Frasi di Stefano Benni

Stefano Benni photo
188   157

Stefano Benni

Data di nascita: 12. Agosto 1947
Altri nomi: Бенни, Стефано

Stefano Benni è uno scrittore, umorista, giornalista, sceneggiatore, poeta e drammaturgo italiano.

Lavori

Saltatempo
Saltatempo
Stefano Benni
Achille piè veloce
Achille piè veloce
Stefano Benni
Elianto
Elianto
Stefano Benni
Pane e tempesta
Pane e tempesta
Stefano Benni
L'ultima lacrima
L'ultima lacrima
Stefano Benni
Terra!
Terra!
Stefano Benni
Bar Sport Duemila
Bar Sport Duemila
Stefano Benni
Bar Sport
Bar Sport
Stefano Benni
Spiriti
Spiriti
Stefano Benni
Cari mostri
Cari mostri
Stefano Benni

Frasi Stefano Benni

„Il buco nell'ozono? La colpa è di Toto Cutugno: usa talmente tanta lacca che ogni volta che si dà un colpo di spazzola si stacca un pezzo di Antartide.“

—  Stefano Benni
Source: Citato in Gino e Michele, Matteo Molinari, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano, Arnoldo Mondadori Editore, 1997.

„Il pianeta più strano di cui ho sentito raccontare è il pianeta della Sacra Merda. In esso la merda è la più grande ricchezza, la moneta con cui si compra tutto. Gli abitanti non hanno portafogli: ma grossi vasi che portano in giro, e più sono grossi e puzzano e più si vantano. Le banche sono dei giganteschi pozzi neri, guardati a vista da poliziotti e vigilantes. Qua si effettuano i versamenti. Dai più piccoli, alla vecchina che viene a consegnare due palline da coniglio, tutti i suoi risparmi, al commerciante che viene a portare l'incasso della giornata, una carriolona ben odorosa. Naturalmente, nelle case non si dice "vado nel bagno", ma si dice "metto nel salvadanaio". Ogni bambino ha il suo vasino fatto a maialino. Ahimè! Anche in questo paese c'è chi vende anima e corpo, per diventare merdoso a dismisura! C'è chi rapina, e sotto la minaccia di una pistola ti obbliga a depositare lì, per strada, tutto il malloppo che hai in pancia! Se qualcuno, incautamente, si ferma in un prato per fabbricare un po' di contante, stia attento che nel breve tempo che si tira su i pantaloni, qualcuno gli avrà già sottratto il suo bene. Per non parlare degli esibizionisti: quelli che quando entrano al ristorante, eccoli mettere merda qua e là in mano ai camerieri: e lasciano come mancia uno stronzo come un cotechino: e dicono, non per vantarmi, ma ho tanta merda che non so più dove metterla! L'economia in questo pianeta è naturalmente soggetta agli sbalzi di questo genere primario: qui la mancanza di investimenti si chiama stipsi, e l'inflazione si chiama diarrea. Speriamo di mantenere il tetto della diarrea sotto il dieci per cento, dicono i governanti. E poi scoppiano gli scandali, e si scopre che segretamente i governanti prendevano quintali di merda dagli industriali e chiudevano un occhio sul contrabbando di merda all'estero. Esistono anche le cambiali, uno può acquistare una macchina, ad esempio, prendendo dieci purganti al momento dell'acquisto: ma poi se la cambiale andrà in protesto, sarà dichiarata panciarotta. E ci saranno perquisizioni e a volte anche sequestri da parte di chirurghi-finanzieri. Ma questo capita ai pochi sfortunati: questo pianeta è ricco. Tutti i mesi, ogni giorno sei, San Libero, si fa la festa della Santa Merda. I più grandi merdoni del paese convengono con grandi macchine color crema e marron, e riempiono saloni pieni di lampadari e bei quadri e porcellane da bagno. Le signore sono vestite tutte di bianco e i signori in rosa. Si sente dire: lo vedi quello? Ha fatto la merda con le bische: è un parvenù. Quello invece: uh, è di sangue blu, la sua famiglia è sempre stata un letamaio. E tutti ballano, e soprattutto scorreggiano, per mostrare la loro ricchezza. Le grosse signore scorreggiano in tonalità di bordone gonfiando come vele i vestitoni stretti di raso, le giovani signori scorreggiano deliziosamente con virtuosismi di flauto e clarinetto, i ricchi commercianti petano come cannoni scambiandosi pacche sulle spalle, gli intellettuali sfiatano con grande sofferenza, spiegando che la merda non è poi tutto al mondo, i giovani brillanti tirano bronze pungenti che alzano le falde dei loro frac in eleganti impennate, i vecchi nobili brontolano e spetazzano e non raramente nel far ciò cade nelle loro mutande qualche spicciolo, i bambini trillano ventini, i neonati pigolano e il padrone di casa, apparendo sulla soglia rosso e trionfale, spara un peditone storico con fremente interminabile premito che scrolla le cristallerie e a voce alta dice: "Il pranzo è servito!" E tutti vanno a lavarsi le mani.“

—  Stefano Benni

„Che grandioso e terribile spettacolo," disse. "Certo, vedendo tutto ciò anche a un laico quale sono io viene da pensare alla regia di una mente giusta e superiore."
In quel momento, proprio nel nuvolone sovrastante Memorino, due sottonuvole rissose, spintonandosi, crearono quella situazione di malessere elettrico che spesso prelude a improvvisi fenomeni quali saette o fulmini ramificati.
Contemporaneamente in una modesta casa della periferia di Banessa, la signora Ovolina, donna di generosità e mitezza senza eguali, era riuscita dopo anni di vani tentativi a prendere la linea per partecipare al gioco televisivo Indovina il sorriso che consisteva nell'indovinare a quale personaggio famoso appartenesse l'impronta dentaria telemostrata. L'Ovolina sapeva la risposta e stava per vincere il primo premio della sua vita, nella fattispecie una cucina da otto milioni con forno autopulente e spiedo a cinque marce.
"Allora, signora Ovolina, sa dirci a chi appartiene questo sorriso?" disse il presentatore Mazzapone.
"Sì, il sorriso è quello di Mussola…"
In quell'istante un fulmine, nato nelle condizioni dinanzi scritte, segnò il grigio del cielo con un graffio rosso corallo e dopo aver un istante esitato sul'obiettivo da colpire, scelse una casina rosa con gerani alle finestre e una piccola antenna televisiva, scivolò giù per l'antenna, traforò la televisione e incenerì la signora Ovolina, lasciando sul tappeto solo tre etti di scorie.
"Mi dispiace, ma lei doveva dirci il nome completo," disse Mazzapone, e passò a un altro concorrente, un pluriomicida agli arresti domiciliari che vinse la cucina.
Questa manifestazione di una mente giusta e superiore non venne però avvertita dai nostri eroi, che dall'altro della montagna accompagnarono il fulmine con un "oooh" di stupore e ammirazione.“

—  Stefano Benni

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Autori simili

Andrea Camilleri photo
Andrea Camilleri121
scrittore, sceneggiatore e regista italiano
Nino Salvaneschi photo
Nino Salvaneschi38
scrittore, giornalista e poeta italiano
Romano Battaglia photo
Romano Battaglia141
scrittore italiano
Ennio Flaiano photo
Ennio Flaiano189
scrittore italiano
Pier Paolo Pasolini photo
Pier Paolo Pasolini158
poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, parolie…
Truman Capote photo
Truman Capote16
scrittore, giornalista e drammaturgo statunitense
Erich Kästner photo
Erich Kästner2
scrittore, sceneggiatore e poeta tedesco
Alberto Moravia photo
Alberto Moravia57
scrittore italiano
Erri De Luca photo
Erri De Luca238
scrittore, traduttore e poeta italiano
Gabriele d'Annunzio photo
Gabriele d'Annunzio109
scrittore, poeta e drammaturgo italiano
Anniversari di oggi
Fabrizio Moro photo
Fabrizio Moro46
cantautore e chitarrista italiano 1975
Charles Baudelaire photo
Charles Baudelaire140
poeta francese 1821 - 1867
Dietrich Bonhoeffer photo
Dietrich Bonhoeffer25
teologo tedesco 1906 - 1945
Francois Rabelais photo
Francois Rabelais17
scrittore e umanista francese 1494 - 1553
Altri 84 anniversari oggi
Autori simili
Andrea Camilleri photo
Andrea Camilleri121
scrittore, sceneggiatore e regista italiano
Nino Salvaneschi photo
Nino Salvaneschi38
scrittore, giornalista e poeta italiano
Romano Battaglia photo
Romano Battaglia141
scrittore italiano
Ennio Flaiano photo
Ennio Flaiano189
scrittore italiano
Pier Paolo Pasolini photo
Pier Paolo Pasolini158
poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, parolie…
x