Frasi di Antonio Gramsci

Antonio Gramscifoto

80  241

Antonio Gramsci

Data di nascita:22. Gennaio 1891
Data di morte:27. Aprile 1937

Antonio Francesco Gramsci è stato un politico, filosofo, giornalista, linguista e critico letterario italiano.

Nel 1921 fu tra i fondatori del Partito Comunista d'Italia e nel 1926 venne ristretto dal regime fascista nel carcere di Turi. Nel 1934, in seguito al grave deterioramento delle sue condizioni di salute, ottenne la libertà condizionata e fu ricoverato in clinica, dove trascorse gli ultimi anni di vita.

È considerato uno dei più importanti pensatori del XX secolo. Nei suoi scritti, tra i più originali della tradizione filosofica marxista, Gramsci analizzò la struttura culturale e politica della società. Elaborò in particolare il concetto di egemonia, secondo il quale le classi dominanti impongono i propri valori politici, intellettuali e morali a tutta la società, con l'obiettivo di saldare e gestire il potere intorno a un senso comune condiviso da tutte le classi sociali, comprese quelle subalterne.

Frasi Antonio Gramsci








Antonio Gramsci foto
Antonio Gramsci80
politico, filosofo e giornalista italiano

Antonio Gramsci foto
Antonio Gramsci80
politico, filosofo e giornalista italiano
„In principio era il verbo... No, in principio era il sesso.“ da La città futura, 1917-1918, a cura di Sergio Caprioglio, Einaudi





Antonio Gramsci foto
Antonio Gramsci80
politico, filosofo e giornalista italiano





Antonio Gramsci foto
Antonio Gramsci80
politico, filosofo e giornalista italiano
„Questa espressione – "gli umili“ è caratteristica per comprendere l'atteggiamento tradizionale degli intellettuali italiani verso il popolo e quindi il significato della "letteratura per gli umili". Non si tratta del rapporto contenuto nell'espressione dostoievschiana di "umiliati e offesi". In Dostojevschij c'è potente il sentimento nazionale-popolare, cioè la coscienza di una missione degli intellettuali verso il popolo, che magari è "oggettivamente" costituito di "umili" ma deve essere liberato da questa "umiltà", trasformato, rigenerato. Nell'intellettuale italiano l'espressione di "umili" indica un rapporto di protezione paterna e padreternale, il sentimento "sufficiente" di un propria indiscussa superiorità, il rapporto come tra due razze, una ritenuta superiore e l'altra inferiore, il rapporto come tra adulto e bambino nella vecchia pedagogia o peggio ancora un rapporto da "società protettrice degli animali", o da esercito della salute anglosassone verso i cannibali della Papuasia.


Autori simili