Frasi di Luigi Pirandello

Luigi Pirandello photo
162   320

Luigi Pirandello

Data di nascita: 28. Giugno 1867
Data di morte: 10. Dicembre 1936

Pubblicità

Luigi Pirandello fu un drammaturgo, scrittore e poeta italiano, insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1934. Per la sua produzione, le tematiche affrontate e l'innovazione del racconto teatrale è considerato tra i maggiori drammaturghi del XX secolo. Tra i suoi lavori spiccano diverse novelle e racconti brevi e circa quaranta drammi, l'ultimo dei quali incompleto.

Autori simili

Günter Grass photo
Günter Grass12
scrittore, poeta e drammaturgo tedesco
José Saramago photo
José Saramago212
scrittore, critico letterario e poeta portoghese
Eugenio Montale photo
Eugenio Montale71
poeta, giornalista e critico musicale italiano
Pär Fabian Lagerkvist photo
Pär Fabian Lagerkvist18
scrittore svedese
Giosue Carducci photo
Giosue Carducci88
poeta e scrittore italiano
Antonio Fogazzaro photo
Antonio Fogazzaro75
scrittore italiano
Frédéric Mistral photo
Frédéric Mistral3
scrittore e poeta francese
Heinrich Von Kleist photo
Heinrich Von Kleist12
drammaturgo e poeta tedesco
Eugene Gladstone O`Neill photo
Eugene Gladstone O`Neill3
drammaturgo statunitense
Shmuel Yosef Agnon photo
Shmuel Yosef Agnon10
scrittore israeliano

Frasi Luigi Pirandello

Pubblicità
Citát „Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.“

„Io sono nato in Sicilia e lì l'uomo nasce isola nell'isola e rimane tale fino alla morte, anche vivendo lontano dall'aspra terra natìa circondata dal mare immenso e geloso.“

—  Luigi Pirandello
dal discorso pronunciato da Luigi Pirandello in occasione della morte di Giovanni Verga; citato in Michele Sabatino, Tra la mia perduta gente. Lettere e poesie, epilogo, La Moderna Edizioni, Enna, 2006

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„E mi svolse (fors'anche perché fossi preparato a gli esperimenti spiritici, che si sarebbero fatti questa volta in camera mia, per procurarmi un divertimento) mi svolse, dico, una sua concezione filosofica, speciosissima, che si potrebbe forse chiamare lanterninosofia. Di tratto in tratto, il brav'uomo s'interrompeva per domandarmi: – Dorme, signor Meis? E io ero tentato di rispondergli: – Sì, grazie, dormo, signor Anselmo. Ma poiché l'intenzione in fondo era buona, di tenermi cioè compagnia, gli rispondevo che mi divertivo invece moltissimo e lo pregavo anzi di seguitare. E il signor Anselmo, seguitando, mi dimostrava che, per nostra disgrazia, noi non siamo come l'albero che vive e non si sente, a cui la terra, il sole, l'aria, la pioggia, il vento, non sembra che sieno cose ch'esso non sia: cose amiche o nocive. A noi uomini, invece, nascendo, è toccato un tristo privilegio: quello di sentirci vivere, con la bella illusione che ne risulta: di prendere cioè come una realtà fuori di noi questo nostro interno sentimento della vita, mutabile e vario, secondo i tempi, i casi e la fortuna. E questo sentimento della vita per il signor Anselmo era appunto come un lanternino che ciascuno di noi porta in sé acceso; un lanternino che ci fa vedere sperduti su la terra, e ci fa vedere il male e il bene; un lanternino che projetta tutt'intorno a noi un cerchio più o meno ampio di luce, di là dal quale è l'ombra nera, l'ombra paurosa che non esisterebbe, se il lanternino non fosse acceso in noi, ma che noi dobbiamo pur troppo creder vera, fintanto ch'esso si mantiene vivo in noi. Spento alla fine a un soffio, ci accoglierà la notte perpetua dopo il giorno fumoso della nostra illusione, o non rimarremo noi piuttosto alla mercé dell'Essere, che avrà soltanto rotto le vane forme della nostra ragione? – Dorme, signor Meis? – Segua, segua pure, signor Anselmo: non dormo. Mi par quasi di vederlo, codesto suo lanternino. – Ah, bene… Ma poiché lei ha l'occhio offeso, non ci addentriamo troppo nella filosofia, eh? e cerchiamo piuttosto d'inseguire per ispasso le lucciole sperdute, che sarebbero i nostri lanternini, nel bujo della sorte umana. Io direi innanzi tutto che son di tanti colori; che ne dice lei? secondo il vetro che ci fornisce l'illusione, gran mercantessa, gran mercantessa di vetri colorati. A me sembra però, signor Meis, che in certe età della storia, come in certe stagioni della vita individuale, si potrebbe determinare il predominio d'un dato colore, eh? In ogni età, infatti, si suole stabilire tra gli uomini un certo accordo di sentimenti che dà lume e colore a quei lanternoni che sono i termini astratti: Verità, Virtù, Bellezza, Onore, e che so io… E non le pare che fosse rosso, ad esempio, il lanternone della Virtù pagana? Di color violetto, color deprimente, quello della Virtù cristiana. Il lume d'una idea comune è alimentato dal sentimento collettivo; se questo sentimento però si scinde, rimane sì in piedi la lanterna del termine astratto, ma la fiamma dell'idea vi crepita dentro e vi guizza e vi singhiozza, come suole avvenire in tutti i periodi che son detti di transizione. Non sono poi rare nella storia certe fiere ventate che spengono d'un tratto tutti quei lanternoni. Che piacere! Nell'improvviso bujo, allora è indescrivibile lo scompiglio delle singole lanternine: chi va di qua, chi di là, chi torna indietro, chi si raggira; nessuna più trova la via: si urtano, s'aggregano per un momento in dieci, in venti; ma non possono mettersi d'accordo, e tornano a sparpagliarsi in gran confusione, in furia angosciosa: come le formiche che non trovino più la bocca del formicajo, otturata per ispasso da un bambino crudele. Mi pare, signor Meis, che noi ci troviamo adesso in uno di questi momenti. Gran bujo e gran confusione! Tutti i lanternoni, spenti. A chi dobbiamo rivolgerci? Indietro, forse? Alle lucernette superstiti, a quelle che i grandi morti lasciarono accese su le loro tombe?“

—  Luigi Pirandello
Cap XIII

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“

Anniversari di oggi
Erwin Rommel photo
Erwin Rommel9
generale tedesco 1891 - 1944
Gesualdo Bufalino photo
Gesualdo Bufalino239
scrittore 1920 - 1996
Margaret Mead photo
Margaret Mead8
antropologa statunitense 1902 - 1978
Henryk Sienkiewicz photo
Henryk Sienkiewicz11
scrittore e giornalista polacco 1846 - 1916
Altri 96 anniversari oggi
Autori simili
Günter Grass photo
Günter Grass12
scrittore, poeta e drammaturgo tedesco
José Saramago photo
José Saramago212
scrittore, critico letterario e poeta portoghese
Eugenio Montale photo
Eugenio Montale71
poeta, giornalista e critico musicale italiano
Pär Fabian Lagerkvist photo
Pär Fabian Lagerkvist18
scrittore svedese
Giosue Carducci photo
Giosue Carducci88
poeta e scrittore italiano