„Leggo molto, ma disordinatamente. […] A volte cerco le poesie di Pasolini, specialmente «Le ceneri di Gramsci». Leggo Pavese, torno a De Libero, rileggo Rimbaud, che trovo magari ricordato in relazione a un lavoro cinematografico. Leopardi comunque è una presenza continua. Se parto per lunghi viaggi, mi metto in tasca «I Canti.“

Ultimo aggiornamento 18 Gennaio 2019. Storia

Citazioni simili

Vincenzo Monti photo
Nicolás Boileau photo

„[l'arringa pronunciata da Demostene contro Eschine] Tutte le volte che io la leggo mi fa pentire delle mie scritture.“

—  Nicolás Boileau poeta, scrittore e critico letterario francese 1636 - 1711

citato in Guglielmo Audisio, Lezioni di eloquenza sacra, p. 43, Giacinto Marietti, Torino 1870

Franco Battiato photo
Girolamo Tiraboschi photo
Sergio Caputo photo

„Questa qui è la neuro militare, non ho niente da fare, leggo le poesie, graffiate sopra i muri scalcinati.“

—  Sergio Caputo cantautore e musicista italiano 1954

Cimici e bromuro, n. 5
Un sabato italiano

Aldo Biscardi photo
Mario Soldati photo
Pellegrino Matteucci photo
Kaos One photo
Emily Dickinson photo
Mario Borghezio photo
Corrado Guzzanti photo

„Leopardi? Leopardi è morto de gobba: s'ammalò de gobba e arrivato a 180° se spezzò!!“

—  Corrado Guzzanti comico, attore e sceneggiatore italiano 1965

da Maddecheaò
Personaggi originali, Lorenzo

Ray Bradbury photo
Ally Condie photo
Rosalinda Celentano photo

„Giacomo Leopardi? Mi piace la sua poesia perché è chiara e indecifrabile.“

—  Franco Scoglio allenatore di calcio italiano 1941 - 2005

Origine: Palla lunga e pedalare, p. 36

Walt Whitman photo
Alda Teodorani photo

„Che resterà di noi? Illusioni e ideali, uccisi lentamente dalla comodità dell'esistenza, dai compromessi quotidiani, dalla ricerca di conquistare un qualche potere: languiscono e muoiono, prigionieri come Gramsci (da Gramsci in cenere, Stampa Alternativa, 2016)“

—  Alda Teodorani scrittrice italiana 1968

Variante: Che resterà di noi? Illusioni e ideali, uccisi lentamente dalla comodità dell'esistenza, dai compromessi quotidiani, dalla ricerca di conquistare un qualche potere: languiscono e muoiono, prigionieri come Gramsci.

Argomenti correlati