Frasi sull'infanzia

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema infanzia.

Argomenti correlati

Un totale di 418 frasi infanzia, il filtro:


 Jovanotti photo
Arundhati Roy photo
Pubblicità
Chuck Palahniuk photo
Ennio Rega photo
Ennio Rega photo

„Nel dormiveglia ricordo l'infanzia | c'è una penombra in cui tutto torna.“

—  Ennio Rega cantautore e compositore italiano 1953
da Lavoro studio sviluppo

Ágota Kristóf photo
Simone Weil photo
Banana Yoshimoto photo
Pubblicità
Robert Fulghum photo
Alessandro Del Piero photo
Fëdor Dostoevskij photo

„Ancora sedicenne, li osservavo con cupa meraviglia; già allora mi stupivano la grettezza del loro pensiero, la stupidità delle occupazioni, dei giochi, dei discorsi loro. Non capivano certe cose cosí indispensabili, non s'interessavano di argomenti cosí suggestivi e impressionanti che per forza presi a considerarli inferiori a me. Non era la vanità offesa che mi ci spingeva, e, per amor di Dio, non venitemi avanti con le obiezioni convenzionali, rancide fino alla nausea, che io non facevo che sognare, mentre essi già allora capivano la vita reale. Nulla essi capivano, nessuna vita reale, e vi giuro che questo, appunto, era ciò che piú m'indignava in loro. Al contrario, la realtà piú evidente, piú abbagliante la percepivano in modo fantasticamente sciocco e già allora si abituavano ad inchinarsi nient'altro che al successo. Di tutto ciò che era giusto, ma umiliato e oppresso, ridevano crudelmente e vergognosamente. La posizione la consideravano ingegno; a sedici anni discorrevano già di comodi posticini. Naturalmente, in questo molto derivava dalla stupidità, dal cattivo esempio che aveva sempre circondato la loro infanzia e adolescenza. Erano depravati fino alla mostruosità. S'intende che anche qui c'era soprattutto esteriorità, soprattutto cinismo ostentato, s'intende che la giovinezza e una certa freschezza trasparivano anche in loro perfino attraverso la depravazione; ma in loro non era attraente nemmeno la freschezza e si manifestava come una specie di bricconeria. Io li odiavo tremendamente, sebbene fossi magari peggio di loro. Essi mi ripagavano della stessa moneta, e non nascondevano la propria ripugnanza per me. Ma io non desideravo piú il loro affetto; al contrario, avevo sempre sete della loro umiliazione.“

—  Fëdor Dostoevskij scrittore e filosofo russo 1821 - 1881
A proposito della neve bagnata, III; 2002, p. 70

Antonio Simon Mossa photo
Pubblicità
Michael Jackson photo
Osip Ėmil'evič Mandel'štam photo
 Dalai Lama photo
Wisława Szymborska photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Translate quotes
Avanti