Genova, Sottoripa, zona angiporto … Un postaccio, il mio preferito. Gruppo di rugbisti. Uno … dice di essere un Puma. Controllo. Poi prendo un melone: questo è il pallone, e adesso placcami. Gli corro incontro, finta a destra, vado a sinistra, e lui mi piazza un terribile placcaggio … pantaloni rotti e gomiti feriti. Mi rialzo e gli dico: non è possibile, rifacciamo. Gli corro incontro, finta a sinistra, finta a destra, vado a sinistra, lo supero, e quando credo di averla fatta franca, lui mi piazza un altro terribile placcaggio … stavolta mi ferisco al ginocchio. Mi rialzo e gli dico: ok, sei un Puma, domani giochiamo con le Zebre, porta la roba.

—  Marco Bollesan




Citazioni simili