Frasi di Daniele Capezzone

Daniele Capezzone foto
33  1

Daniele Capezzone

Data di nascita: 8. Settembre 1972

Pubblicità

Daniele Capezzone è un politico italiano, ex portavoce del Popolo della Libertà e Forza Italia.

In precedenza fu segretario dei Radicali Italiani e deputato nella XV legislatura per la componente radicale della Rosa nel Pugno.

Frasi Daniele Capezzone

„Una figura originale, singolarissima e troppo spesso dimenticata come Hannah Arendt ha scritto pagine illuminanti su questo, esplicitando l'antinomia: c'è la Rivoluzione francese, che presume di affrontare e risolvere definitivamente un problema "sociale" (fallendo); e c'è quella americana che invece si fa carico di un problema "istituzionale" e "costituzionale" (riuscendo). E non è un caso se "questa" Arendt continua ad avere scarso diritto di cittadinanza: come non è un caso se, nell'intellettualità "ufficiale" europea, il "paradigma" stesso di Rivoluzione continua ad essere rinvenuto solo negli eventi del 1789. In nuce, proprio lì c'è tutto ciò che ancora divide la nostra dall'altra sponda dell'Atlantico: la scarsa o nulla attenzione a limitare il potere pubblico (basato, pour cause, sulla "volontà generale": e siamo piuttosto lontani dal "nessuna tassazione senza rappresentanza" – cioè dallo sforzo di dare una cornice, un perimetro e una giustificazione al potere –, che fonda, invece, l'altra Rivoluzione); il ruolo dello Stato da riformare, da correggere – certo – ma che riesce comunque a transitare sostanzialmente indenne dall'assolutismo della monarchia a quello "repubblicano e democratico" (e che anzi, se possibile, consolida il suo essere superiorem non recognoscens); il richiamo giacobino alla Morale, alla Virtù (trasfuse nella Legge e quindi indicate dallo Stato) contrapposto al diritto americano a perseguire liberamente la felicità, anzi la "propria" felicità.“

— Daniele Capezzone

„Le parole del Capo dello Stato meritano ovviamente rispetto e riflessione attenta, anche per la nitida prospettazione, compiuta dalla nota del Quirinale, della situazione che si è determinata. Ma al tempo stesso – dichiara Capezzone – resta inaggirabile un punto politico di sostanza, che tutti – istituzioni e forze politiche – non possono ignorare o mettere tra parentesi. Quando si parla di agibilità o di praticabilità politica per Silvio Berlusconi, non si affronta tanto e solo il problema di una persona, di un singolo individuo (cosa che comunque meriterebbe, in uno Stato di diritto, il massimo dell'attenzione, trattandosi dei fondamentali diritti civili e politici di un cittadino), ma il diritto alla piena rappresentanza politico-istituzionale di milioni di elettori". Insomma, la questione non riguarda solo l'uomo di Arcore, ma 10 milioni di elettori, e quindi riguarda la salute stessa della nostra democrazia. Quindi esistono percorsi e strumenti, chiaramente indicati dalla Costituzione e dal buon senso, che possono consentire di evitare un vulnus gravissimo ai danni di milioni di cittadini-elettori. Il Pdl ha dimostrato un assoluto senso di responsabilita', ma ora tocca a tutti gli attori politici e istituzionali, per la parte che compete a ciascuno, evitare ferite irrimediabili.“

— Daniele Capezzone
citato in [http://www. italiachiamaitalia. it/articoli/detalles/17132/Berlusconi%20OCapezzone%20OtrovareOsoluzioneOperOevitareOferiteOirrimediabili. html Berlusconi, Capezzone: trovare soluzione per evitare ferite irrimediabili], Italiachiamaitalia. it, 14 agosto 2013

Pubblicità

„Da molti anni, vado riflettendo sul fatto che forse il vero bipolarismo (trasversale agli attuali schieramenti) è tra chi vuole una legge in più e chi una in meno, tra chi vuole un intervento dello stato in più e chi uno in meno, tra chi vuole un allargamento della sfera di decisione pubblica o collettiva e chi invece preferirebbe un irrobustimento della sfera di decisione individuale e privata. Personalmente, ritengo sempre più desiderabile la seconda opzione: vale per l'economia tanto quanto per le libertà personali. Da anni, un intellettuale coraggioso come Alain Finkielkraut ci spiega che una società libera non è un "accumulo di diritti“

— Daniele Capezzone
diritto a questo, diritto a quello...). Questa impostazione ha già avuto un peso, a mio avviso negativo, su una parte della nostra Costituzione (diritto alla casa, diritto al lavoro, e così via: solennemente proclamati, e ovviamente irrealizzabili, in quei termini). Ora l'errore più grave sarebbe quello di trasferire questo "metodo" anche in altri ambiti: quando invece il tema non sarebbe quello di chiedere un "diritto" codificato in più, ma una facoltà in più, o un divieto in meno, o un intervento pubblico in meno. (da Il Foglio, 24 febbraio 2011)

Pubblicità
Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Isaac Bashevis Singer foto
Isaac Bashevis Singer66
scrittore polacco 1902 - 1991
 Voltaire foto
Voltaire123
filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforis... 1694 - 1778
Heinrich Von Kleist foto
Heinrich Von Kleist12
drammaturgo e poeta tedesco 1777 - 1811
Francesco Giuseppe I d'Austria foto
Francesco Giuseppe I d'Austria8
Imperatore d'Austria e Re di Ungaria 1830 - 1916
Altri 35 anniversari oggi
Autori simili
Massimo Polledri2
politico italiano
Gianluca Buonanno foto
Gianluca Buonanno12
politico italiano
Antonino Lo Presti foto
Antonino Lo Presti3
avvocato e politico italiano
Giorgio Almirante foto
Giorgio Almirante10
politico italiano
Antonio Razzi foto
Antonio Razzi18
politico italiano
Fiorentino Sullo8
politico italiano
Luca Sani foto
Luca Sani1
politico italiano
Stefano Montanari foto
Stefano Montanari35
scrittore italiano
Luigi Cancrini foto
Luigi Cancrini4
psichiatra, accademico e politico italiano