Frasi su idee e pensieri

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema idea, essere, vita, cosa.

Migliori frasi su idee e pensieri

Renato Zero photo

„È meglio fingersi acrobati che sentirsi dei nani.“

—  Renato Zero cantautore e showman italiano 1950

da La tua idea
EroZero

Claudio Baglioni photo

„La poesia è come un'idea, non cerca verità, la crea.“

—  Claudio Baglioni cantautore italiano 1951

da Grand'uomo
Sono io, l'uomo della storia accanto

Eduardo De Filippo photo

„Se un'idea non ha significato e utilità sociale non m'interessa lavorarci sopra.“

—  Eduardo De Filippo drammaturgo, attore e regista italiano 1900 - 1984

Origine: Dalla nota introduttiva a I capolavori di Eduardo De Filippo, Einaudi.

Fabio Volo photo

„Dava l'idea di essere una donna che dona tutto, ma non regala niente.“

—  Fabio Volo, libro Un posto nel mondo

Un posto nel mondo

Vasco Rossi photo

„Il rock ti dà l'idea che tutti ce la possono fare.“

—  Vasco Rossi cantautore italiano 1980

Origine: La versione di Vasco, p. 3

Winston Churchill photo
William Golding photo

„Le più grandi idee sono le più semplici.“

—  William Golding scrittore britannico 1911 - 1993

Origine: Il Signore delle Mosche, p. 152

George Bernard Shaw photo

„Gli animali sono miei amici… e io non mangio i miei amici.“

—  George Bernard Shaw scrittore, drammaturgo e aforista irlandese 1856 - 1950

Origine: Citato in Claus Leitzmann, Vegetariani: fondamenti, vantaggi e rischi, traduzione di Margherita Cavalleri, Bruno Mondadori, 2002, p. 9 http://books.google.it/books?id=Ri3JqD6E8vwC&pg=PA9. ISBN 88-424-9584-0

Oscar Wilde photo

Tutte frasi su idee e pensieri

Un totale di 2026 frasi idea, il filtro:

Gue Pequeno photo

„Non ti prendi il mio cuore, sai non puoi rubare al ladro; dici che sei diversa non puoi mentire al bugiardo.“

—  Gue Pequeno rapper italiano 1980

da L'idea sbagliata, n. 9
Fastlife Mixtape Vol. 3

Eminem photo
Charles Bukowski photo
Citát „Dico al mio avversario: io combatto la tua idea che è contraria alla mia, ma sono pronto a battermi al prezzo della mia vita perché tu la tua idea la possa esprimere sempre liberamente.“
Sandro Pertini photo
Caparezza photo
Michael Jackson photo
Tiziano Ferro photo
Charles Baudelaire photo
Mondo Marcio photo
Carolina Kostner photo
Etty Hillesum photo

„Fiorire e dar frutti in qualunque terreno si sia piantati – non potrebbe essere questa l'idea?“

—  Etty Hillesum scrittrice olandese 1914 - 1943

Diario

Zygmunt Bauman photo
Richard Bach photo
Piero Calamandrei photo

„Ricordate le parole immortali di Socrate nel carcere di Atene? Parla delle leggi come di persone vive, come di persone di conoscenza. «le nostre leggi, sono le nostre leggi che parlano». Perché le leggi della città possano parlare alle nostre coscienze, bisogna che siano come quelle di Socrate, le «nostre» leggi. Nelle più perfette democrazie europee, in Inghilterra, in Svizzera, in Scandinavia, il popolo rispetta le leggi perché ne è partecipe e fiero; ogni cittadino le osserva perché sa che tutti le osservano: non c'è una doppia interpretazione della legge, una per i ricchi e una per i poveri! Ma questa è, appunto, la maledizione secolare che grava sull'Italia: il popolo non ha fiducia nelle leggi perché non è convinto che queste siano le sue leggi. Ha sempre sentito lo Stato come un nemico. Lo Stato rappresenta agli occhi della povera gente la dominazione. Può cambiare il signore che domina, ma la signoria resta: dello straniero, della nobiltà, dei grandi capitalisti, della burocrazia. Finora lo Stato non è mai apparso alla povera gente come lo Stato del popolo. Da secoli i poveri hanno il sentimento che le leggi siano per loro una beffa dei ricchi: hanno della legalità e della giustizia un'idea terrificante, come di un mostruoso meccanismo ostile fatto per schiacciarli, come di un labirinto di tranelli burocratici predisposti per gabbare il povero e per soffocare sotto le carte incomprensibili tutti i suoi giusti reclami.“

—  Piero Calamandrei politico italiano 1889 - 1956

Citazioni tratte da articoli de Il Ponte, Giugno 1951

Benito Mussolini photo

„Il Mondo, me scomparso, avrà bisogno ancora dell'Idea che è stata e sarà la più audace, la più originale e la più mediterranea ed europea delle idee.“

—  Benito Mussolini politico, giornalista e dittatore italiano 1883 - 1945

da Testamento politico di Mussolini: Dettato, corretto, siglato da lui il 22 aprile 1945, a cura di Gian Gaetano Cabella, Arti Grafiche Pedanesi, 1972

José Mujica photo
Citát „C'era bellezza nell'idea di libertà, ma era un'illusione. Tutti i cuori umani erano incatenati dall'amore.“
Cassandra Clare photo
Cassandra Clare photo
Rick Riordan photo

„Hai idea di quanto sia difficile sentirsi una macchinafalco da guerra quando qualcuno ti chiama Super Pollo?“

—  Rick Riordan scrittore statunitense 1964

libro The Kane Chronicles - 1. La piramide rossa

Valentino Rossi photo
Julius Evola photo
Giovanni Lindo Ferretti photo
Brunori Sas photo
Alberto Moravia photo
Bruce Springsteen photo

„Quando sarò nella tomba, proverò una grande consolazione all'idea di essere stato l'anello di una lunga catena e di aver aver suonato del buon rock'n' roll.“

—  Bruce Springsteen musicista e cantautore statunitense 1949

Origine: Da L'espresso http://espresso.repubblica.it/dettaglio/e-qui-comanda-the-boss/2104064/1, 9 luglio 2009

Max Gazzé photo
Giorgio Gaber photo

„Un'idea, un concetto, un'idea, | finché resta un'idea è soltanto un'astrazione. | Se potessi mangiare un'idea, | avrei fatto la mia rivoluzione.“

—  Giorgio Gaber cantautore, commediografo e regista teatrale italiano 1939 - 2003

da Un'idea, CD 2, n. 3
Far finta di essere sani

Gianni Rodari photo
Alessandro Baricco photo
Phil Brooks photo

„John Cena, mentre te ne stai sdraiato lì, e spero che tu sia scomodo come non mai, voglio che tu mi ascolti. Voglio che tu assimili bene il mio discorso, perché prima che me ne vada, tra 3 settimane, con il tuo titolo WWE, ho parecchi sassolini che voglio togliermi dalle scarpe. Io non ti odio, John e nemmeno ti disprezzo. In realtà io ti apprezzo, ti apprezzo nettamente di più di quanto non apprezzi gran parte dei nostri colleghi. Io odio l'idea che tu sia il migliore. Perché non lo sei! Io sono il migliore. Io sono il migliore del mondo! C'è solo una cosa in cui tu sei migliore di me, ed è leccare il culo a Vince McMahon. Sei bravo a leccare il culo a Vince McMahon tanto quanto lo era Hulk Hogan. Non so se sei bravo quanto Dwayne, però. Lui è un leccaculo coi fiocchi. Lo è sempre stato e lo è ancora. Oops… sto uscendo dal personaggio! [cita la rottura della quarta parete] Io sono il miglior WRESTLER del mondo. Sono sempre stato il migliore, fin dal primo giorno. Quando sono approdato in questa federazione e sono stato svilito e odiato fin da allora, perché Paul Heyman vide qualcosa in me che nessun altro voleva ammettere. Esatto, io sono un pupillo di Paul Heyman. E sapete chi altri era un pupillo di Paul Heyman? Brock Lesnar! E lui ha salutato la compagnia, proprio come sto per fare io. Ma la più grande differenza tra me e Brock è che io me ne andrò con il titolo WWE. Ho conquistato così tanti degli immaginari allori di Vincent K. McMahon, che finalmente mi è chiaro: è proprio questo il punto, sono totalmente immaginari! L'unica cosa reale sono io, e il fatto che giorno dopo giorno, da quasi 6 anni, dimostro a tutto il mondo che io sono il migliore al microfono, sul ring e persino al commento! Nessuno sfiora il mio livello! Eppure, non importa quante volte lo dimostri. Non sono su quelle splendide tazze da collezione, non sono sulla copertina del programma, a malapena mi pubblicizzano, non mi fanno partecipare ai film, ovviamente non andrò mai su quei programmi merdosi sulle tv americane. Non sono sul poster di WrestleMania, non sono sulla sigla che viene prodotta a inizio show. Non vado da Conan O'Brien, non vado da Jimmy Fallon, ma la verità dei fatti è che non me ne frega niente. E fidati, non è la storia della volpe e l'uva. Ma il fatto che Dwayne sia nel main event di WrestleMania dell'anno prossimo e io no, mi fa schifo! Ah, ehi! Lasciatemi mettere in chiaro una cosa: voi che mi state acclamando adesso, voi siete il motivo principale per cui me ne vado! Perché siete voi quelli che bevono da quelle tazze da collezione, siete voi quelli che comprano le riviste sulla cui copertina non c'è il mio volto, e poi alle 5 del mattino in aeroporto cercate di sbattermele in faccia per farvele autografare e poi provare a rivenderle su E-bay, perché siete troppo pigri per trovarvi un vero lavoro! Io me ne andrò con il titolo WWE il 17 luglio e chissà, forse andrò a difenderlo alla New Japan Pro Wrestling, forse tornerò alla Ring Of Honor! Ehi, Colt Cabana! Come stai? Il motivo per cui me ne vado siete voi, perché dopo che me ne sarò andato voi continuerete a buttare soldi in questa azienda. Io sono soltanto un granello nell'ingranaggio. L'ingranaggio continuerà a girare e questo lo capisco. Ma Vince McMahon continuerà a fare soldi nonostante i suoi errori. È un milionario che dovrebbe essere un miliardario. E sapete perché non è un miliardario? Perché si circonda di sottomessi, insulsi e rincoglioniti yes-man, come John Laurinaitis, che gli dicono tutto quello che vuole sentirsi dire. E vorrei poter pensare che dopo la morte di Vince McMahon questa azienda andrà meglio, ma la realtà è che le redini saranno prese da quell'idiota di sua figlia [Stephanie McMahon] e da quel minchione del suo genero [Triple H] e dal resto della sua stupida famiglia! Lasciate che vi racconti un aneddoto privato su Vince McMahon. Noi facciamo tutta questa campagna contro il bullismo…“

—  Phil Brooks wrestler statunitense 1978

gli spengono il microfono

Emil Cioran photo
Caparezza photo
Gianrico Carofiglio photo
Peppino Impastato photo
José Mujica photo
Giacomo Leopardi photo
Helen Keller photo
Magic Johnson photo
Fëdor Dostoevskij photo
Sandro Pertini photo

„La borghesia nostrana – la più gretta, egoistica e meschina di tutte le borghesie d'Europa, ostile a ogni rinnovamento sociale, aggrappata ai residui della feudalità – non esita a spingere il fascismo, uscito da una sanguinosa avventura nazionalistica, contro la classe operaia nella insensata idea di arrestarne l'ascesa.“

—  Sandro Pertini 7º Presidente della Repubblica Italiana 1896 - 1990

Origine: Da La Resistenza secondo Risorgimento nazionale, in Gioventù socialista, aprile 1954; riportato in Pertini.it http://www.pertini.it/cesp/doc_61.htm.

Adolf Hitler photo
Bob Dylan photo
Adolf Hitler photo
Richard Bach photo
Charles M. Schulz photo
Gilbert Keith Chesterton photo
Cesare Beccaria photo
John Nash photo
Roberto Vecchioni photo
Eduardo Galeano photo
Caparezza photo
Dario Fo photo
Gue Pequeno photo

„A ognuna sto nel cuore come un ventricolo, ma non è sola ne ho 31 come gli Articolo.“

—  Gue Pequeno rapper italiano 1980

da L'idea sbagliata, n. 9
Fastlife mixtape vol. 3

Fabio Volo photo
Bill Hicks photo
Adolf Hitler photo
Ernest Hemingway photo
Kurt Cobain photo
Jean Jacques Rousseau photo
Ivan Illich photo

„Tutti i medici tradizionali credevano nelle persone, e i pazienti parlavano loro della propria natura. La natura veniva sperimentata, veniva sentita, odorata, assaporata dalle persone. Come lo spettatore, nel teatro greco, veniva educato a «sentire» l'attore, così il medico – quasi partecipasse a una tragedia greca – veniva educato, attraverso la mimesis (una simpatia che diventa sentire l'altro), a sentire la tragica vicenda di quella persona che sedeva dinanzi a lui e che, nella sua condizione umana, si era trovata in qualche guaio, in qualche contrarietà; e la natura cercava di guarire se stessa. Il concetto di salute non esisteva; esisteva solo l'idea di una natura più o meno capace di guarire costantemente se stessa. E ciò che il medico faceva, con il consiglio, con l'empatia, col potere della parola – la parola che risanava – e forse con pillole di coralli macinati o di mercurio, che sono altamente tossiche, come diremmo oggi, consisteva nell'incoraggiare la natura, nel rafforzare la natura, a compiere la propria azione guaritrice. Oggi ci è difficile pensare in questo modo alla funzione del medico. Pensiamo sempre che egli usi qualche strumento della sua professione per fare qualcosa al sistema o al sottosistema che c'è nel paziente, e che lui, non il paziente, conosce.“

—  Ivan Illich scrittore, filosofo, sociologo, teologo 1926 - 2002

Origine: Pervertimento del cristianesimo, p. 90

Luigi Pirandello photo
Thomas Mann photo

„L'uomo non vive soltanto la sua vita personale come individuo, ma – cosciente o incosciente – anche quella della sua epoca e dei suoi contemporanei, e qualora dovesse considerare dati in modo assoluto e ovvio i fondamenti generali e obiettivi della sua esistenza ed essere altrettanto lontano dall'idea di volerli criticare quanto lo era in realtà il buon Castorp, è pur sempre possibile che senta vagamente compromesso dai loro difetti il proprio benessere morale. Il singolo può avere di mira parecchi fini, mete, speranze, previsioni, donde attinge l'impulso ad elevate fatiche e attività; se il suo ambiente impersonale, se l'epoca stessa, nonostante l'operosità interiore, è in fondo priva di speranze e prospettive, se furtivamente gli si rivela disperata, vana, disorientata e al quesito formulato, coscientemente o no, ma pur sempre formulato, di un ultimo significato, ultrapersonale, assoluto, di ogni fatica e attività, oppone un vacuo silenzio, ecco che proprio nel caso di uomini dabbene sarà quasi inevitabile un'azione paralizzante di questo stato di cose, la quale, passando attraverso il senso morale psichico, finisce con l'estendersi addirittura alla parte fisica e organica dell'individuo. Per aver voglia di svolgere un'attività notevole che sorpassi la misura di ciò che è soltanto imposto, senza che l'epoca sappia dare una risposta sufficiente alla domanda "a qual fine?", occorre o una solitudine e intimità morale che si trova di rado ed è di natura eroica o una ben robusta vitalità.“

—  Thomas Mann, libro La montagna incantata

La montagna incantata

Lev Nikolajevič Tolstoj photo

„Un uomo è convinto di essere morto. Dice ai familiari: «Sono morto» e i familiari lo mandano da uno specialista. Subito tra medico e paziente incomincia un'accanita discussione. Il medico fa appello ai sentimenti dell'uomo verso la vita, verso la famiglia. Poi prova a farlo ragionare, dimostrandogli l'intrinseca contraddizione di una frase come «Sono morto»: i morti non sono in grado di dire che sono morti, perché è appunto in questo che consiste l'essere morti. Alla fine il medico ricorre all'evidenza dei sensi. Domanda all'uomo: «I morti sanguinano?». «Certo che no» risponde l'uomo, spazientito dall'ottusa dabbenaggine della mente dei medici. «Lo sanno tutti che i morti non sanguinano». Al che il medico gli punge un dito. Ne esce una goccia di sangue. «Ma guarda un po', chi l'avrebbe mai detto» esclama l'uomo. «I morti sanguinano, eccome». Incorreggibile. Le percezioni e i ragionamenti confermano, anziché contraddirla, l'idea di essere morto. Il sentimento, la ragione e i dati di fatto collaborano alla costruzione di un sistema di difese volte a spiegare l'esperienza primaria, un'esperienza primaria che è uno stato di conoscenza, una realtà noetica dentro la quale il paziente è fissato e che conferisce significato a tutti gli altri eventi. «L'ambiente offre un mondo di nuovi significati. Tutta l'attività di pensiero è pensiero intorno ai significati … Si ha una conoscenza diretta e intrusiva del significato e questa appunto, in se stessa, è l'esperienza delirante.»“

—  James Hillman psicoanalista, saggista e filosofo statunitense 1926 - 2011

La paranoia è un disturbo del significato.

Keith Richards photo
Carl Sagan photo
Fëdor Dostoevskij photo
Mary Shelley photo
Jeremy Rifkin photo
Lewis Carroll photo
Tim Burton photo
Margherita Hack photo
Avril Lavigne photo
Adriano Celentano photo

„Le bombe non cambiano idea.“

—  Adriano Celentano cantautore, ballerino e showman italiano 1938

da Jungla di città, n. 6
Uh... uh...

Piero Pelù photo

„Non abbassare lo sguardo con nessuno | tu puoi chiamarlo orgoglio | è la mia idea!.“

—  Piero Pelù cantautore italiano 1962

da Io ci sarò, n. 2
Né buoni né cattivi

Ingeborg Bachmann photo
Vito Mancuso photo
Natalia Ginzburg photo
Charles Baudelaire photo
Joumana Haddad photo
Virginia Woolf photo
Pier Luigi Bersani photo

„La sinistra è l'idea che se guardi il mondo con gli occhi dei più deboli puoi fare davvero un mondo migliore per tutti […]. Se pochi hanno troppo e troppi hanno poco, l'economia non gira, perché l'ingiustizia fa male all'economia. Si vuole un mercato che funzioni, senza monopoli, corporazioni, posizioni di dominio, ma ci sono beni che non si possono affidare al mercato: la salute, l'istruzione, la sicurezza. Il lavoro non è tutto, ma questo può dirlo solo chi il lavoro ce l'ha […]. Davanti a un problema serio di salute, non ci può essere né povero né ricco né calabrese né lombardo né marocchino: si fa con quel che si ha, ma si fa per tutti. L'insegnante che insegue un ragazzo per tenerlo a scuola è l'eroe dei nostri tempi; indebolire la scuola pubblica vuol dire rubare il futuro ai più deboli. La condizione della donna è la misura della civiltà di un paese: calpestarne la dignità è l'umiliazione di un paese […]. C'è un modo per difendere la fede di ciascuno, per garantire le convinzioni di ciascuno, per riconoscere la condizione di ciascuno: questo modo irrinunciabile si chiama laicità. Per guidare un'automobile, che è un fatto pubblico, ci vuole la patente, che è un fatto privato: per governare, che è un fatto pubblico, bisogna essere persone per bene, che è un fatto privato. Chi si ritiene di sinistra, chi si ritiene progressista deve tenere vivo il sogno di un mondo in pace, senza odio e violenza, e deve combattere contro la pena di morte, la tortura, ogni altra sopraffazione fisica o morale e ogni illegalità: essere progressisti significa combattere l'aggressività che ci abita dentro, quella del più forte sul più debole, dell'uomo sulla donna, di chi ha potere su chi non ne ha e prendere la parte di chi ha meno forza e meno voce. Qui finisce il mio tempo ma non certo il mio elenco, grazie.“

—  Pier Luigi Bersani politico italiano 1951

Origine: Dal programma televisivo Vieni via con me, 15 novembre 2010; visibile su video.repubblica.it http://video.repubblica.it/politica/vieni-via-con-me-bersani-al-governo-persone-perbene/56628/55682.

„Di fronte al mare la felicità è un'idea semplice.“

—  Jean-Claude Izzo scrittore, giornalista e poeta francese 1945 - 2000

da Chourmo. Il cuore di Marsiglia

Luca Zaia photo

„Siamo tutti figli della Serenissima, fondata sull'idea della sua autonomia.“

—  Luca Zaia politico italiano 1968

citato in Prima il Veneto. Sito ufficiale di Luca Zaia http://www.lucazaia.it/it/index.php?s=storia

Papa Francesco photo
Zygmunt Bauman photo
Citát „Prendi una buona idea e mantienila. Inseguila, e lavoraci fino a quando non funziona bene.“
Walt Disney photo

„Prendi una buona idea e mantienila. Inseguila, e lavoraci fino a quando non funziona bene.“

—  Walt Disney imprenditore, fumettista (creatore di cartoni animati) 1901 - 1966

Helen Keller photo
Margaret Atwood photo
Giuseppe Mazzini photo
Abbé Pierre photo