„Quando una nobile vita si è preparata per la vecchiaia, quello che rivela non è il declino ma i primi giorni dell'immortalità.“

Origine: Citato in Focus, n. 115, p. 170.

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 28 Maggio 2020. Storia
Germaine de Staël photo
Germaine de Staël9
scrittrice francese 1766 - 1817

Citazioni simili

Anna Banti photo
Gesualdo Bufalino photo
Søren Kierkegaard photo

„Grande è la fedeltà femminile, specie quando la si declina!“

—  Søren Kierkegaard filosofo, teologo e scrittore danese 1813 - 1855

Origine: Da La ripetizione, a cura di Dario Borso, BUR, 2014.

Tupac Shakur photo

„Beh, nei primi due giorni in prigione, sono dovuto passare attraverso quello che è la vita, come quando hai fumato erba così tanto quanto l'ho fatto io e dopo smetti. Emotivamente, è stato come se non sapevo chi fossi.“

—  Tupac Shakur rapper, attivista e attore statunitense 1971 - 1996

Well, the first two days in prison, I had to go through what life is like when you've been smoking weed for as long as I have and then you stop. Emotionally, it was like I didn't know myself.
Senza fonte

Philip Roth photo
Giovanni Raboni photo
Arthur Schopenhauer photo
William Wordsworth photo
María Zambrano photo
Marco Tullio Cicerone photo

„La vecchiaia è il compimento della vita, l'ultimo atto della commedia.“

—  Marco Tullio Cicerone avvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano -106 - -43 a.C.

Origine: De senectute, XXIII

Teresa di Lisieux photo
Sofocle photo
Teresa di Lisieux photo
Cassandra Clare photo
Umberto Eco photo

„Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro.“

—  Umberto Eco semiologo, filosofo e scrittore italiano 1932 - 2016

Variante: Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto cinquemila anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito... perché la lettura è un'immortalità all'indietro.

Argomenti correlati