Frasi di Natalia Ginzburg

Natalia Ginzburg photo
44   17

Natalia Ginzburg

Data di nascita: 14. Luglio 1916
Data di morte: 7. Ottobre 1991
Altri nomi: Наталия Гинзбург

Natalia Ginzburg, nata Levi

Lavori

Lessico famigliare
Lessico famigliare
Natalia Ginzburg
Caro Michele
Caro Michele
Natalia Ginzburg
Le piccole virtù
Le piccole virtù
Natalia Ginzburg

Frasi Natalia Ginzburg

„Alcune parole di Cristo le pensiamo sempre, e possiamo essere atei, laici, quello che si vuole, ma fluttuano sempre nel nostro pensiero ugualmente. Ha detto «ama il prossimo come te stesso». Erano parole scritte già nell'Antico Testamento, ma sono divenute il fondamento della rivoluzione cristiana. Sono la chiave di tutto. Sono il contrario di tutte le guerre. Il contrario degli aerei che gettano bombe sulla gente indifesa. Il contrario degli stupri e dell'indifferenza che tanto spesso circonda le donne violentate nelle strade. Si parla tanto di pace, ma che cosa dire, a proposito della pace, oltre a queste semplici parole? Sono l'esatto contrario del modo come oggi siamo e viviamo. Ci pensiamo sempre, trovando estremamente difficile amare noi stessi e amare il prossimo più difficile ancora, o anzi forse completamente impossibile, e tuttavia sentendo che là è la chiave di tutto. Il crocifisso queste parole non le evoca, perché siamo così abituati a vedere quel piccolo segno appeso, e tante volte ci sembra non altro che una parte del muro. Ma se ci avviene di pensare che a dirle è stato Cristo, ci dispiace troppo che debba sparire dal muro quel piccolo segno. Cristo ha detto anche: «Beati coloro che hanno fame e sete di giustizia perché saranno saziati.»“

—  Natalia Ginzburg
Quando e dove saranno saziati? In cielo, dicono i credenti. Gli altri invece non sanno né quando né dove, ma queste parole fanno, chissà perché, sentire la fame e la sete di giustizia più severe, più ardenti e più forti.

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Era, il dopoguerra, un tempo in cui tutti pensavano d'essere dei poeti, e tutti pensavano d'essere dei politici; tutti s'immaginavano che si potesse e si dovesse anzi far poesia di tutto, dopo tanti anni in cui era sembrato che il mondo fosse ammutolito e pietrificato e la realtà era stata guardata come di là da un vetro, in una vitrea, cristallina e muta immobilità. Romanzieri e poeti avevano, negli anni del fascismo, digiunato, non essendovi intorno molte parole che fosse consentito usare; e i pochi che ancora avevano usato parole le avevano scelte con ogni cura nel magro patrimonio di briciole che ancora restava. Nel tempo del fascismo, i poeti s'erano trovati ad esprimere solo il mondo arido, chiuso e sibillino dei sogni. Ora c'erano di nuovo molte parole in circolazione, e la realtà di nuovo appariva a portata di mano; perciò quegli antichi digiunatori si diedero a vendemmiarvi con delizia. E la vendemmia fu generale, perché tutti ebbero l'idea di prendervi parte; e si determinò una confusione di linguaggio fra poesia e politica, le quali erano apparse mescolate insieme. Ma poi avvenne che la realtà si rivelò complessa e segreta, indecifrabile e oscura non meno che il mondo dei sogni; e si rivelò ancora situata di là dal vetro, e l'illusione di aver spezzato quel vetro si rivelò effimera. Cosí molti si ritrassero presto sconfortati e scorati; e ripiombarono in un amaro digiuno e in un profondo silenzio. Cosí il dopoguerra fu triste, pieno di sconforto dopo le allegre vendemmie dei primi tempi. Molti si appartarono e si isolarono di nuovo o nel mondo dei loro sogni, o in un lavoro qualsiasi che fruttasse da vivere, un lavoro assunto a caso e in fretta, e che sembrava piccolo e grigio dopo tanto clamore; e comunque tutti scordarono quella breve, illusoria compartecipazione alla vita del prossimo. Certo, per molti anni, nessuno fece piú il proprio mestiere, ma tutti credettero di poterne e doverne fare mille altri insieme; e passò del tempo prima che ciascuno riprendesse sulle sue spalle il proprio mestiere e ne accettasse il peso e la quotidiana fatica, e la quotidiana solitudine, che è l'unico mezzo che noi abbiamo di partecipare alla vita del prossimo, perduto e stretto in una solitudine uguale.“

—  Natalia Ginzburg, libro Lessico famigliare
Lessico famigliare, 1963, pp. 165-166

„Palermino Palermino | sei più bello di Torino.“

—  Natalia Ginzburg, libro Lessico famigliare
Lessico famigliare, Source: Citato in Natalia il destino scritto in una strada di Palermo http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/03/14/natalia-il-destino-scritto-in-una-strada.html, Repubblica.it, 14 marzo 2004.

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Autori simili

Oriana Fallaci photo
Oriana Fallaci152
scrittrice italiana
Grazia Deledda photo
Grazia Deledda18
scrittrice italiana
Alda Merini photo
Alda Merini295
poetessa italiana
Toni Morrison photo
Toni Morrison27
scrittrice statunitense
Marina Ivanovna Cvetaeva photo
Marina Ivanovna Cvetaeva5
poetessa e scrittrice russa
Agatha Christie photo
Agatha Christie50
scrittrice britannica
Etty Hillesum photo
Etty Hillesum84
scrittrice olandese
Doris Lessing photo
Doris Lessing14
scrittrice inglese
Carlo Carretto photo
Carlo Carretto35
religioso italiano
Vittorino Andreoli photo
Vittorino Andreoli48
psichiatra e scrittore italiano
Anniversari di oggi
Fabrizio Moro photo
Fabrizio Moro46
cantautore e chitarrista italiano 1975
Charles Baudelaire photo
Charles Baudelaire140
poeta francese 1821 - 1867
Dietrich Bonhoeffer photo
Dietrich Bonhoeffer25
teologo tedesco 1906 - 1945
Francois Rabelais photo
Francois Rabelais17
scrittore e umanista francese 1494 - 1553
Altri 84 anniversari oggi
Autori simili
Oriana Fallaci photo
Oriana Fallaci152
scrittrice italiana
Grazia Deledda photo
Grazia Deledda18
scrittrice italiana
Alda Merini photo
Alda Merini295
poetessa italiana
Toni Morrison photo
Toni Morrison27
scrittrice statunitense
Marina Ivanovna Cvetaeva photo
Marina Ivanovna Cvetaeva5
poetessa e scrittrice russa
x