„Mosè. Quest'uomo che tanto ha dato al ciclismo in Italia e nel mondo.“

Parola di Giobbe

Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Giobbe Covatta photo
Giobbe Covatta40
comico, attore e scrittore italiano 1956

Citazioni simili

Paolo Bettini photo
Silvio Berlusconi photo
Daniele Capezzone photo

„Berlusconi si paragona a Napoleone e Churchill. Mi ricorda la barzelletta dei due matti: uno dice "Io sono Mosè e Iddio mi ha dato le tavole della legge" e l'altro, offeso "Ma guarda che io non ti ho dato niente!". Ecco, lui potrebbe essere il secondo matto, mentre per il novello Mosè bisogna scegliere tra Bondi e Fede.“

—  Daniele Capezzone politico italiano 1972

da Corriere della Sera https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2006/febbraio/12/Capezzone_Radicali_lui_Napoleone_ricorda_co_9_060212041.shtml, 12 febbraio 2006, pagina 8

Flavio Briatore photo
Silvio Berlusconi photo
Riccardo Muti photo

„In Italia abbiamo perso la capacità di sentire il 'bello', quel 'bello' che per secoli abbiamo dato al mondo e che adesso non sentiamo più.“

—  Riccardo Muti direttore d'orchestra italiano 1940

citato in L'Italia ha abdicato alla sua storia musicale, la Repubblica, 9 gennaio 2010

Alfredo Martini photo
Francesco Moser photo

„Il Mortirolo è il Maracanà del ciclismo.“

—  Marco Pastonesi giornalista italiano 1954

da La Gazzetta Sportiva, 28 maggio 2006

Val Kilmer photo
Jean Rostand photo
Cadel Evans photo

„Mi sono avvicinato al ciclismo guardando Indurain al Tour.“

—  Cadel Evans ciclista su strada e biker australiano 1977

da La Gazzetta Sportiva, 24 luglio 2011

Pier Paolo Pasolini photo

„Il ciclismo è lo sport più popolare perché non si paga il biglietto.“

—  Pier Paolo Pasolini poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, paroliere e scrittore italiano 1922 - 1975

Origine: Citato in Riccardo Nencini, Il giallo e il rosa. Gastone Nencini e il ciclismo negli anni della leggenda, Giunti, Firenze, 1998, p. 16 https://books.google.it/books?id=OaTp2S6Sz0EC&pg=PA16#v=onepage&q&f=false. ISBN 88-0921-397-1

Federico II del Sacro Romano Impero photo

„Il mondo è vittima di tre impostori: Mosè, Cristo e Maometto, due dei quali morti in maniera onorevole, a differenza di Cristo morto in croce.“

—  Federico II del Sacro Romano Impero re di Sicilia 1194 - 1250

Citazioni di Federico II, Attribuite
Origine: La paternità della frase appartiene agli ambienti della Sorbona intorno al 1200. Fu attribuita a Federico II dalla propaganda papale anti-imperiale (cfr. Hubert Houben, Federico II. Imperatore, uomo, mito, il Mulino, 2009 ISBN 978-88-15-13338-0 (p. 121)
Origine: Hubert Houben, Federico II. Imperatore, uomo, mito, Il Mulino, 2009 ISBN 978-88-15-13338-0 (p. 57)

Mike Bongiorno photo

„Ma guarda un po', sono qui con l'uomo più potente d'Italia [Silvio Berlusconi], il più acclamato, una cena che tutti m'invidieran­no e mi viene una gran tristezza. Quest'uomo mi sembra così solo!“

—  Mike Bongiorno conduttore televisivo, conduttore radiofonico e partigiano italiano 1924 - 2009

citato in Silvio & Mike, così uguali, Corriere della sera, 9 settembre 2009

Francesco Moser photo

„Prima ancora di vincere o perdere, il ciclismo è rispondere: «Presente!»“

—  Francesco Moser ciclista su strada e pistard italiano 1951

. Io ci sono.
Ho osato vincere

Alfredo Martini photo
Mahátma Gándhí photo
Adriano De Zan photo
Flavio Claudio Giuliano photo

„Mosè ha dato della differenza delle lingue una ragione superlativamente favolosa. Dice che i figli degli uomini, riunitisi, volevano fabbricare una città e, in essa, una gran torre; ma Dio dichiarò: qui bisogna scendere e confondere le loro lingue.“

—  Flavio Claudio Giuliano imperatore romano 331 - 363

E, perché nessuno creda che io voglia darla ad intendere, leggiamo nel testo stesso di Mosè, quel che segue: «E dissero: "Orsù; fabbrichiamoci una città ed una torre, la cui cupola giunga fino al cielo; e facciamoci un nome prima di essere dispersi su tutta la faccia della terra". E scese il Signore a vedere la città e la torre, che i figli degli uomini edificavano. E disse il Signore: "Ecco, essi sono un medesimo popolo, e una medesima lingua hanno tutti; e questo cominciarono a fare; ed ora non resteranno dal compiere tutto ciò che hanno cominciato. Dunque: discendiamo là, e confondiamo la loro lingua, affinché non capisca l'uno la parola dell'altro". E li disperseil Signore Iddio su tutta la faccia della terra, ed essi cessarono di fabbricare la città e la torre».
Poi volete che a questo crediamo; ma voi non credete a ciò che dice Omero degli Aloadi, che tre montagne meditavano di porre l'una sull'altra, «onde fosse ascendibile il cielo». Per me io dico che questo racconto è ugualmente favoloso che quello. Ma voi, che il primo accogliete, per qual ragione, in nome di Dio, respingete la favola di Omero? Poiché questo - credo - uomini ignoranti non lo capiscono: che, se anche tutte le genti che popolano la terra avessero la medesima voce e la medesima lingua, fabbricare una torre che arrivi fino al cielo non potrebbero affatto, quand'anche facessero mattoni di tutta quanta la terra. Mattoni ce ne vorrebbero infiniti di grandezza pari a tutta intera la terra per arrivare al solo cerchio della luna. Ammettiamo pure che tutte le genti si siano riunite parlando una stessa lingua ed abbiano ridotto in mattoni e cavato le pietre di tutta la terra; come potranno arrivare fino al cielo, se anche la loro opera dovesse stendersi più sottile di un filo allungato? In conclusione: voi che stimate vera una favola così evidentemente falsa, e pretendete che Dio abbia avuto paura della unità di voce degli uomini e per questo sia disceso a confonderne le lingue, oserete ancora menare vanto della vostra conoscenza di Dio?
Contro i galilei

Argomenti correlati