Frasi di Federico Fellini

Federico Fellini foto

49   35

Federico Fellini

Data di nascita: 20. Gennaio 1920
Data di morte: 31. Ottobre 1993

Federico Fellini è stato un regista, sceneggiatore, scrittore e fumettista italiano.

È considerato uno dei maggiori registi della storia del cinema. Già vincitore di quattro premi Oscar al miglior film straniero, per la sua attività da cineasta gli è stato conferito nel 1993 l'Oscar alla carriera. Vincitore due volte del Festival di Mosca , ha inoltre ricevuto la Palma d'oro al Festival di Cannes nel 1960 e il Leone d'oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1985.

Nell'arco di quasi quarant'anni - da Lo sceicco bianco del 1952 a La voce della luna del 1990 - Fellini ha "ritratto" in decine di lungometraggi una piccola folla di personaggi memorabili. Definiva se stesso "un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo". Ha lasciato opere indimenticabili, ricche di satira ma anche velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. I titoli dei suoi più celebri film - La strada, Le notti di Cabiria, La dolce vita, 8½ e Amarcord - sono diventati dei topoi citati, in lingua originale, in tutto il mondo.

Frasi Federico Fellini


Federico Fellini foto
Federico Fellini49
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993
„Un linguaggio diverso è una diversa visione della vita.“intervista Intervista a 'The New York Times'

Federico Fellini foto
Federico Fellini49
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993




Federico Fellini foto
Federico Fellini49
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993

Federico Fellini foto
Federico Fellini49
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993






Federico Fellini foto
Federico Fellini49
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993
„Nulla si sa, tutto si immagina.“da La voce della Luna, a cura di Gianfranco Angelucci, Einaudi, 1990



Federico Fellini foto
Federico Fellini49
regista e sceneggiatore italiano 1920 – 1993
„Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare.“dalla rivista francese L'Are, n. 45, 1971; citato in Franco Pecori, Fellini, La nuova Italia, 1974




Autori simili