Frasi dal lavoro
Le metamorfosi

Publio Ovidio NasoneTitolo originale Metamorphoseon libri (Latine)

Le metamorfosi è un poema epico-mitologico di Publio Ovidio Nasone incentrato sul fenomeno della metamorfosi. Attraverso quest'opera, ultimata poco prima dell'esilio dell'8 d.C., Ovidio ha reso celebri e trasmesso ai posteri numerosissime storie e racconti mitologici della classicità greca e romana.


Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo

„Lasciamo ai vecchi conoscere il diritto ed esaminare che cos'è permesso e che cos'è empio e non empio e rispettare le sottili distinzioni delle leggi. Alla nostra età si conviene essere temerari, in amore. Ancora non sappiamo che cosa sia lecito, e crediamo che tutto sia lecito e seguiamo l'esempio dei grandi dèi.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

IX, 554; 1994, p. 371
Iuta senes norint, et quid liceatque nefasque | fasque sit inquirant, legumque examina servent. | Conveniens Venus est annis temeraria nostris; | quid liceat nescimus adhuc, et cuncta licere | credimus, et sequimur magnorum exempla deorum.
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo

„Ma a che le giovò aver partorito due gemelli ed essere piaciuta a due dèi e avere per padre un gran guerriero e per nonno un fulgido astro? Non nuoce molte volte anche la gloria?“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

XI, 318; 1994, p. 443
Quid peperisse duos et dis placuisse duobus et | forti genitore et progenitore comanti | esse satam prodest? An obest quoque gloria multis?
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo

„[…] la bramosia mi consiglia una cosa, la mente un'altra. Vedo il bene e lo approvo, e seguo il male.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

VII, 19; 1994, p. 249
Aliudque cupido, | mens aliud suadet: video meliora proboque, | deteriora sequor.
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo

„O tre dee del castigo, Furie, volgete il vostro sguardo a questo rito infernale! Vendico una colpa commettendone un'altra. La morte va espiata con la morte. A delitto va aggiunto delitto, a funerale funerale: si estingua lo sciagurato casato, con questo accumularsi di lutti.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

VIII, 481; 1994, p. 319
«Poenarum que «deae triplices, furialibus», inquit | «Eumenides, sacris vultus advertite vestros! | Ulciscor facioque nefas; mors morte pianda est, | in scelus addendum scelus est, in funera funus: | per coacervatos pereat domus inpia luctus.
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo

„O Tempo divoratore, e tu, invidiosa Vecchiaia, voi tutto distruggete e a poco a poco consumate ogni cosa facendola morire, rosa dai denti dell'età, di morte lenta.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

Pitagora; XV, 234; 1994, p. 615
Tempus edax rerum, tuque, invidiosa Vetustas, | omnia destruitis, vitiataque dentibus aevi | paulatim lenta consumitis omnia morte.
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo

„L'intento di Ščeglov è spiegare l'impressione comune, contraddittoria, che il mondo ovidiano lascia nel lettore: grande varietà e ricchezza, ma insieme grande unità, e parentela fra tutte le cose. Cercando di individuare i fattori che suscitano questa duplice impressione, Ščeglov – eccellente filologo – considera la strana insistenza con cui nel poema vengono usati epiteti che a prima vista possono apparire superflui o ornamentali (lungo serpente, umide paludi ecc.), e nota come questi abbinamenti abbiano invece la precisa funzione di isolare proprietà oggettive, di fissare tratti distintivi mediante concetti geometrici e fisici; e passando alla tecnica delle descrizioni ovidiane, in prima linea quelle delle trasformazioni, ci mostra come la riduzione di ogni fenomeno a un ristretto numero di elementi fondamentali (le proprietà, i tratti distintivi) abbia tutta una catena di effetti: da un lato Ovidio caratterizza non singole cose, ma classi di cose; dall'altro, dato che i concetti geometrici e fisici sono applicabili alle cose piú disparate, tutto diventa commensurabile e quindi riducibile ad altro: e qui appunto è riposto il segreto della facilità con cui le trasformazioni avvengono nel poema e sono da noi accettate, e il mondo per le infinite combinazioni possibili si allarga, e al tempo stesso, però, riportato a un livello unico, ci si presenta come un sistema.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

Piero Bernardini Marzolla
Metamorfosi, Citazioni sulle Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo

„[Pitagora] Per primo si scagliò contro l'abitudine di cibarsi di animali […].“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

XV, 72
Metamorfosi
Origine: Citato in Erica Joy Mannucci, La cena di Pitagora, Carocci, Roma, 2008, p. 16. ISBN 978-88-430-4574-7

Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo

„Ma questo sono io! Ho capito, e la mia immagine non m'inganna piú! Brucio d'amore per me stesso, suscito e subisco la fiamma! Che devo fare? Farmi chiedere, oppure chiedere io? Ma poi, chiedere che? Quel che bramo l'ho in me: ricchezza che equivale a povertà. Oh potessi staccarmi dal mio corpo! Desiderio inaudito per un amante, vorrei che la cosa amata fosse piú distante.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

Narciso; III, 463; 1994, p. 115
Iste ego sum! sensi, nec me mea fallit imago. | Uror amore mei, flammas moveoque feroque! | Quid faciam? Roger, anne rogem? Quid deinde rogabo? | Quod cupio, mecum est: inopem me copia fecit. | O utinam a nostro secedere corpore possem! | Votum in amante novum: vellem quod amamus abesset!
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo

„Non c'è erba che possa guarire l'amore.“

—  Publio Ovidio Nasone, Le metamorfosi

I, 523
Nullis amor est sanabilis herbis.
Metamorfosi

Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Autori simili

Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone104
poeta romano -43 - 17 a.C.
Claudio Claudiano photo
Claudio Claudiano3
poeta romano
Decimo Giunio Giovenale photo
Decimo Giunio Giovenale36
poeta e oratore romano
Quinto Orazio Flacco photo
Quinto Orazio Flacco120
poeta romano
Publio Virgilio Marone photo
Publio Virgilio Marone110
poeta romano
Quinto Ennio photo
Quinto Ennio26
poeta, drammaturgo e scrittore romano
Marco Valerio Marziale photo
Marco Valerio Marziale33
poeta ed epigrammista romano
Gaio Valerio Catullo photo
Gaio Valerio Catullo63
poeta romano
Eneo Domizio Ulpiano photo
Eneo Domizio Ulpiano11
politico e giurista romano
Publio Cornelio Tacito photo
Publio Cornelio Tacito48
storico, oratore e senatore romano
Autori simili
Publio Ovidio Nasone photo
Publio Ovidio Nasone104
poeta romano -43 - 17 a.C.
Claudio Claudiano photo
Claudio Claudiano3
poeta romano
Decimo Giunio Giovenale photo
Decimo Giunio Giovenale36
poeta e oratore romano
Quinto Orazio Flacco photo
Quinto Orazio Flacco120
poeta romano
Publio Virgilio Marone photo
Publio Virgilio Marone110
poeta romano