„Il maestro, (secondo numerose scritture, deve essere, in breve) pieno di compassione, buon intendente della grammatica (pada), della speculazione ortodossa (vākya) e della logica (pramāṇa), tutto preso dalla devozione a Śiva e null'altro, conoscitore (profondo) del senso di tutte le scritture promulgate da Śiva, non un «autogenito» (svayaṃbhūḥ).“

2013, 7-8
Tantrāloka, Capitolo XXIII

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Abhinavagupta photo
Abhinavagupta photo
Abhinavagupta photo
Abhinavagupta photo
Abhinavagupta photo
Abhinavagupta photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
George Orwell photo
Umberto Eco photo
Abhinavagupta photo
Roberto Cotroneo photo
Abhinavagupta photo
Epifanio di Salamina photo
Papa Benedetto XVI photo
Paolo di Tarso photo
Vittorio Messori photo
Abhinavagupta photo
Abhinavagupta photo

Argomenti correlati