'intera storia. Se riesci a dedurre la cosiddetta "sorpresa" ne Il sesto senso in anticipo rispetto a quando il regista lo ha programmato, è difficile non vedere il film come una prolissa e irregolare palese manipolazione. Al contrario Fight Club possiede la profondità e l'ampiezza per padroneggiare l'attenzione dello spettatore e rispettare chi riesce a svelare il presuntuoso stravolgimento al centro della trama prima che venga esplicitamente rivelato. È anche interessante notare che questo non accade proprio alla fine, quindi, sebbene sia un aspetto importante di Fight Club, non determina il successo o il fallimento del film.
Without going into specifics, I can state that there is a structural similarity to The Sixth Sense. Here, however, the twist is not the whole point of the movie, and it is integrated more effectively into the overall story. If you figure out the so-called "surprise" in The Sixth Sense before the director wants you to, it's difficult to see that film as more than an overlong, uneven example of overt manipulation. The opposite is true of Fight Club, which possesses the depth and breadth to command the attention and respect of anyone who unveils the central conceit before it is explicitly revealed. It's also worth noting that this doesn't happen at the very end, so, while it is an important aspect of Fight Club, it does not dictate the movie's success or failure.

Cesare Cantù photo
Anne Rice photo
Hermann Hesse photo

Argomenti correlati