Frasi di Nico Perrone

Nico Perrone photo
74   3

Nico Perrone

Data di nascita: 27. Aprile 1935

Pubblicità

Nico Perrone, all'anagrafe Nicola Carlo Perrone , è un saggista, storico e giornalista italiano.

Autori simili

Carlo Ginzburg photo
Carlo Ginzburg9
storico, scrittore e saggista italiano
Marcello Veneziani34
giornalista e scrittore italiano
Andrea Scanzi photo
Andrea Scanzi63
giornalista e scrittore italiano
David Bidussa5
scrittore, giornalista e saggista italiano
Gianluigi Nuzzi photo
Gianluigi Nuzzi25
giornalista e scrittore italiano
Federico Rampini photo
Federico Rampini9
giornalista e scrittore italiano
Sergio Romano photo
Sergio Romano22
storico, scrittore e giornalista italiano
Italo Alighiero Chiusano photo
Italo Alighiero Chiusano10
critico letterario, saggista e giornalista italiano

Frasi Nico Perrone

Pubblicità

„Meglio, in politica, avere rappresentato venti bandiere che nessuna? – scrisse pensando a lui Benedetto Croce. Indro Montanelli nella sua biografia di Garibaldi, Luigi Magni nel suo film Il generale ce lo hanno rappresentato come un simpatico birbante. E anche Nico Perrone [... ] ci presenta una non schematica riabilitazione: anche a sorpresa, rispetto a un titolo che sembrerebbe ben altrimenti critico. È vero, riconosce, Liborio Romano era un voltagabbana. Ma non per volgare tornaconto personale, bensì sempre al servizio di progetti autenticamente riformisti. In campo penale, ad esempio, si dovette al suo pur breve passaggio per il governo delle Due Sicilie l'abolizione della pena barbarica delle legnate. E in campo sociale fu promotore alla Camera di una proposta di riforma agraria che forse contribuì al suo isolamento politico più ancora delle troppe giravolte. Naturalmente, molto dipende poi dal modo in cui si vuole valutare il passaggio dal Regno delle Due Sicilie al Regno d'Italia. Perrone non nasconde affatto i nodi dell'Unità, dall'accentramento brutale alla feroce repressione del brigantaggio. Ma non indulge neanche sull'opposta retorica della monarchia borbonica come mitica età dell'oro: prima ancora dei bersaglieri contro i briganti erano stati i soldati di Ferdinando I a tagliare teste in quantità per reprimere la rivolta del Cilento del 1828, e gli investimenti infrastrutturali e industriale che pur la dinastia borbonica aveva fatto si concentravano a Napoli dimenticando il resto del Regno. Romano, a suo modo, era stato appunto fautore di un fallito progetto di riscatto del Sud accettando la nuova logica unitaria, ma salvaguardandone gli interessi specifici.“

—  Nico Perrone
da il Foglio, 27 luglio 2010

„Nico Perrone, docente alla Facoltà di Scienze Politiche di Bari, è quanto di più lontano si possa immaginare dal mondo cattolico moderato. Il Foglio l'ha definito "talmente rosso, che più rosso non si può". Chi desidera averne la prova, sfogli le prime pagine del libro. Elencano tutte le accuse che per mezzo secolo la sinistra politica ha scagliato contro l'allora partito di maggioranza relativa. Ecco dunque rispuntare capi d'imputazione come bigottismo clericale, anticomunismo, strategia della tensione, subordinazione agli USA, collusioni mafiose, corruzione, e via così. Nei numerosi libri dedicati all'argomento, Perrone s'era guadagnato la reputazione di critico implacabile, "senza essermene pentito" precisa oggi. Ma adesso – ecco la novità – si domanda "se questa lettura, sostanzialmente vera, contenga effettivamente tutti gli aspetti della politica di governo della DC, o se invece non abbia trascurato di tenerne in luce qualcuno non secondario". Il libro è una rilettura seria di quegli anni. L'esito, una sorprendente riabilitazione post mortem. Qualche esempio qua e là. La Democrazia cristiana, afferma Perrone, "ha dato all'Italia il più lungo periodo di pace della sua storia unitaria e ha realizzato una riduzione degli squilibri, compreso quello storico fra Nord e Sud". In politica estera, l'ingresso nel G-7 costituì "un'affermazione delle specificità italiane che la DC ha saputo cogliere, valorizzare, sviluppare e difendere, con un'azione di governo che ha tenuto insieme identità nazionale e prospettive europee, iniziative autonome di politica estera in difesa di interessi nazionali e lealtà occidentale, modernizzazione e capacità di gestire sacche interne di arretratezza». Nell'economia il plauso è senza riserve: "La DC si è mostrata generalmente rispettosa della sovranità popolare, cui non ha contrapposto un eccessivo potere dell'esecutivo. Nel suo lungo governo essa ha evitato d'imporre troppe regole al dispiegarsi della vita civile, e tuttavia non ha mai perseguito modelli di liberismo. Attraverso una politica di capital spending e una miriade di riforme, è riuscita a esprimere una capacità di riforma, con una sua egemonia forte, duratura, e tuttavia fondata su di un genuino, esteso consenso". [... ] Cosa ne pensano i democristiani tutti d'un pezzo, quelli che non hanno cambiato casacca? Marco Follini, leader dell'UDC, ha letto il libro e, naturalmente, lo apprezza. "La cosa curiosa", osserva, "è quest'ammirazione postuma da parte della sinistra. C'è un grande amore per la DC perché non c'è più".“

—  Nico Perrone
Ugo Magri

Pubblicità
Pubblicità

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Translate quotes
Avanti
Anniversari di oggi
Edoardo Bennato photo
Edoardo Bennato66
cantautore, chitarrista e armonicista italiano 1946
Elio Vittorini photo
Elio Vittorini32
scrittore italiano 1908 - 1966
Amadeo Bordiga photo
Amadeo Bordiga8
politico italiano 1889 - 1970
Giuseppe Tomasi di Lampedusa photo
Giuseppe Tomasi di Lampedusa26
scrittore italiano 1896 - 1957
Altri 87 anniversari oggi
Autori simili
Carlo Ginzburg photo
Carlo Ginzburg9
storico, scrittore e saggista italiano
Marcello Veneziani34
giornalista e scrittore italiano
Andrea Scanzi photo
Andrea Scanzi63
giornalista e scrittore italiano