Frasi sul disegno

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema disegno, essere, grande, vita.

Migliori frasi sul disegno

  • Fai quello che puoi, con quello che hai, lì dove sei. – Theodore Roosevelt
  • Il passato è un'incognita che disegna i giorni che non vivremo mai. – Adriano Celentano
  • La verità è raramente pura e mai semplice. – Oscar Wilde
  • L'arte non è ciò che vedi tu, ma ciò che consenti agli altri di vedere. – Edgar Degas
  • Partire | è lasciare il disegno a metà, | il discorso lacerato. – Riccardo Mannerini
  • Nessuno scienziato potrà mai capire fino in fondo il Grande Disegno. – Antonino Zichichi
  • Disegnia e no prder tepo [sic] – Michelangelo Buonarroti
  • Vivimi senza disegni, vivimi di colori.
  • Il diavolo non si fa scrupolo, pei suoi disegni, di citar le Scritture. – William Shakespeare
  • Prendi parte alla vita e disegna o dipingi ciò a cui partecipi. – Robert Henri

Tutte frasi sul disegno

Un totale di 472 frasi disegno, il filtro:

Alessandro Baricco photo
Liliana Segre photo
Riccardo Mannerini photo

„Partire | è lasciare il disegno a metà, | il discorso lacerato.“

—  Riccardo Mannerini poeta e paroliere italiano 1927 - 1980

Partire, p. 238
Il sogno e l'avventura

Paola Concia photo

„[Sull'atteggiamento dell'opposizione al disegno di legge volto ad introdurre la c. d. aggravante di omofobia nel codice penale italiano. ] Onestamente, dopo quasi mille giorni che il provvedimento in esame è all'ordine del giorno e dopo tanti tentativi, da parte mia, di arrivare ad una mediazione, l'impressione è quella di avere davanti un muro di gomma. Per ogni soluzione offerta alle obiezioni sollevate se ne sollevavano delle nuove. Riassumo tutti gli ostacoli che ho cercato di superare. Accantonato il reato di opinione perché bocciato, l'obiezione è diventata la nozione di orientamento sessuale. Quando questa nozione è stata espunta con la diversa formulazione proposta, cioè omofobia e transfobia, omosessualità e transessualità, l'obiezione ha riguardato la ragionevolezza della ridotta applicazione dell'aggravante alla sola omosessualità e transessualità. Superato ciò con l'estensione dell'aggravante ad altre categorie di soggetti discriminati per età, sesso, ovvero disabilità, il problema è l'esatta corrispondenza con l'articolo 19 del Trattato. Il muro di gomma ancora resiste e assume forme sempre più nuove. Una delle novità dell'ultima ora sarebbe l'esigenza di tutelare la privacy della vittima del reato, che potrebbe avere interesse a non rendere manifesta attraverso un processo la propria omosessualità o transessualità. Si dice che l'aggravante determinerebbe l'esigenza di verificare in sede processuale se la vittima sia realmente omosessuale o transessuale. Cari colleghi, ciò è abbastanza bizzarro, perché è a tutti ben chiaro che la ratio dell'aggravante è quella di punire il movente di un soggetto, che commette un reato in ragione della presunta condizione umana di un'altra persona. Con la nuova aggravante non si vuole tutelare l'omosessuale in quanto omosessuale, ma si vuole punire un soggetto che delinque solo in quanto ritiene di avere dinanzi a sé una persona diversa da lui e quindi inferiore. Che la vittima sia o non sia omosessuale o transessuale è del tutto irrilevante. Il muro di gomma ha, però, assunto forme paradossali quando in Commissione esponenti della maggioranza hanno criticato l'uso della nozione di omosessualità e transessualità ritenendo migliore quella di «orientamento sessuale», prevista dall'articolo 19 del Trattato. È un'obiezione paradossale, a parer mio, in quanto proprio la nozione di orientamento sessuale era stata oggetto della loro precedente questione pregiudiziale di costituzionalità. La mia sensazione che la maggioranza volesse procedere all'indietro invece che verso l'applicazione di un testo condiviso ha avuto qui una conferma.“

—  Paola Concia politica italiana 1963

Origine: Citato in Seduta della Camera dei Deputati n. 476 di lunedì 23 maggio 2011 http://documenti.camera.it/apps/commonServices/getDocumento.ashx?idLegislatura=16&sezione=assemblea&tipoDoc=pdf&idseduta=476 – XVI Legislatura – Resoconto stenografico dell'Assemblea – Discussione della proposta di legge: Soro ed altri: Norme per la tutela delle vittime di reati per motivi di omofobia e transfobia (A.C. 2802-A). Camera dei Deputati, 23 maggio 2011.

Ettore Sottsass photo
Michelangelo Buonarroti photo

„Disegnia e no prder tepo [sic]“

—  Michelangelo Buonarroti scultore, pittore, architetto e poeta italiano del XV - XVI secolo 1475 - 1564

Chiara Lubich photo
Mao Tsé-Tung photo

„La rivoluzione non è un pranzo di gala; non è un'opera letteraria, un disegno, un ricamo; non la si può fare con altrettanta eleganza, tranquillità e delicatezza, o con altrettanta dolcezza, gentilezza, cortesia, riguardo e magnanimità. La rivoluzione è un'insurrezione, un atto di violenza con il quale una classe ne rovescia un'altra.“

—  Mao Tsé-Tung Presidente del Partito Comunista Cinese 1893 - 1976

Origine: Da Citazioni dalle opere del Presidente Mao-Tse-Tung (meglio nota come Libretto rosso), pp. 12-13; citato in Saverio Di Bella, Caino Barocco. Messina e la Spagna 1672-1678, p. 56 http://books.google.it/books?id=SRsC5i0eb8QC&pg=PA56#.

Stephen Hawking photo

„La creazione spontanea è la ragione per cui c’è qualcosa invece di nulla, per cui esiste il cosmo, per cui esistiamo noi.“

—  Stephen Hawking, libro Il grande disegno

libro Il grande disegno: Che cosa sappiamo oggi dell'universo

Cormac McCarthy photo
Marcel Proust photo
Keiko Ichiguchi photo

„Da piccola ho letto una storia tipica di shojo manga ambientata nell'antico Egitto. Era una storia immaginaria, ma mi ha affascinata tanto, al punto che ho cominciato a leggere i libri veri sull'antico Egitto. I fumetti possono essere la porta d'entrata di qualsiasi mondo nuovo perché sono più facili da seguire grazie ai disegni.“

—  Keiko Ichiguchi fumettista giapponese 1966

Origine: Da Keiko Ichiguchi: "Memorie di Iris" e "La Promessa dei Ciliegi" http://www.fumettodautore.com/magazine/autori-e-anteprime/4784-lintervista-r-keiko-ichiguchi-memorie-di-iris-e-la-promessa-dei-ciliegi, FumettoD'Autore.it, 24 novembre 2014.

Chiara Lubich photo
Kaos One photo

„Il disegno è complicato come un puzzle da 3000 pezzi | se vuoi capire tocca che li incastri tutti.“

—  Kaos One rapper, beatmaker e writer italiano 1971

da I fieri Bboyz

Niccolo Machiavelli photo
William Shakespeare photo

„Girano tanti lucani per il mondo, ma nessuno li vede, non sono esibizionisti. Il lucano, più di ogni altro popolo, vive bene all'ombra.“

—  Leonardo Sinisgalli poeta, ingegnere e pubblicitario italiano 1908 - 1981

da Un disegno di Scipione, Mondadori, 1975, p. 165

Renzo Piano photo
Josefa Idem photo

„Presenterò un disegno di legge per le unioni civili. Perché non deve importare se uno ha scelto di condividere la vita con una donna o un uomo, se una persona è gay, lesbica o eterosessuale. La cosa fondamentale è che tutti i cittadini devono avere gli stessi diritti, senza distinzione di sesso.“

—  Josefa Idem politica e ex canoista tedesca naturalizzata italiana 1964

Origine: Citata in Idem: «Presto ddl sui matrimoni gay, anche Berlusconi è favorevole» http://www.repubblica.it/politica/2013/05/10/news/idem_gay-58460502/, la Repubblica, 10 maggio 2013.

Oscar Wilde photo

„La verità è raramente pura e mai semplice.“

—  Oscar Wilde, L'importanza di chiamarsi Ernesto

Algernon: I; 2004, p. 51
L'importanza di chiamarsi Ernesto

Publio Papinio Stazio photo
Albert Einstein photo
Orhan Pamuk photo
Umberto Eco photo

„Non ci fa paura la bestemmia, perché anche nella maledizione di Dio riconosciamo l'immagine stranita dell'ira di Geova che maledice gli angeli ribelli. Non ci fa paura la violenza di chi uccide i pastori in nome di qualche fantasia di rinnovamento, perché è la stessa violenza dei principi che cercarono di distruggere il popolo di Israele. Non ci fa paura il rigore del donatista, la follia suicida del circoncellione, la lussuria del bogomilo, l'orgogliosa purezza dell'albigese, il bisogno di sangue del flagellante, la vertigine del male del fratello del libero spirito: li conosciamo tutti e conosciamo la radice dei loro peccati che è la radice stessa della nostra santità. Non ci fanno paura e soprattutto sappiamo come distruggerli, meglio, come lasciare che si distruggano da soli portando protervamente allo zenit la volontà di morte che nasce dagli abissi stessi del loro nadir. Anzi, vorrei dire, la loro presenza ci è preziosa, si iscrive nel disegno di Dio, perché il loro peccato incita la nostra virtù, la loro bestemmia incoraggia il nostro canto di lode, la loro sregolata penitenza regola il nostro gusto del sacrificio, la loro empietà fa risplendere la nostra pietà, così come il principe delle tenebre è stato necessario, con la sua ribellione e la sua disperazione, a far meglio rifulgere la gloria di Dio, principio e fine di ogni speranza.“

—  Umberto Eco, libro Il nome della rosa

Il nome della rosa