Frasi di Antonio Gramsci

Antonio Gramsci photo
80  254

Antonio Gramsci

Data di nascita: 22. Gennaio 1891
Data di morte: 27. Aprile 1937

Pubblicità

Antonio Francesco Gramsci è stato un politico, filosofo, giornalista, linguista e critico letterario italiano.

Nel 1921 fu tra i fondatori del Partito Comunista d'Italia e nel 1926 venne ristretto dal regime fascista nel carcere di Turi. Nel 1934, in seguito al grave deterioramento delle sue condizioni di salute, ottenne la libertà condizionata e fu ricoverato in clinica, dove trascorse gli ultimi anni di vita.

È considerato uno dei più importanti pensatori del XX secolo. Nei suoi scritti, tra i più originali della tradizione filosofica marxista, Gramsci analizzò la struttura culturale e politica della società. Elaborò in particolare il concetto di egemonia, secondo il quale le classi dominanti impongono i propri valori politici, intellettuali e morali a tutta la società, con l'obiettivo di saldare e gestire il potere intorno a un senso comune condiviso da tutte le classi sociali, comprese quelle subalterne.

Autori simili

Anacleto Verrecchia photo
Anacleto Verrecchia91
filosofo italiano
Guido Ceronetti photo
Guido Ceronetti184
poeta, filosofo e scrittore italiano
Michela Marzano photo
Michela Marzano41
filosofa e docente italiana
Eugenio Scalfari photo
Eugenio Scalfari50
giornalista, scrittore e politico italiano
Lucio Colletti photo
Lucio Colletti3
filosofo e politico italiano
Gerardo Chiaromonte photo
Gerardo Chiaromonte1
politico, giornalista e scrittore italiano
Davide Lajolo4
scrittore, politico e giornalista italiano
Luigi Pintor62
giornalista, scrittore e politico italiano
Guido De Ruggiero photo
Guido De Ruggiero3
filosofo italiano
Massimo Cacciari photo
Massimo Cacciari16
filosofo, accademico e politico italiano

Frasi Antonio Gramsci

Pubblicità

„Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire partecipare. Chi vive veramente non può non essere cittadino partecipe. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?

Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.

Io partecipo, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, partecipo. Perciò odio chi non partecipa, odio gli indifferenti.“

— Antonio Gramsci

Pubblicità
Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Luigi Einaudi photo
Luigi Einaudi24
2º Presidente della Repubblica Italiana 1874 - 1961
Dario Fo photo
Dario Fo42
drammaturgo, attore, scrittore, paroliere e scenografo i... 1926
Óscar Romero photo
Óscar Romero8
arcivescovo cattolico salvadoregno 1917 - 1980
Johan Cruijff photo
Johan Cruijff17
dirigente sportivo, allenatore di calcio e calciatore ol... 1947 - 2016
Altri 91 anniversari oggi
Autori simili
Anacleto Verrecchia photo
Anacleto Verrecchia91
filosofo italiano
Guido Ceronetti photo
Guido Ceronetti184
poeta, filosofo e scrittore italiano
Michela Marzano photo
Michela Marzano41
filosofa e docente italiana
Eugenio Scalfari photo
Eugenio Scalfari50
giornalista, scrittore e politico italiano
Lucio Colletti photo
Lucio Colletti3
filosofo e politico italiano