Frasi sulla stupidit

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema saggezza, stupidità, vita, uomini.

Migliori frasi sulla stupidit

Jack Kerouac photo

„Il mare non parlava per frasi ma per versi.“

—  Jack Kerouac, libro Big Sur

Big Sur

Caparezza photo

„L'inchiostro sa quante frasi nascondono i silenzi.“

—  Caparezza cantautore e rapper italiano 1973

da China Town, n. 9
Museica

Friedrich Schiller photo

„Contro la stupidità gli stessi dei lottano invano.“

—  Friedrich Schiller poeta, filosofo e drammaturgo tedesco 1759 - 1805

da La pulzella d'Orléans, atto III, scena VI

Ennio Flaiano photo

„La stupidità degli altri mi affascina, ma preferisco la mia.“

—  Ennio Flaiano, Il gioco e il massacro

libro Frasario essenziale per passare inosservati in società
Il gioco e il massacro

Giuseppe Pontiggia photo

„L'intelligenza ha i suoi limiti, ma la stupidità è illimitata.“

—  Giuseppe Pontiggia scrittore italiano 1934 - 2003

Il giardino delle Esperidi

Robert Anson Heinlein photo

„Non sottovalutare mai la potenza della stupidità umana.“

—  Robert Anson Heinlein autore di fantascienza statunitense 1907 - 1988

Lazarus Long l'Immortale
Variante: Non sottovalutare mai la potenza della stupidità umana.

Tutte frasi sulla stupidit

Un totale di 262 frasi sulla stupidità, il filtro:

Questa frasi in attesa di revisione.
Virginia Woolf photo
Fëdor Dostoevskij photo
Bertrand Russell photo
Carlos Ruiz Zafón photo
Emily Dickinson photo

„Molte frasi ha la lingua Inglese – | io ne ho udita solo una – | Bassa come il riso del Grillo, | Sonora, come la Lingua del Tuono – || Mormora, come antiche Corali del Caspio, | quando la Marea si arresta – | si esprime in nuove inflessioni – | come un Caprimulgo – || irrompe con brillante Ortografia | nel mio semplice sonno – | fa tuonare i suoi Presagi – | finché mi scuoto, e piango || non per il Dolore, che mi ha dato – | ma per lo sprone alla Gioia – | Dilla ancora, Sassone! | Sottovoce – Solo a me!“

—  Emily Dickinson scrittrice e poetessa inglese 1830 - 1886

J276 – F333, vv. 1-16
Lettere
Origine: La "struttura a indovinello irrisolto" (Bacigalupo) di questa poesia stuzzica la ricerca di una soluzione, ma sembra proprio che ce ne sia una sola: quale può essere la frase inglese che racchiude in sé tutte le immagini evocate nelle tre strofe iniziali, che fa piangere di gioia ad ascoltarla, se non "I love you" ("ti amo")? [Nota di G. Ierolli in Tutte le poesie. J251 – 300 http://www.emilydickinson.it/j0251-0300.html, EmilyDickinson.]

Cesare Pavese photo

„L'unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante. Quando manca questo senso – prigione, malattia, abitudine, stupidità, – si vorrebbe morire.“

—  Cesare Pavese, libro Il mestiere di vivere. Diario 1935-1950

23 novembre 1937
Il mestiere di vivere
Variante: L’unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante. Quando manca questo senso – prigione, malattia, abitudine, stupidità –, si vorrebbe morire.

Albert Einstein photo

„Solo due cose sono infinite, l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima.“

—  Albert Einstein scienziato tedesco 1879 - 1955

Attribuite
Variante: Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.

Leonardo Sciascia photo

„[Su Luigi Pirandello] E voglio finire con un aneddoto che riguarda il Pirandello siciliano e che, nella dilagante stupidità di oggi, che tende a relegare la Sicilia in una particolare etnia (si ha il pudore di non usare la parola "razza": ma soltanto di non usarla), assume un grande significato. Nel 1932 Emilio Cecchi, che dirigeva la Cines, comunica a Pirandello l'intenzione di trarre un film dalla novella Lontano. Ma ha uno scrupolo: "nella novella come sta scritta, il marinaio norvegese si sente irresistibilmente attratto da una vita più vasta, e dai ricordi della patria, per il fatto di trovarsi legato, con il matrimonio, ad un ambiente meno che meschino; in fondo è in lui l'insofferenza dell'uomo appartenente a civiltà più energiche e libere, naufragato in un'isola abitata da gente ristretta, fra la quale egli sente mancarsi il fiato". Cecchi, scrittore che tuttora amo, era affetto da una invincibile idiosincrasia nei riguardi della Sicilia, dei siciliani: e la si può più immediatamente riscontrare nei suoi Taccuini, oltre che in questa sua lettura della novella Lontano. La novella non sta scritta come lui la leggeva; e Pirandello infatti così risponde: "Caro Cecchi, il contrasto non è tra due civiltà; ma tra due vite naturalmente diverse, quella di un uomo del Nord e quella di una donna del Sud; e il dramma che ne nasce, il dramma di restar "lontano" tra i vicini più vicini: la propria donna, il proprio figlio. Non c'è dunque da farsi scrupoli sulla natura di quelli a cui Lei mi accenna. Tutt'altro! Non era, né poteva essere nelle mie intenzioni di rappresentar barbara o di civiltà inferiore la Sicilia…"“

—  Leonardo Sciascia scrittore e saggista italiano 1921 - 1989

Naturalmente, il film non si fece. Ma queste parole di Pirandello restano, ci restano.

Immanuel Kant photo
Massimo Gramellini photo
Fëdor Dostoevskij photo

„Ancora sedicenne, li osservavo con cupa meraviglia; già allora mi stupivano la grettezza del loro pensiero, la stupidità delle occupazioni, dei giochi, dei discorsi loro. Non capivano certe cose cosí indispensabili, non s'interessavano di argomenti cosí suggestivi e impressionanti che per forza presi a considerarli inferiori a me. Non era la vanità offesa che mi ci spingeva, e, per amor di Dio, non venitemi avanti con le obiezioni convenzionali, rancide fino alla nausea, che io non facevo che sognare, mentre essi già allora capivano la vita reale. Nulla essi capivano, nessuna vita reale, e vi giuro che questo, appunto, era ciò che piú m'indignava in loro. Al contrario, la realtà piú evidente, piú abbagliante la percepivano in modo fantasticamente sciocco e già allora si abituavano ad inchinarsi nient'altro che al successo. Di tutto ciò che era giusto, ma umiliato e oppresso, ridevano crudelmente e vergognosamente. La posizione la consideravano ingegno; a sedici anni discorrevano già di comodi posticini. Naturalmente, in questo molto derivava dalla stupidità, dal cattivo esempio che aveva sempre circondato la loro infanzia e adolescenza. Erano depravati fino alla mostruosità. S'intende che anche qui c'era soprattutto esteriorità, soprattutto cinismo ostentato, s'intende che la giovinezza e una certa freschezza trasparivano anche in loro perfino attraverso la depravazione; ma in loro non era attraente nemmeno la freschezza e si manifestava come una specie di bricconeria. Io li odiavo tremendamente, sebbene fossi magari peggio di loro. Essi mi ripagavano della stessa moneta, e non nascondevano la propria ripugnanza per me. Ma io non desideravo piú il loro affetto; al contrario, avevo sempre sete della loro umiliazione.“

—  Fëdor Dostoevskij scrittore e filosofo russo 1821 - 1881

A proposito della neve bagnata, III; 2002, p. 70

George Bernard Shaw photo
Arthur Rimbaud photo
Gustave Flaubert photo
Anthony de Mello photo
Carlo Maria Martini photo
George Patton photo

„Le fortificazioni fisse sono un monumento alla stupidità dell'uomo. Ogni cosa che è stata costruita dall'uomo può essere distrutta da esso.“

—  George Patton generale statunitense 1885 - 1945

citato in William Weir, 50 Military Leaders Who Changed the World, 2007, p. 173

Primo Levi photo

„Le leggi razziali furono provvidenziali per me, ma anche per gli altri: costituirono la dimostrazione per assurdo della stupidità del fascismo. Le leggi razziali erano il sintomo di una carnevalata: si era ormai dimenticato il volto criminale del fascismo (quello del delitto Matteotti, per intenderci): rimaneva da vederne quello sciocco.“

—  Primo Levi scrittore, partigiano e chimico italiano 1919 - 1987

Origine: Dall'intervista di Giorgio De Rienzo, In un alambicco quanta poesia, Famiglia Cristiana, n. 29, 20 luglio 1975; ora in Echi di una voce perduta. Incontri, interviste e conversazioni con Primo Levi, a cura di Gabriella Poli e Giorgio Calcagno, Mursia, 1992

Claude Debussy photo

„Odio le folle, il suffragio universale e le frasi tricolori“

—  Claude Debussy compositore francese 1862 - 1918

...
Citato in Lucien Rebatet, Une histoire de la musique

Francesco Bacone photo

„Generalmente nell'umana natura c'è più stupidità che saggezza.“

—  Francesco Bacone filosofo, politico e giurista inglese 1561 - 1626

Of Boldness

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?

„Peccato che la stupidità non sia dolorosa“

—  Anton LaVey esoterista, musicista e scrittore statunitense 1930 - 1997

Luciano De Crescenzo photo

„La stupidità è il motore del mondo.“

—  Luciano De Crescenzo, libro Il caffè sospeso

Il caffè sospeso

George Bernard Shaw photo

„Quando uno stupido fa qualcosa di cui si vergogna, dice sempre che è suo dovere.“

—  George Bernard Shaw scrittore, drammaturgo e aforista irlandese 1856 - 1950

When a stupid man is doing something he is ashamed of, he always declares that it is his duty.
Origine: Da Caesar and Cleopatra, III.

Arthur Schopenhauer photo
Filippo Turati photo

„La ferocia dei moralisti […] è superata soltanto dalla loro profonda stupidità!“

—  Filippo Turati politico e giornalista italiano 1857 - 1932

11 febbraio 1907, da Da Pelloux a Mussolini. Dai discorsi parlamentari, 1896-1923

Philip Roth photo
Mahátma Gándhí photo
Adolf Hitler photo
Coco Chanel photo
Erwin Rommel photo
Cesare Pavese photo
Emil Cioran photo
Ennio Flaiano photo
Papa Pio II photo

„Nessun ferro più della spada è adatto a scavare oro.“

—  Papa Pio II 210° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1405 - 1464

da I commentari; citato in Frasi celebri della letteratura italiana, Vallardi, Milano, 1994, p. 280. ISBN 88-11-93614-4

Amélie Nothomb photo
Carlo Lapucci photo
Randy Pausch photo
Sir Ian McKellen photo
Daniel Pennac photo
Dietrich Bonhoeffer photo

„Per il bene la stupidità è un nemico più pericoloso della malvagità. Contro il male è possibile protestare, ci si può compromettere, in caso di necessità è possibile opporsi con la forza; il male porta sempre con sé il germe dell'autodissoluzione, perché dietro di sé nell'uomo lascia almeno un senso di malessere. Ma contro la stupidità non abbiamo difese.
[…] osservando meglio, si nota che qualsiasi ostentazione esteriore di potenza, politica o religiosa che sia, provoca l'istupidimento di una gran parte degli uomini. Sembra anzi che si tratti di una legge socio-psicologica.
La potenza dell'uno richiede la stupidità degli altri. Il processo secondo cui ciò avviene, non è tanto quello dell'atrofia o della perdita improvvisa di determinate facoltà umane – ad esempio quelle intellettuali – ma piuttosto quello per cui, sotto la schiacciante impressione prodotta dall'ostentazione di potenza, l'uomo viene derubato della sua indipendenza interiore e rinuncia così, più o meno consapevolmente, ad assumere un atteggiamento personale davanti alle situazioni che gli si presentano.
Il fatto che lo stupido sia spesso testardo non deve ingannare sulla sua mancanza di indipendenza. Parlandogli ci si accorge addirittura che non si ha a che fare direttamente con lui, con lui personalmente ma con slogan, motti ecc. da cui egli è dominato. È ammaliato, accecato, vittima di un abuso e di un trattamento pervertito che coinvolge la sua stessa persona. Trasformatosi in uno strumento senza volontà, lo stupido sarà capace di qualsiasi malvagità, essendo contemporaneamente incapace di riconoscerla come tale. Questo è il pericolo che una profanazione diabolica porta con sé. Ci sono uomini che potranno essere rovinati per sempre.“

—  Dietrich Bonhoeffer teologo tedesco 1906 - 1945

Origine: Da Della stupidità.

Thomas Carlyle photo
Jean Paul Sartre photo
Nicolás Gómez Dávila photo
Giovanni Lindo Ferretti photo
Mauro Corona photo

„Di animo buono e dolce, non conosceva malizia alcuna e, a volte, come succede agli uomini, quelle sue belle caratteristiche venivano scambiate per stupidità.“

—  Mauro Corona scrittore, alpinista e scultore italiano 1950

libro Gli occhi del bosco Storie di animali e uomini

Arthur Schopenhauer photo

„Il medico vede l'uomo in tutta la sua debolezza; il giurista in tutta la sua malvagità; il teologo in tutta la sua stupidità.“

—  Arthur Schopenhauer filosofo e aforista tedesco 1788 - 1860

L'arte di insultare

Silvana De Mari photo
Roberto Vecchioni photo
Ivan Alexandrovič Gončarov photo
Yukio Mishima photo
Pier Paolo Pasolini photo
Hans Ruesch photo

„Non vi è peggior schiavitù di quella che s'ignora.“

—  Hans Ruesch pilota automobilistico, scrittore e sceneggiatore svizzero 1913 - 2007

Origine: Imperatrice nuda, p. 55

Fernando Pessoa photo

„Una sola cosa mi meraviglia più della stupidità con la quale la maggior parte degli uomini vive la sua vita: l'intelligenza che c'è in questa stupidità.“

—  Fernando Pessoa poeta, scrittore e aforista portoghese 1888 - 1935

1992, p. 42
Il libro dell'inquietudine
Variante: Una sola cosa mi meraviglia più della stupidità con cui la maggior parte degli uomini vive la sua vita: l'intelligenza che c'è in questa stupidità.

Charles Baudelaire photo
Konrad Adenauer photo

„Pare che certa gente abbia fatto la fila per tre volte quando il buon Dio ha distribuito la stupidità.“

—  Konrad Adenauer politico e statista tedesco 1876 - 1967

Origine: Citato in Giuseppe Crimaldi, Firenze. Annuncio choc su Ebay: «Cercasi baristi, astenersi meridionali» http://www.ilmattino.it/NAPOLI/CRONACA/ebay-meridionali-baristi-annuncio/notizie/619416.shtml, Il Mattino.it, 7 aprile 2014.

Joseph Conrad photo

„Una stupidità così totale era quasi interessante.“

—  Joseph Conrad, libro La linea d'ombra

libro La linea d'ombra

Henryk Sienkiewicz photo
Charles Baudelaire photo
Erasmo da Rotterdam photo

„Attenzione: l'intelligenza illumina, la stupidità abbaglia.“

—  Fulvio Fiori umorista, scrittore

Fonte?, Se sai qual è la fonte di questa citazione, inseriscila, grazie.

John Steinbeck photo
Scott Adams photo
Andrzej Sapkowski photo

„Il mondo sta andando in rovina», ripeté Coen annuendo con aria falsamente meditabonda. «Quante volte l'ho già sentito!»
Lambert fece una smorfia. «Anch'io. E non c'è da stupirsi, ultimamente è sulla bocca di tutti. Così dicono i re, quando viene fuori che dopotutto per regnare è necessario almeno un briciolo di cervello. Così dicono i mercanti, quando l'avidità e la stupidità li conducono alla bancarotta. Così dicono i maghi, quando cominciano a perdere la loro influenza sulla politica o sulle fonti di reddito. E colui cui viene rivolta questa frase deve aspettarsi che a essa segua subito una proposta. Perciò abbrevia i preamboli, Triss, e facci la tua.“

—  Andrzej Sapkowski, libro Il sangue degli elfi

Coen e Lambert, cap. 3
Il sangue degli elfi
Variante: «Il mondo sta andando in rovina», ripeté Coen annuendo con aria falsamente meditabonda. «Quante volte l'ho già sentito!»
Lambert fece una smorfia. «Anch'io. E non c'è da stupirsi, ultimamente è sulla bocca di tutti. Così dicono i re, quando viene fuori che dopotutto per regnare è necessario almeno un briciolo di cervello. Così dicono i mercanti, quando l'avidità e la stupidità li conducono alla bancarotta. Così dicono i maghi, quando cominciano a perdere la loro influenza sulla politica o sulle fonti di reddito. E colui cui viene rivolta questa frase deve aspettarsi che a essa segua subito una proposta. Perciò abbrevia i preamboli, Triss, e facci la tua.»

Baltasar Gracián photo
Milan Kundera photo
Giovanni Lindo Ferretti photo
Mario Praz photo
Björn Larsson photo
Silvio Berlusconi photo
Giordano Bruno photo
John Maynard Keynes photo

„Contro la stupidità anche gli dei sono impotenti. Ci vorrebbe il Signore. Ma dovrebbe scendere lui di persona, non mandare il Figlio; non è il momento dei bambini.“

—  John Maynard Keynes, libro Le conseguenze economiche della pace

Origine: Da Le conseguenze economiche della pace (The Economic Consequences of the Peace, 1919), traduzione di Franco Salvatorelli, Adelphi, Milano, 2007.

Arthur Schopenhauer photo
John Henry Tilden photo
Louis-ferdinand Céline photo
Christopher Hitchens photo
Janko Tipsarević photo
Dino Risi photo
Arthur Schnitzler photo
Luciano De Crescenzo photo
Giordano Bruno photo
Paolo Mantegazza photo

„Lasciare l'ingegno senza un'applicazione è lasciare un capitale senza impiego; è quindi per lo meno stupidità e trascurataggine.“

—  Paolo Mantegazza fisiologo, antropologo e patriota italiano 1831 - 1910

cap. Il codice dell'uomo onesto, massima 80
Il bene ed il male

Gesualdo Bufalino photo

„Dovetti scegliere fra morte e stupidità. Sopravvissi.“

—  Gesualdo Bufalino scrittore 1920 - 1996

Origine: Il malpensante, Maggio, p. 58

Robert Musil photo
Karl Kraus photo

„Una donna deve avere un aspetto così intelligente che la sua stupidità si presenti poi come una piacevole sorpresa.“

—  Karl Kraus scrittore, giornalista e aforista austriaco 1874 - 1936

Di notte

Karl Kraus photo

„Sono per la dispersione della stupidità. Non va bene che si concentri per intere settimane in un punto solo.“

—  Karl Kraus scrittore, giornalista e aforista austriaco 1874 - 1936

19 giugno 1908
Aforismi in forma di diario

George Orwell photo
Louis-ferdinand Céline photo
Marcel Proust photo
Žarko Petan photo

„Meno cervello c'è nella testa, più spazio c'è per la stupidità.“

—  Žarko Petan scrittore, drammaturgo, giornalista 1929 - 2014

Senza fonte

Baltasar Gracián photo
Ernst Jünger photo