Frasi da libro
La chimera

La chimera

La chimera è un romanzo storico di Sebastiano Vassalli ambientato nella Lombardia del Seicento. Pubblicato nel 1990, vinse lo stesso anno il Premio Strega e il Premio Napoli, risultando finalista anche al Premio Campiello. Rivisitando il passato, l'Autore non ne propone un'immagine idealizzata, ma al contrario lo rivisita nelle sue urgenze e nelle sue tensioni cruciali, facendo emergere quel tempo come "pieno di attualità", quindi specchio autentico dell'esistenza dei lettori.


„Vide i busti e i profili dei soldati che cavalcavano di fianco alla carrozza, e la folla lungo il percorso: i pugni alzati, e facce stravolte con le bocche spalancate a insultare e a maledire e a invocare una morte, la sua morte! Proseguendo verso Porta San Gaudenzio, s'accorse che per non sentire quelle grida bastava non ascoltarle. Guardava i volti e i corpi degli uomini là fuori come avrebbe guardato dei pesci in una boccia divetro; li vedeva lontani ed anche strani, anzi si meravigliava di non aver mai fatto caso a quei dettagli che ora le sembravano così assurdi; di non essersi mai stupita in precedenza di quelle forme, considerandole – come tutti – inevitabili, e assolutamente sensate! Di averle sempre credute… normali! Quei cosiddetti nasi, quelle orecchie…. Perché eran fatte così? Quelle bocche aperte con dentro quei pezzi di carne che si muovevano. Che insensatezza! Che schifo! E quell'esplosione incontenibile di odio, da parte di individui che fino a pochi giorni prima non sapevano nemmmeno che lei esistesse e ora volevano il suo sangue, le sue viscere, reclamavano d'ammazzarla loro stessi, lì sul momento e con le loro mani… C'era forse un senso, una ragione in tutto questo? E se non c'era, perché accadeva? Ecco, pensava: io sto qui, e non si perché sto qui; loro gridano, e non sanno perché gridano. Le sembrava di capire, finalmente!, qualcosa della vita: un'energia insensata, una mostruosa malattia che scuote il mondo e la sostanza stessa di cui sono fatte le cose, come il mal caduco scuoteva il povero Biagio quando lo coglieva per strada. Anche la tanto celebrata intelligenza dell'uomo non era altro che un vedere e non vedere, un raccontarsi vane storie più fragili d'un sogno: la giustizia, la legge, Dio, l'inferno…“

—  Sebastiano Vassalli, libro La chimera

cap. 30, p. 291
La chimera

Autori simili

Sebastiano Vassalli photo
Sebastiano Vassalli40
scrittore italiano 1941 - 2015
Romano Battaglia photo
Romano Battaglia141
scrittore italiano
Giorgio Faletti photo
Giorgio Faletti247
scrittore italiano
Vittorino Andreoli photo
Vittorino Andreoli48
psichiatra e scrittore italiano
Luciano De Crescenzo photo
Luciano De Crescenzo205
scrittore italiano
Andrea Camilleri photo
Andrea Camilleri121
scrittore, sceneggiatore e regista italiano
Nino Salvaneschi photo
Nino Salvaneschi38
scrittore, giornalista e poeta italiano
Alessandro Baricco photo
Alessandro Baricco459
scrittore e saggista italiano
Giovanni Lindo Ferretti photo
Giovanni Lindo Ferretti65
cantautore e scrittore italiano
Stefano Benni photo
Stefano Benni188
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano
Autori simili
Sebastiano Vassalli photo
Sebastiano Vassalli40
scrittore italiano 1941 - 2015
Romano Battaglia photo
Romano Battaglia141
scrittore italiano
Giorgio Faletti photo
Giorgio Faletti247
scrittore italiano
Vittorino Andreoli photo
Vittorino Andreoli48
psichiatra e scrittore italiano
Luciano De Crescenzo photo
Luciano De Crescenzo205
scrittore italiano