Frasi di Francesco Petrarca

Francesco Petrarca foto

106   52

Francesco Petrarca

Data di nascita: 20. Luglio 1304
Data di morte: 18. Luglio 1374

Francesco Petrarca è stato uno scrittore, poeta e filosofo italiano, considerato il fondatore dell'umanesimo e uno dei fondamenti della letteratura italiana, soprattutto grazie alla sua opera più celebre, il Canzoniere, patrocinato quale modello di eccellenza stilistica da Pietro Bembo nei primi del '500.

Uomo moderno, slegato ormai dalla concezione della patria come mater e divenuto cittadino del mondo, Petrarca rilanciò, in ambito filosofico, l'agostinismo in contrapposizione alla Scolastica ed operò una rivalutazione storico-filologica dei classici latini. Fautore dunque di una ripresa degli studia humanitatis in senso antropocentrico , Petrarca spese l'intera sua vita nella riproposta culturale della poetica e filosofia antica e patristica attraverso l'imitazione dei classici, offrendo un'immagine di sé quale campione di virtù e della lotta contro i vizi. La storia medesima del Canzoniere, infatti, è più un percorso di riscatto dall'amore travolgente per Laura che una storia d'amore, e in quest'ottica si deve valutare anche l'opera latina del Secretum.

Le tematiche e la proposta culturale petrarchesca, oltre ad aver fondato il movimento culturale umanistico, diedero avvio al fenomeno del petrarchismo, teso ad imitare stilemi, lessico e generi poetici propri della produzione lirica volgare dell'Aretino.

Frasi Francesco Petrarca


„A che ti giova insegnare agli altri [... ], se intanto tu per primo non ascolti te stesso?“ dalla Lettera a Cicerone, nella raccolta delle Familiares

„La fatica perseverante e la continua applicazione sono il cibo del mio spirito; quando comincerò a riposare e a rallentare il mio lavoro, allora cesserò anche di vivere.“ dalle Epistole, a cura di Ugo Dotti, UTET, 1978


„Ognuno tende a parlare non per amor di verità ma come gli aggrada.“

„Ciò che ero solito amare, non amo più; mento: lo amo, ma meno; ecco, ho mentito di nuovo: lo amo, ma con più vergogna, con più tristezza; finalmente ho detto la verità. È proprio così: amo, ma ciò che amerei non amare, ciò che vorrei odiare; amo tuttavia, ma contro voglia, nella costrizione, nel pianto, nella sofferenza. In me faccio triste esperienza di quel verso di un famosissimo poeta: "Ti odierò, se posso; se no, t'amerò contro voglia".“ da Ascesa al Monte Ventoso

„Obbedire a natura in tutto è il meglio.“

„Se non vincesti non cantar trionfo: spesso in porto la nave si sommerge.“

„Sento qualcosa di insoddisfatto nel mio cuore, sempre.“

„Le cose più belle di questo mondo sono come breve sogno.“


„Pace non trovo e non ò da far guerra,
e temo e spero; ed ardo e son un ghiaccio;
e volo sopra ‘l cielo e giaccio in terra:
e nulla stringo, e tutto ‘l mondo abbraccio.

Tal m’à in pregion, che non m’apre né serra,
né per suo mi riten né scioglie il laccio;
e non m’ancide Amor e non mi sferra,
né mi vuol vivo né ni trae d’impaccio.

Veggio senza occhi e non ò lingua e grido;
e bramo di perir e cheggio aita;
ed ò in odio me stesso ed amo altrui.

Pascomi di dolor, piangendo rido;
egualmente mi spiace morte e vita:
in questo stato son, Donna, per voi.“ libro Canzoniere

„Io son colei che sì importuna e fera, chiamata son da voi, e sorda e cieca gente, a cui si fa notte innanzi sera.“ libro Il trionfo della Morte

„Il saggio muta consiglio, ma lo stolto resta della sua opinione.“ da Ecloghe, VIII

„Non sono né vivo né sano, né morto né malato; allora soltanto comincerò a vivere e a star bene, quando troverò l'uscita di questo labirinto. A tal fine tutto son rivolto, a questo solo mi adopro.“ da XII, 10


„Solo al medico è conceduto dar morte agli uomini impunemente.“

„Seguite i pochi, e non la volgar gente.“ num. LXVII secondo il Marsand, son. LXXIII dell'ed. Mestica

„Pallida no, ma più che neve bianca, che senza venti in un bel colle fiocchi, parea posar come persona stanca; quasi un dolce dormir ne' suo' belli occhi, sendo lo spirto già da lei diviso, era quel che morir chiaman gli sciocchi: morte bella parea nel suo bel viso.“ libro Il trionfo della Morte

„I libri condussero alcuni alla sapienza, altri alla follia.“

Autori simili