Frasi di Orhan Pamuk

Orhan Pamuk photo
19  35

Orhan Pamuk

Data di nascita: 7. Giugno 1952

Pubblicità

Ferit Orhan Pamuk è uno scrittore, accademico e saggista turco.

I suoi romanzi, tradotti in più di quaranta lingue, sono spesso sospesi tra il fiabesco ed il reale e rispecchiano la Turchia di ieri e di oggi. È stato insignito del Premio Nobel per la Letteratura con la seguente motivazione: "nel ricercare l'anima malinconica della sua città natale, ha scoperto nuovi simboli per rappresentare scontri e legami fra diverse culture".

Ha scritto di sé:

Autori simili

Recep Tayyip Erdoğan photo
Recep Tayyip Erdoğan8
politico turco
Ferzan Özpetek photo
Ferzan Özpetek5
regista turco
Nazım Hikmet photo
Nazım Hikmet13
poeta, drammaturgo e scrittore turco
Jonathan Franzen photo
Jonathan Franzen32
scrittore e saggista statunitense
George Steiner photo
George Steiner93
scrittore e saggista francese
Ryszard Kapuściński photo
Ryszard Kapuściński29
giornalista e scrittore polacco
Dave Eggers photo
Dave Eggers17
scrittore, editore e saggista statunitense
Jonathan Safran Foer photo
Jonathan Safran Foer175
scrittore statunitense
Carlo Ginzburg photo
Carlo Ginzburg9
storico, scrittore e saggista italiano

Frasi Orhan Pamuk

„In certi libri ci sono passi in grado di penetrarci così a fondo che non possiamo più scordarli, non tanto per la bravura dell'autore quanto perché "la vicenda pare scorrere per conto suo", quasi "si fosse scritta da sé". Simili passi ci rimangono nella mente, o nel cuore - o comunque tu voglia chiamarlo - non tanto come portentose creazioni di un mastro artigiano quanto come momenti teneri, strazianti e dolorosi, che ricorderemo per anni e addirittura oltre alla stregua dei periodi d'inferno (o paradiso) che viviamo realmente. Quindi, vedi, se fossi un eccellente maestro della parola invece che l'ultimo arrivato tra i rubricisti, sarei sicuro che questa è una delle pagine della mia opera intitolata Rüya e Galip che potrebbero rimanere in mente per anni ai miei sensibili e intelligenti lettori. Ma è un tipo di certezza di cui non dispongo. È per questo che su questa pagina, caro lettore, vorrei lasciarti solo con i tuoi ricordi. E il modo migliore per farlo sarebbe suggerire al tipografo di coprire del tutto le pagine successive con un inchiostro nero. In modo che potessi essere tu a usare la tua fantasia allo scopo di creare ciò a cui io non so rendere giustizia con la mia prosa. E, per descrivere il nero del sogno in cui mi sono trovato sprofondato nel punto in cui ho interrotto la mia storia, ricordati il silenzio da cui è stata inondata la mia mente nel corso delle successive vicende, che ho vissuto come fossi sonnambulo. Considera dunque le pagine che seguono, le pagine nere, alla stregua dei ricordi di un sonnambulo.“

— Orhan Pamuk
The Black Book

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

„Come sapete la domanda che più spesso viene posta a noi scrittori, la domanda preferita è: perché scrive? Io scrivo perché sento il bisogno innato di scrivere! Scrivo perché non posso fare un lavoro normale, come gli altri. 
Scrivo perché voglio leggere libri come quelli che scrivo. 
Scrivo perché ce l'ho con voi, con tutti. Scrivo perché mi piace stare chiuso in una stanza a scrivere tutto il giorno.
 Scrivo perché posso sopportare la realtà soltanto trasformandola.
 Scrivo perché tutto il mondo conosca il genere di vita che abbiamo vissuto, che viviamo io, gli altri, tutti noi a Istanbul, in Turchia.
 Scrivo perché amo l'odore della carta, della penna e dell'inchiostro.
 Scrivo perché credo nella letteratura, nell'arte del romanzo più di quanto io creda in qualunque cosa. 
Scrivo per abitudine, per passione.
 Scrivo perché ho paura di essere dimenticato. 
Scrivo perché apprezzo la fama e l'interesse che ne derivano. Scrivo per star solo. Forse 
scrivo perché spero di capire il motivo per cui ce l'ho così con voi, con tutti. 
Scrivo perché mi piace essere letto.
 Scrivo perché una volta che ho iniziato un romanzo, un saggio, una pagina, voglio finirli. 
Scrivo perché tutti se lo aspettano da me.
 Scrivo perché come un bambino credo nell'immortalità delle biblioteche e nella posizione che i miei libri occupano negli scaffali. 
Scrivo perché la vita, il mondo, tutto è incredibilmente bello e sorprendente. 
Scrivo perché è esaltante trasformare in parole tutte le bellezze e ricchezze della vita. 
Scrivo non per raccontare una storia ma per costruirla. 
Scrivo per sfuggire alla sensazione di essere diretto in un luogo che, come in un sogno, non riesco a raggiungere. 
Scrivo perché non sono mai riuscito ad essere felice. 
Scrivo per essere felice.“

— Orhan Pamuk
My Father's Suitcase: The Nobel Lecture

Avanti
Anniversari di oggi
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone104
poeta romano -43 - 17 a.C.
Friedrich Hölderlin photo
Friedrich Hölderlin55
poeta tedesco 1770 - 1843
Isaac Newton photo
Isaac Newton12
matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teolog... 1643 - 1727
Lev Jašin photo
Lev Jašin8
calciatore e hockeista su ghiaccio sovietico 1929 - 1990
Altri 78 anniversari oggi
Autori simili
Recep Tayyip Erdoğan photo
Recep Tayyip Erdoğan8
politico turco
Ferzan Özpetek photo
Ferzan Özpetek5
regista turco
Nazım Hikmet photo
Nazım Hikmet13
poeta, drammaturgo e scrittore turco
Jonathan Franzen photo
Jonathan Franzen32
scrittore e saggista statunitense
George Steiner photo
George Steiner93
scrittore e saggista francese