Frasi sulla sofferenza

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema dolore, sofferenza, vita, essere.

Migliori frasi sulla sofferenza

Fëdor Dostoevskij photo
Edith Stein photo

„La via della sofferenza è la più sicura per giungere all'unione con Dio.“

—  Edith Stein religiosa e filosofa tedesca 1891 - 1942

La mistica della croce

Frida Kahlo photo
John Lennon photo

„Dio è un concetto con il quale misuriamo la nostra sofferenza.“

—  John Lennon musicista, cantautore, poeta, attivista e attore britannico 1940 - 1980

John Lennon/Plastic Ono Band

Dalai Lama photo

„Tutti gli esseri viventi vogliono la felicità e non vogliono la sofferenza.“

—  Dalai Lama 14º Dalai Lama e Premio Nobel per la Pace 1989 1935

L'arte della pace interiore

Etty Hillesum photo

„Le peggiori sofferenze dell'uomo sono quelle che egli teme.“

—  Etty Hillesum scrittrice olandese 1914 - 1943

Diario

Tutte frasi sulla sofferenza

Un totale di 918 frasi sofferenza, il filtro:

Paulo Coelho photo
Johan Cruijff photo
Friedrich Nietzsche photo
Friedrich Nietzsche photo
Khalil Gibran photo
Fëdor Dostoevskij photo
Anselm Grün photo
Daisaku Ikeda photo
Krishna photo
Anaïs Nin photo
Alejandro Jodorowsky photo

„La gente desidera smettere di soffrire, è vero, ma non è disposta a pagarne il prezzo, a cambiare, a cessare di definirsi in funzione delle sue adorate sofferenze.“

—  Alejandro Jodorowsky scrittore, drammaturgo e poeta cileno 1929

Psicomagia. Una terapia panica. Conversazioni con Gilles Farcet

Malala Yousafzai photo
Federico Caffè photo

„Il capitalismo maturo, al pari di quello originario, poggia su sofferenze umane non contabilizzate, ma non per questo meno frustranti e degradanti.“

—  Federico Caffè economista italiano 1914 - 1987

21 febbraio 1985: p. 106
Scritti quotidiani

Fëdor Dostoevskij photo
Raniero Cantalamessa photo
José Saramago photo
Paulo Coelho photo
Brigitte Bardot photo
Honoré De Balzac photo

„Bisogna vincere le sofferenze morali che finiscono per rovinar la salute, perché l'amore non resiste a lungo al letto d'un malato.“

—  Honoré De Balzac scrittore, drammaturgo e critico letterario francese 1799 - 1850

Origine: All'insegna del gatto che gioca alla palla, p. 97

Oscar Wilde photo
Oscar Wilde photo
Martin Luther King photo
Fëdor Dostoevskij photo
Simone Weil photo
Michail Bulgakov photo
Gino Strada photo
Daisaku Ikeda photo
Emily Brontë photo
Marie Curie photo
Cormac McCarthy photo
Liliana Segre photo

„Coltivare la Memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l'indifferenza e ci aiuta, in un mondo così pieno di ingiustizie e di sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi ha una coscienza e la può usare.“

—  Liliana Segre reduce dell'olocausto e senatrice a vita italiana 1930

Origine: Dal messaggio dopo la nomina a senatrice a vita; citato in Liliana Segre dopo la nomina a senatrice a vita: "Proseguirò l'impegno contro la follia del razzismo" http://www.repubblica.it/politica/2018/01/19/news/liliana_segre_dopo_la_nomina_a_senatrice_a_vita_proseguiro_l_impegno_contro_la_follia_del_razzismo_-186843053/, Repubblica.it, 19 gennaio 2018.

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Thich Nhat Hanh photo
Dalai Lama photo
Marco Travaglio photo

„Dipendesse da me, il crocifisso resterebbe appeso nelle scuole. E non per le penose ragioni accampate da politici e tromboni di destra, centro, sinistra e persino dal Vaticano. Anzi, se fosse per quelle, lo leverei anch'io. […] Se dobbiamo difendere il crocifisso come "arredo", tanto vale staccarlo subito. Gesù in croce non è nemmeno il simbolo di una "tradizione" (come Santa Klaus o la zucca di Halloween) o della presunta "civiltà ebraico-cristiana" (furbesco gingillo dei Pera, dei Ferrara e altri ateoclericali che poi non dicono una parola sulle leggi razziali contro i bambini rom e sui profughi respinti in alto mare). Gesù Cristo è un fatto storico e una persona reale, morta ammazzata dopo indicibili torture, pur potendosi agevolmente salvare con qualche parola ambigua, accomodante, politichese, paracula. È, da duemila anni, uno "scandalo" sia per chi crede alla resurrezione, sia per chi si ferma al dato storico della crocifissione. L'immagine vivente di libertà e umanità, di sofferenza e speranza, di resistenza inerme all'ingiustizia, ma soprattutto di laicità ("date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio") e gratuità ("Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno"). Gratuità: la parola più scandalosa per questi tempi dominati dagli interessi, dove tutto è in vendita e troppi sono all'asta. Gesù Cristo è riconosciuto non solo dai cristiani, ma anche dagli ebrei e dai musulmani, come un grande profeta. Infatti fu proprio l'ideologia più pagana della storia, il nazismo – l'ha ricordato Antonio Socci – a scatenare la guerra ai crocifissi. È significativo che oggi nessun politico né la Chiesa riescano a trovare le parole giuste per raccontarlo. […] Basterebbe raccontarlo a tanti ignorantissimi genitori, insegnanti, ragazzi: e nessuno – ateo, cristiano, islamico, ebreo, buddista che sia – si sentirebbe minimamente offeso dal crocifisso. Ma, all'uscita della sentenza europea, nessun uomo di Chiesa è riuscito a farlo. Forse la gerarchia è troppo occupata a fare spot per l'8 per mille, a batter cassa per le scuole private e le esenzioni fiscali, a combattere Dan Brown e Halloween, e le manca il tempo per quell'uomo in croce. Anzi, le mancano proprio le parole. Oggi i peggiori nemici del crocifisso sono proprio i chierici. E i clericali.“

—  Marco Travaglio giornalista, saggista e scrittore italiano 1964

da Ma io difendo quella croce, 5 novembre 2009
Il Fatto Quotidiano

Jane Goodall photo

„Certamente non siamo gli unici animali che vivono l'esperienza del dolore e della sofferenza. In altre parole, non c'è una linea netta tra l'animale uomo e il resto del regno animale. È una linea indistinta e lo sarà sempre…
La paura in una scimmia, un cane, un maiale, viene vissuta verosimilmente alla stessa maniera della specie umana. Giovani animali, umani o di altre specie, mostrano, difatti, comportamenti simili quando sono ben nutriti e sicuri – sono vivaci, saltellano, fanno piroette, rimbalzano, fanno capriole – tanto che è difficile non credere che non provino sentimenti molto simili. Essi sono, in altre parole, pieni di gioia di vivere – sono felici… un giovane scimpanzé, dopo la morte della sua mamma, mostra un comportamento simile alla depressione che affligge i bambini – postura incurvata, dondolio, occhi offuscati fissi nel vuoto, perdita di interesse per quanto accade attorno a sé. Se un piccolo d'uomo può soffrire di dolore, così può soffrire un giovane scimpanzé…
…stare a chiedersi se scimpanzé, elefanti, cani e così via, sperimentino felicità, tristezza, disperazione, rabbia, è uno spreco di tempo – poiché queste cose sono evidenti a chiunque abbia… sperimentato nella sua vita una conoscenza degli animali.“

—  Jane Goodall etologa e antropologa britannica 1934

Origine: Da Premessa, in Marc Bekoff, La vita emozionale degli animali; citato in Marini, [//books.google.it/books?id=fDaVAwAAQBAJ&pg=PA185 p. 185].

Antonio Gramsci photo
Primo Levi photo
Cormac McCarthy photo
Milan Kundera photo
Mathias Malzieu photo
Brandon Sanderson photo
Giovannino Guareschi photo
George Orwell photo
Oriana Fallaci photo
Milan Kundera photo
Bodhidharma photo
Alexandre Dumas (padre) photo
Umberto Veronesi photo
John Frusciante photo
Primo Levi photo
Luigi Pirandello photo

„Le anime hanno un loro particolar modo d'intendersi, d'entrare in intimità, fino a darsi del tu, mentre le nostre persone sono tuttavia impacciate nel commercio delle parole comuni, nella schiavitù delle esigenze sociali. Han bisogni lor proprii e loro proprie aspirazioni le anime, di cui il corpo non si dà per inteso, quando veda l'impossibilità di soddisfarli e di tradurle in atto. E ogni qualvolta due che comunichino fra loro così, con le anime soltanto, si trovano soli in qualche luogo, provano un turbamento angoscioso e quasi una repulsione violenta d'ogni minimo contatto materiale, una sofferenza che li allontana, e che cessa subito, non appena un terzo intervenga. Allora, passata l'angoscia, le due anime sollevate si ricercano e tornano a sorridersi da lontano.“

—  Luigi Pirandello, libro Il fu Mattia Pascal

Il fu Mattia Pascal
Il fu Mattia Pascal
Variante: Le anime hanno un loro particolar modo d'intendersi, d'entrare in intimità, fino a darsi del tu, mentre le nostre persone sono tuttavia impacciate nel commercio delle parole comuni, nella schiavitù delle esigenze sociali. Han bisogni lor proprii e le loro proprie aspirazioni le anime, di cui il corpo non si dà per inteso, quando veda l'impossibilità di soddisfarli e di tradurle in atto. E ogni qualvolta due che comunichino fra loro così, con le anime soltanto, si trovano soli in qualche luogo, provano un turbamento angoscioso e quasi una repulsione violenta d'ogni minimo contatto materiale, una sofferenza che li allontana, e che cessa subito, non appena un terzo intervenga. Allora, passata l'angoscia, le due anime sollevate si ricercano e tornano a sorridersi da lontano.

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
John Green photo
Milan Kundera photo
Léon Degrelle photo
Isacco di Ninive photo
Mircea Eliade photo
Javier Zanetti photo
Candido Cannavò photo
Franco Basaglia photo
Massimo Recalcati photo
Valter Bitencourt Júnior photo
Antoine de Saint-Exupéry photo

„Non confondere l'amore col delirio del possesso, che causa le sofferenze più atroci. Perché contrariamente a quanto comunemente si pensa, l'amore non fa soffrire. Quello che fa soffrire è l'istinto della proprietà, che è il contrario dell'amore.“

—  Antoine de Saint-Exupéry scrittore e aviatore francese 1900 - 1944

Origine: Da Cittadella, LIV (LV), p. 150; citato in Nuccio Ordine, L'utilità dell'inutile, Bompiani, 2013. ISBN 9788845274480, p. 174.

Simone Weil photo
Massimo Troisi photo

„La sofferenza in amore è un vuoto a perdere: nessuno ci può guadagnare, tranne i cantautori che ci fanno le canzoni.“

—  Massimo Troisi attore e regista italiano 1953 - 1994

dall'intervista di Gianni Minà a Pino Daniele e Massimo Troisi nel suo programma televisivo Alta Classe, 1992

Papa Paolo VI photo

„Anche gli animali sono creature di Dio, che nella loro muta sofferenza sono un segno dell'impronta universale del peccato e della universale attesa della redenzione.“

—  Papa Paolo VI 262° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1897 - 1978

Origine: Citato nell' intervento tenuto da Luigi Lorenzetti alla Giornata per la Coscienza degli Animali del 13 maggio 2010 http://www.lacoscienzadeglianimali.it/index.php/gli-interventi/24-la-coscienza-degli-animali-milano-13-maggio-2010-intervento-di-luigi-lorenzetti.

Bernard de Mandeville photo
Bertrand Russell photo
Bertrand Russell photo

„Il pensiero non è una delle attività naturali dell'uomo; è l'effetto della sofferenza, come un'alta temperatura nella malattia.“

—  Bertrand Russell filosofo, logico e matematico gallese 1872 - 1970

cap. 8, p. 115
Storia delle idee del secolo XIX

Jim Morrison photo
Paola Maugeri photo
Etty Hillesum photo
Bernadetta Soubirous photo

„Perché bisogna soffrire? Perché quaggiù l'Amore puro non esiste senza sofferenza.“

—  Bernadetta Soubirous religiosa e mistica francese 1844 - 1879

Quaderno delle note intime

Romano Battaglia photo
Dalai Lama photo
Peter Singer photo
Publio Ovidio Nasone photo
Éric-Emmanuel Schmitt photo
Raniero Cantalamessa photo
Voltaire photo
Jonathan Safran Foer photo
Papa Giovanni Paolo II photo
Federico Caffè photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Kakashi Hatake photo
Giacomo Gaglione photo

„Sul letto della sofferenza incominciai a conoscere una gioia che nessuna festa mi aveva dato.“

—  Giacomo Gaglione religioso italiano 1896 - 1962

Origine: La sofferenza vinta dall'amore, p. 79